Bonus ragazza madre 2020: requisiti e documentazione per ottenerlo

Bonus ragazza madre 2020: requisiti e documentazione per ottenerlo

Ancora oggi in Italia non esiste una legislazione specifica che stabilisce i diritti di una ragazza madre e che tutela la loro condizione in ambito lavorativo e professionale. Sono sempre più le donne che si interessano a come avere agevolazioni per ragazze madri. La loro condizione non è diversa da quelle delle altre madri, fatta eccezione per due diritti di cui godono: il diritto di inserimento in una casa famiglia e il diritto ad agevolazioni per l’inserimento del bambino nell’asilo nido. Scopriamo meglio quali sono i requisiti per avere sussidi per ragazze madri e che documentazione serve per ottenerli.

Leggi anche: 

Bonus mamma: come funziona

Decreto coronavirus, tutte le misure a sostegno delle famiglie: baby sitter e congedo parentale 

Bonus baby sitter 600 euro: cos’è e come richiederlo

Agevolazioni ragazza madre

Una ragazza madre è una ragazza sola che non può fare affidamento sul suo nucleo familiare per la gestione del bambino e per il suo mantenimento economico. Si tratta di una ragazza incinta o che ha già partorito e che è stata abbandonata dal compagno e dalla sua famiglia e non sa come crescere il suo bambino. Non rientrano in nessuna categoria protetta, esistono sussidi per ragazze madri disoccupate e possono chiedere aiuto nei consultori o presso i servizi sociali. La legge prevede la possibilità di portare in giudizio l’uomo che non riconosce il bambino senza un termine di scadenza. Se il padre del bambino non vuole riconoscerlo, la ragazza madre può sporgere denuncia ai carabinieri e ricorso al giudice civile. Se ha un reddito basso (inferiore a 11.369,24 euro) può avvalersi del patrocino gratuito. Se dopo la sua condanna, il padre del bambino persiste a non voler provvedere al mantenimento, può subire il pignoramento.

Bonus ragazza madre

Bonus ragazza madre

Una mamma single, monoreddito o disoccupate, può richiedere due tipi di assegno ragazza madre:

  • assegno comunale: per le mamme che non ricevono già un sussidio Inps, questo assegno viene erogato dall’Inps ed è a carico del comune di residenza. Questo assegno è per le ragazze che non hanno mai lavorato, le studentesse, quelle che lavorano a nero o che hanno lavorato per poco tempo. La richiesta va fatta entro 6 mesi dalla nascita del bambino. Basta presentare la dichiarazione dei redditi e un’autocertificazione per dimostrare di essere in possesso dei requisiti. La prestazione a carico del Comune è per un massimo di 5 mesi, per un totale di 1.694,95 euro.
  • assegno statale: anche quest’assegno viene erogato dall’Inps ma è a carico dello Stato. Possono fare richiesta le mamme disoccupate e le neo mamme lavoratrici che al momento della nascita del bambino hanno versato almeno 3 mesi di contribuzione per maternità nel periodo compreso tra i 18 e i 9 mesi precedenti il parto. Nel 2020, l’importo assegno maternità è pari a 338,89 euro per 5 mesi, per un totale di 1.694,45 euro.

 

Requisiti per avere il sussidio ragazza madre

Quali sono i requisiti per avere il bonus ragazza madre 2020?

  • cittadina italianacomunitaria residente in Italia al momento del parto, o extracomunitaria con permesso di soggiorno.
  • lavoratrice con diritto di indennità di maternità, che possieda almeno 3 mesi di contribuzione per maternità nel periodo compreso tra i 18 e i 9 mesi precedenti la nascita del figlio
  • lavoratrice licenziata (o che ha dato le dimissioni) che ha almeno 3 mesi di contribuzione per maternità nel periodo compreso tra i 18 e i 9 mesi precedenti alla nascita del figlio.
  • lavoratrice disoccupata che ha già avuto determinate prestazioni economiche, erogate dall’INPS o altri enti previdenziali, a condizione che l’ultimo giorno di fruizione non sia lontano più di 9 mesi dal momento della nascita del figlio.

 

 

 

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social. Ci aiuterai a crescere!

Visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *