Camomilla ai neonati: si può dare? La parola all’esperto

Camomilla ai neonati: si può dare? La parola all'esperto

Molti genitori usano dare la camomilla ai neonati nel biberon, per aiutarli a rilassarsi e a dormire meglio, ma anche per diminuire le coliche che arrivano alla sera, a volte viene data anche ai neonati di 1 o 2 mesi di vita.

La ricerca scientifica assegna alla camomilla diverse notevoli proprietà e benefici:

  • rilassa i muscoli
  • aiuta il sonno
  • è antibatterica

Ma ai neonati? Per loro è sconsigliata sotto forma di infuso e nei bambini piccoli bisogna stare attenti.

La fitoterapia, quindi l’utilizzo delle piante per avere effetti benefici sull’ organismo è davvero richiestissimo come argomento:  piante e fiori che possono aiutarci su tutto: la natura è da sempre la più grande farmacia a nostra disposizione.

Quando i bambini sono molto piccoli poi, l’utilizzo delle piante, le erbe, gli infusi, tisane per neonati, i decotti, possono forse essere davvero i ostri alleati.
Dalla camomilla al ribes nigrum, se utilizzate in modo accurato, aiutano con i loro effetti collaterali quasi a zero.

Ma utilizzare le piante a volte può non essere una buona idea: esistono dei rischi per la salute dei bambini se infusi e piante vengono dati al momento sbagliato.

Leggi anche:

Camomilla in gravidanza: si può bere? Quali sono i benefici?

Dormire bene in gravidanza

Il sonno del bambino: aiutiamolo a dormire bene

camomille per neonati

No all’infuso di camomilla neonati -fino a 6 mesi-

La camomilla, si sa, ha quell’effetto distensivo sui muscoli, motivo per il quale viene usata in caso di crampi del tratto digerente.
Oltre all’azione calmante: ecco perchè usata quando ci sono le famose colichette. Ma in realtà, non andrebbe utilizzata nei neonati come bevanda.

Gli esperti raccomandano che i bambini allattati al seno, non devono assumere altro che il latte materno per i primi 6 mesi. Quindi NO assoluto alla camomilla nel biberon in questo periodo.

In realtà è vivamente sconsigliata anche per i neonati che prendono latte artificiale:non vanno dati altri liquidi quindi che non siano il latte materno o il latte  artificiali.

Per sistemare il problema delle coliche dei neonati è più opportuno utilizzare rimedi fitoterapici, preparazioni scientificamente testate, parliamo di integratori o gocce appositamente studiate per loro.

Attenti alle allergie

Seppur rare, esistono reazioni allergiche anche gravi alla camomilla, che sono state osservate soprattutto in soggetti allergici all’ambrosia: da rush a difficoltà respiratorie.

Camomilla e erbe da infuso rischi e controindicazioni

Quando diamo una sostanza nel nostro corpo, la quantità dipende molto dal peso corporeo.
Quindi la stessa dose di infuso ha effetti maggiori nei bambini che negli adulti.

Quindi se volete dare un infuso di camomilla ad un bambino (dopo i 6 mesi), dobbiamo stare attenti ad utilizzare erbe coltivate senza pesticidi e in zone il meno possibile contaminate.

Inoltre ricordiamo che le erbe possono anche avere dei residui di materiali pesanti (alluminio, arsenico, cadmio, rame, piombo e mercurio)(5), la loro concentrazione negli infusi è minima, ma nel caso di neonati l’impatto può essere diverso.

Inoltre sapete che la camomilla può dare l’effetto contrario: eccitarli anzichè rilassarli?

Camomilla benefici

Le proprietà riconosciute più comuni della camomilla sono:

  • antiossidanti,
  • antimicrobiche,
  • antidepressive,
  • antinfiammatorie,
  • antidiarroiche,
  • angiogeniche,
  • anticarcinogeniche,
  • epatoprotettive
  • antidiabetiche
  • utile per l’artrosi del ginocchio
  • contro la colite ulcerosa
  • per combattere la sindrome premestruale
  • i disturbi gastrointestinali.

Come utilizzare la camomilla tisane neonato

L’infuso di camomilla, utilizzato solo dopo i 6 mesi,per la preparazione occorre:

  • procurarsi i fiori di camomilla in erboristeria, prediligendo quelli da coltivazione biologica.
  • Si riscalda l’acqua fino a sfiorare il bollore.
  • Si mettono 2 cucchiaini in una tazza di acqua calda, non bollente, per 3-5 minuti, coperti.
  • Poi si filtra l’infuso.

L’infuso di camomilla può essere bevuto, ma ha anche altri utilizzi, una volta raffreddato:

  • per pulire le abrasioni e piccole ferite
  • per farne impacchi per gli occhi, detergerli,sfiammarli nel caso di rossore dovuto ad affaticamento, troppo sole, infiammazione

No alla camomilla solubile

La camomilla solubile, ha la caratteristica di essere zuccherata, quindi non va data in maniera più categoriga ai neonati, e sarebbe meglio non somministrarla neanche ai bambini .

In ogni caso non va assolutamente utilizzata per sfiammare gli occhi o detergere le ferite, perché lo zucchero nutre i batteri e otterrete l’effetto opposto.

 

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social. Ci aiuterai a crescere!

Visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *