Cappottino neonato ai ferri spiegazioni per realizzarlo e tutorial

Cappottino neonato ai ferri spiegazioni per realizzarlo e tutorial

Cercate cappottino neonato ai ferri spiegazioni dettagliate? Volete realizzare un cappotto di lana ai ferri per la vostra bimba e non sapete come fare? Il cappotto ai ferri per bimba non è così difficile come si crede. Basta armarsi di tanta pazienza e volontà e seguire passo passo le nostre spiegazioni o meglio vedere il video tutorial che vi proponiamo. I cappottini neonati sono sempre una bella idea anche per fare un regalo per la vostra nipotina o per la bimba della vostra migliore amica. Se non siete pratiche di lavoro ai ferri, vi consigliamo di vedere prima il video tutorial e ti ripetere i passaggi man mano. Vi risulterà tutto più semplice. Per i colori scegliete quelli che preferite. Il rosso è sempre un must, ma potete optare anche per un bel prugna o un rosa baby. Scopriamo insieme come realizzare un cappottino bimba ai ferri. 

Leggi anche: 

Fiocco nascita fai da te: ecco le idee più belle e originali 

Scarpine neonato ai ferri: foto e spiegazioni per realizzarle 

Gonne uncinetto bimba: 2 schemi e spiegazioni con video tutorial

Cappottini ai ferri per bimba

Come si realizzano cappotti di lana ai ferri? Per prima cosa procuratevi l’occorrente necessario ossia:

  • 1 gomitolo di filato grigio 004
  • 5 gomitoli di filato blu 005
  • Ferri numero 5
  • 2 o più alamari
  • ago da lana

La taglia di questo cappottino ai ferri bimba è 3 anni. Ecco il video tutorial cappottino neonato ai ferri spiegazioni:

Cappotti ai ferri schemi

Cappottino neonato ai ferri spiegazioni dettagliate da seguire passo passo:

Per realizzare il retro del cappotto: 
Avviare col grigio 50 ( 46 – 42) maglie e lavorare per 2 ferri a maglia legaccio poi cambiare colore e usare il blu lavorando a maglia legaccio per altri 117 (115 – 112) ferri. Ferro 118 (116 – 113) chiudere le prime 4 (4 – 2) maglie e lavorare a maglia legaccio fino alla fine del ferro.Ferro 119 (117 – 114) chiudere le prime 4 (4 – 2) maglie e lavorare a maglia legaccio fino alla fine del ferro. Ferro 120 (118 – 115) chiudere le prime 10 maglie (8 – 6) e lavorare a maglia legaccio fino alla fine del ferro. Ferro 121 (119 – 116) chiudere le prime 10 maglie (8 – 6) e lavorare a maglia legaccio fino alla fine del ferro. Dal ferro 122 al ferro 125 ( dal 120 al 123 – dal 117 al 120) lavorare a maglia legaccio. Ferro 126 (124 – 121) chiudere le maglie rimaste.
Per realizzare la parte davanti del cappottino:
Lavorare in parallelo sullo stesso ferro i due davanti in questo modo:

Avviare con 1 capo del gomitolo grigio 28 (25 – 23) maglie. Con l’altro capo del gomitolo avviare altre 28 (25 – 23) maglie. Lavorare i primi due ferri con il grigio poi lavorare col blu per 119 ( 117 – 114) ferri sempre a maglia legaccio. Ferro 120 (118 – 115) chiudere le prime 14 (11 – 9) maglie e lavorare il resto del ferro a maglia rasata. Ferro 121 (119 – 116) chiudere le prime 14 (11 – 9) maglie e lavorare il resto del ferro a maglia rasata. Ferro 122 (120 – 116) chiudere tutti i punti rimasti sul ferro.

Per realizzare le maniche del cappottino: 
Lavorare in parallelo sullo stesso ferro le due maniche come segue:

Avviare con 1 capo del gomitolo grigio 32 (30 – 28) maglie. Con l’altro capo del gomitolo avviare altre 32 (30 – 28) maglie. Lavorare per 2 ferri a maglia legaccio poi cambiare colore e utilizzare il blu. Dal ferro 3 al 90 (85 – 82) lavorare a maglia legaccio. Ferro 91 (86 – 83) chiudere i punti.
Per realizzare il cappuccio: 
Cucire le spalle del dietro ai due davanti con un ago da lana, dritto contro dritto. Riprendere, con i ferri, 13 maglie del davanti destro, 18 del dietro e altre 13 del davanti sinistro. Lavorare a maglia legaccio per 90 ferri. Otterrete un rettangolo attaccato alla giacchino. Piegare a metà per il largo il rettangolo e cucire i due lembi per chiudere il cappuccio. Cucire le maniche piegando i rettangoli per il largo. Attaccare le maniche appoggiando sempre dritto contro dritto a partire dalla spalla. Cucire i fianchi e attaccare gli alamari.

 

 

 

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social. Ci aiuterai a crescere!

Visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *