Basilicata Coast to Coast in famiglia

Basilicata Coast to Coast in famiglia

Non si può dire che l’Italia non sia completa a livello di attrazioni turistiche e, ogni regione, ha la sua: la Basilicata ad esempio, rimane fuori dai classici circuiti turistici, ma ha davvero una vasta gamma di attrazioni.
A parte alcune regioni che non vengono bagnate dal mare, tutto il nostro territorio offre quello che serve per una vacanza estiva perfetta da fare coi bambini: mare, laghi, fiumi, campagna, montagna, arte, buona cucina e sole.

Negli ultimi anni la Puglia e la Calabria sono state letteralmente prese d’assalto per la loro bellezza e per essere mete dai prezzi abbordabili: quasi dimenticando la Basilicata, che invece può davvero offrire tutto per una famiglia.

Conosciuta soprattutto per i famosi Sassi di Matera, la Basilicata è la meno visitata dai turisti. Di norma le famiglie ci si fermano di passaggio, risalendo al nord dopo una vacanza nel sud Italia, e fanno solo una capatina a Matera,  niente di più.
Allora adesso vi spieghiamo come invece si possa passare una settimana o dieci giorni in Basilicata e godervi una vacanza davvero unica, rilassante e senza spendere troppo.

La costa lucana ha due volti: quella che si affaccia sul Mar Ionio e quella sul Tirreno, ma soprattutto ha belle spiagge ovunque tu vada , mentre all’interno, è caratterizzata da questi paesaggi lunari, tipici della zona e del sud Italia, ma anche dal famoso parco del Pollino.
Matera e Maratea  rimangono comunque le città più belle per eccellenza e da non saltare, se si visita questa magnifica regione.

Leggi anche:

Hotel per bambini con camere a tema: per una vacanza da sogno

Alle Cinque Terre coi bambini: dove andare e cosa vedere

Le isole italiane più belle: 5 mete per un viaggio alternativo

Basilicata Coast to Coast

Basilicata Coast to Coast: Costa Ionica e Costa Tirrenica

La costa ionica è particolarmente consigliata alle famiglie perché qui troverete prettamente spiagge di sabbia fine, lidi attrezzati (€ 10  ombrellone con due lettini al giorno), i parcheggi a costo zero.

La costa tirrenica è meravigliosa visivamente: mare cristallino ma con delle scogliere difficili e la spiaggia rimane complessa da raggiungere con i bimbi piccoli o peggio ancora, con passeggini e attrezzatura al seguito. Questa zona è più cara della ionica e potrete fare meno visite culturali, perché è più paesaggistica.

Costa ionica

Meta delle famiglie è Policoro – 10 minuti dal mare e in aperta campagna-: si possono trovare comunque campeggi e residence vicini al mare, alberghi e qualche bed&breakfast.
Nella zona fra Metaponto e Scansano Ionico c’è anche un paio di villaggi turistici.

Da non perdere coi bambini l”Oasi WWF: ne rimarranno meravigliati, con degli esemplari magnifici di tartarughe che spesso vengono aiutate dagli operatori a raggiungere il mare.
Si estende per 21 ettari nella Riserva Naturale Regionale: qui appunto vengono curate le tartarughe marine che rimangono impigliate nelle reti da pesca.

Con soli € 3 per gli adulti, potete partecipare ad una visita guidata nell’oasi di circa 45 minuti dove, insieme ad un esperto, vi spiegherà anche tutto sulla vita delle tartarughe. Poi andrete all’interno dell’ospedale dove curano e salvano le tartarughe e poi vi fanno vedere come vengono messe in delle grandi vasche di riabilitazione, in attesa di essere liberato in mare. Nell’ Oaosi c’è anche un centro ippico per passeggiate a cavallo ma anche per imparare a galoppare grazie agli insegnamenti di esperti qualificati.

Ora non dovete assolutamente perdervi:

  • COLOBRARO Il paese senza nome infatti chiamato “a quel paese”. Qui non potete perdervi “Sogno di una notte di…a quel Paese!” uno spettacolo itinerante per i vicoli del borgo, dove gli abitanti stessi saranno gli attori della commedia. La storia che raccontano riguarda qualcosa che nel paese porta Iella. Recitato in dialetto riesce a coinvolgere grandi e piccoli. Per partecipare però non dovete dimenticare di indossare un amuleto contro la sfiga o un sacchettino di stoffa da attaccare al collo con dentro sale grosso, e il costo per entrare al paese e vedere lo spettacolo è di soli €2 . Ci saranno anche postazioni per cenare.
  • CRACO è la famosa città fantasma che nel 1963 subì un danno ambientale: la montagna crollò su di essa per una frana e oggi restano le piazze, gli edifici, le casse ma sono tutte vuote! C’è l’obbligo di indossare i caschetti di sicurezza e si può partecipare ad una visita guidata che ripercorre le strade e quel che rimane delle piazze.Piacerà ai bambini che così si trasformano in piccoli esploratori.
    Craco è famosa perché qui è stato girato il film di Mel Gibson “La Passione” .La visita è di € 10 per l’adulto mentre i bambini gratis, l’intero percorso con guida dura circa 1h30.
  • Matera non si può saltare. Al tramonto poi, quando cala il sole sui sassi e fa meno caldo per girare, per poi arrivare alla sera quando è tutta illuminata, è il momento ideale per girarla, quindi selezionatela come meta per una cena romantica in un ristorantino tipico e, semplicemente, godetevela. Non vi stancherete di vedere questo pittoresco presepe.
    Potete fare anche una visita ad una casa grotta tipica, ad un laboratorio di un artigiano locale e fare anche la degustazione presso l’enoteca di prodotti tipici . Costo della visita guidata: € 12,50 per adulto mentre i bambini sotto i 18 anni sono gratis .
  • Metaponto tornando sul mare troverete questo borgo tra i più belli d’Italia con anche area archeologica annessa. Questo perché Metaponto è stata una tra le più importanti colonie greche dell’ Italia meridionale, e adesso le sue rovine spiccano le famose Tavole Palatine, sono 15 colonne (originariamente erano 32) di un tempio dedicato alla dea Hera.Da non perdere sena dubbio. Nel parco archeologico ci sono altri 3 templi, ad  Atena,ad  Apollo e Afrodite.
  • PISTICCI un paesaggio lunare quello dei Calanchi Lucani che vi porterà a raggiungere Pisticci, un caratteristico paesino con le sue case bianche. Siamo a 25 km dalla costa, una tappa da annoverare se volete saltare la seduta in spiaggia pomeridiana p se beccate una giornata di pioggia.
  • IL CASTELLO DI ISABELLA MORRA DI VALSINNI un luogo fiabesco questo borgo medioevale che in alcune sere d’estate, tra menetrelli e cantastorie e locande, si rianima riportandoci indietro nel tempo . C’è la possibilità di visitare una parte del castello dove visse la giovane poetessa Isabella Morra.

Costa Tirrenica

Siamo nella zona che abbraccia la Calabria e la Campania, in una piccola striscia che si estende per pochi chilometri nel Golfo di Policastro: bellezza unica, scogliere a strapiombo sul mare , insenature, spiagge di ciottoli e ghiaie o sabbia finissima. Oltre ad un mare cristallino.

  • MARATEA la chiamano anche la perla del Tirreno, famosa per il suo Cristo Redentore, un opera dello scultore Fiorentino Bruno Innocenti alta 21 metri. con l’ apertura delle braccia di 19 metri che ricorda il Cristo redentore di Rio de Jainero e domina su tutto il golfo.
    Da qui è facile arrivare al Monte San Biagio dove sorge la statua , percorribile anche con una navetta. Qui il panorama è davvero suggestivo quando arrivi ai piedi della statua. Da non perdere anche una visita alla Basilica di San Biagio.
    Piccolo e caratteristico il porto, troverete qualche negozio ,ristoranti e bar.

Le spiagge di Maratea sono diverse:

  • Cala Jannita, famosa per essere una spiaggia nera, o meglio scura incastonata nella montagna: l’acqua è limpida e caraibica. La spiaggia è libera, non ci sono bagni o stabilimenti ma comunque ben attrezzata.
  • SPIAGGIA DEL MACARRO appassionati dei snorkeling questa p la vostra spiaggia: sabbia scura anche qui, in un baia naturale con grotte e secche. Possibilità di noleggiare una canoa o un pedalò per visitare le insenature vicine.
  • FIUMICELLO ampia spiaggia sabbiosa. Il mare turchese è particolarmente adatto ai bambini, ci sono due lidi molto ben attrezzati. Una spiaggia adatta a famiglie.
  • LA SECCA è la cala più bella,con una piscina naturale immersa nella natura, l’acqua color smeraldo e un lido ben attrezzato.
  • GROTTA DELLA SCALA piccola incastonata tra le rocce davvero sublime ma… 214 scalini da scendere per arrivarci, anche se poi ne vale la pena e si gode di un bellissimo panorama.

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social. Ci aiuterai a crescere!

Visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *