Ansia nei bambini: sintomi, come aiutarli, rimedi naturali

Ansia nei bambini: sintomi, come aiutarli, rimedi naturali

Proprio come gli adulti, bambini e giovani a volte si sentono preoccupati e ansiosi. Ma se l’ansia di tuo figlio inizia a influenzare il suo benessere, potrebbe aver bisogno di aiuto.

Cosa rende i bambini ansiosi, come si instaura l’ansia nei bambini?
I bambini possono sentirsi ansiosi per motivazioni diverse in età diverse. Molte di queste preoccupazioni sono una parte normale della crescita.

Ad esempio, dall’età di circa 6 mesi a 3 anni è molto comune per i bambini piccoli soffrire di ansia da separazione. Possono diventare appiccicosi e piangere quando vengono separati dai genitori o da chi li assiste. Questa è una fase normale dello sviluppo di un bambino e dovrebbe interrompersi intorno all’età di 2-3 anni.

È anche comune che i bambini in età prescolare sviluppino paure o fobie specifiche. Le paure comuni nella prima infanzia includono animali, insetti, tempeste, altezze, acqua, sangue, buio e oscurità. Queste paure di solito scompaiono gradualmente da sole.

Ci possono essere anche altre situazioni nella vita di un bambino dove si sentirà ansioso. Ad esempio, molti bambini si sentono ansiosi quando vanno in una nuova scuola o prima di compiti o verifiche a scuola. Alcuni bambini si sentono timidi nelle situazioni sociali e potrebbero aver bisogno di supporto per questo.

Leggi anche:

Ansia in gravidanza: sintomi, rischi, come trattarla. Fa male al bambino?

Tic Nervosi nei bambini: tic del collo, strizzare gli occhi. Qual è la causa? Si possono risolvere?

Genitori separati in casa: intervista esclusiva allo psicoterapeuta Ferdinando Pellegrino

come si manifesta l ansia   paure bambini   attacco di panico nei bambini vomito serale nei bambini ansia nei bambini ansia nei bambini 6 anni ansia nei bambini 8 anni ansia nei bambini di 10 anni

Le paure dei bambini: quando l’ansia è un problema per i bambini?

L’ansia diventa un problema per i bambini quando inizia a intralciare la loro vita quotidiana.

Andando a scuola durante le interrogazioni o le verifiche, tutti i bambini saranno ansiosi, ma alcuni potrebbero essere così ansiosi da non riuscire ad andare a scuola quella mattina.

Un’ansia grave come questa può danneggiare il benessere mentale ed emotivo dei bambini, influenzando la loro autostima e la loro fiducia. Possono sentirsi introversi e fare di tutto per evitare cose o situazioni che li fanno sentire ansiosi.

Ansia nei bambini sintomi: quali sono i segni di ansia nei bambini?

Quando i bambini piccoli si sentono ansiosi, non sempre riescono a capire o esprimere ciò che provano.

Potresti notare che:

  • diventare irritabile, piagnucolone o appiccicoso
  • avere difficoltà a dormire
  • sveglia durante la notte
  • inizia a bagnare il letto
  • fare brutti sogni ( ansia notturna)

Nei bambini più grandi potresti notare che:

  • mancanza di fiducia per provare cose nuove o sembra incapace di affrontare le semplici sfide quotidiane
  • trova difficile concentrarti
  • ha problemi a dormire o mangiare
  • hanno scoppi di rabbia
  • avere molti pensieri negativi o continuare a pensare che accadranno cose brutte
  • inizia a evitare le attività quotidiane, come vedere gli amici, uscire in pubblico o andare a scuola

Avere paura di tutto. Le ansie

Perché mio figlio è ansioso?
Alcuni bambini hanno maggiori probabilità di avere preoccupazioni e ansia rispetto ad altri.

I bambini spesso trovano difficile il cambiamento e possono diventare ansiosi a seguito di un trasloco di casa o quando iniziano una nuova scuola, hanno avuto un’esperienza dolorosa o traumatica, come un incidente d’auto o un incendio domestico, possono soffrire di ansia in seguito.

Litigi familiari e conflitti possono anche far sentire i bambini insicuri e ansiosi: gli adolescenti hanno maggiori probabilità di soffrire di ansia sociale rispetto ad altri gruppi di età, evitando incontri sociali o cercando scuse per uscirne.

Come aiutare un bambino ansioso: ansia nei bambini rimedi

Se un bambino soffre di ansia, ci sono cose che i genitori e gli assistenti possono fare per aiutare.

Prima di tutto, è importante parlare a tuo figlio della sua ansia o delle sue preoccupazioni. Rassicurali e mostra loro che capisci come si sentono.

Se tuo figlio è abbastanza grande, può aiutarti spiegargli cos’è l’ansia e gli effetti fisici che ha sul nostro corpo. Può essere utile descrivere l’ansia come un’onda che si accumula e poi scompare di nuovo.

Oltre a parlare a tuo figlio delle sue preoccupazioni e ansia, è importante aiutarlo a trovare soluzioni.

Ad esempio, se tuo figlio è preoccupato di andare a dormire, è naturale volergli dire di non andare. Tuttavia, questo potrebbe significare che tuo figlio sente che la sua ansia gli impedirà di fare le cose.

È meglio riconoscere la loro ansia e suggerire soluzioni per aiutarli, in modo che possano andare al pigiama party con un piano in atto.

Altri modi per alleviare l’ansia nei bambini:

  1. insegnate a vostro figlio a riconoscere in se stesso i segni dell’ansia
  2. incoraggia tuo figlio a gestire la sua ansia e chiedi aiuto quando ne ha bisogno
  3. i bambini di tutte le età trovano la routine rassicurante, quindi cerca di attenersi alle routine quotidiane regolari ove possibile
  4. se tuo figlio è ansioso a causa di eventi angoscianti, come un lutto o una separazione, cerca libri o film che lo aiutino a capire i suoi sentimenti
  5. se sai che è in arrivo un cambiamento, come un trasloco di casa, prepara tuo figlio parlando con lui di cosa accadrà e perché
  6. cerca di non diventare tu stesso iperprotettivo o ansioso
  7. pratica semplici tecniche di rilassamento con tuo figlio, come fare 3 respiri lenti e profondi, inspirare contando fino a 3 ed espirare per 3.
  8. la distrazione può essere utile per i bambini piccoli. Ad esempio, se sono ansiosi di andare all’asilo, fai dei giochi lungo il percorso, come vedere chi può individuare le auto più rosse
  9. trasformare una scatola di fazzoletti vuota in una scatola di “preoccupazione”. Chiedi a tuo figlio di scrivere o di disegnare le sue preoccupazioni e di “pubblicarle” nella scatola. Quindi puoi ordinare insieme la casella alla fine della giornata o della settimana

Quando dovremmo chiedere aiuto?

Se l’ansia di tuo figlio è grave, persiste e interferisce con la sua vita quotidiana, è una buona idea chiedere aiuto.

Una visita a un medico di base è un buon punto di partenza. Se l’ansia di tuo figlio sta influenzando la sua vita scolastica, è una buona idea parlare anche con la sua scuola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *