Colore degli occhi neonati: quando si definisce? Ecco cosa devi sapere

Colore degli occhi neonati: quando si definisce? Ecco cosa devi sapere

Quando il colore degli occhi neonati si definisce?
Avete avuto un bellissimo bambino, o bambina, e ha due fantastici occhi blu, ma…attenzione, dovete attendere prima di dire che sia quello il colore dei suoi occhi, visto che potrebbe ancora cambiare: i melanociti, responsabili della quantità di melanina nell’iride, lavorano fino a un anno di vita del bambino.

E, sempre parlando id occhi, tranquilli anche se notate un leggero strabismo,perché nei primi mesi di vita è normale.

Leggi anche:

Visite di controllo neonati: quali e quando vanno fatte

Sudamina neonati e bambini: come prevenirla e utili rimedi

Ittero nei neonati: tutto quello che devi sapere

cambia colore occhi

Il colore degli occhi neonato

Occhi grigi, occhi chiari, occhi cerulei o forse azzurri.
Tante le supposizioni guardando gli occhietti di un neonato di poche settimane, quando lo si prende in braccio:”Di che colore sono i suoi occhi?”, si domandano amici e parenti.

Ma per poter dire esattamente il colore degli occhi bisogna attendere l’ anno d’età.

Appena nati di solito hanno gli occhi azzurri o grigi, questo accade perché c’è poca melanina. Infatti, il colore dell’iride, come il colore della pelle e dei capelli, dipende da quantità di melanina c’è, cioè è prodotta da cellule specializzate, chiamate melanociti, che si attivano solo in presenza della luce, visto che per 9 mesi è stato al buoi nella pancia.

Per cui i melanociti si attivano solo dopo il parto e terminano dopo circa un anno. E quindi solo al primo compleanno si potrà davvero capire il colore degli occhi del bambino.

A questo punto, il bambino avrà occhi azzurri se i suoi melanociti secernono poca melanina,
se ne secernono un po’ di più, saranno verdi o nocciola.

Quando i melanociti lavorano molto gli occhi diventeranno marroni (il colore più diffuso).

Perché alcuni bambini hanno gli occhi blu? Le caratteristiche genetiche

Il colore degli occhi è una caratteristica genetica, ecco perché genitori con gli occhi azzurri hanno più probabilità di avere un bambino con gli occhi azzurri, ma non è una regola ferrea.

Due genitori con gli occhi marroni hanno più probabilità di avere un figlio con gli occhi marroni, ma non è detto.

Se uno dei genitori ha gli occhi marroni e l’altro azzurri, le probabilità che gli occhi siano di un colore o dell’altro sono uguali.

Se uno dei nonni da parte del genitore con gli occhi marroni ha gli occhi azzurri, le probabilità di avere un figlio con gli occhi azzurri aumentano.

Colore degli occhi neonati: Strabismo

Se i genitori notano nel bambino che è un po’ strabico, dovete sapere che nei primi sei mesi di vita, un leggero strabismo è normale.

La maggior parte dello sviluppo della vista si verifica nel cervello, non negli occhi. Una delle sfide più grandi per il cervello è coordinare i segnali visivi da un lato all’altro. I segnali nervosi degli occhi viaggiano attraverso i nervi ottici e si dividono su entrambi i lati del cervello.

Per far si che questi segnali siano logici, i due lati del cervello devono cooperare, comparando informazioni e coordinando i movimenti degli occhi nella direzione desiderata.
Può essere che fino ai due mesi di età il bambino abbia difficoltà a seguire un gioco che va da una parte all’altra. Ma dai due mesi tuttavia dovrà essere in grado di seguire da destra a sinistra e viceversa.

Quando vedono i neonati?

Verso i 6 mesi di età, i due lati del cervello vanno finalmente d’accordo, quindi i due occhietti del vostro pargolo, seguono finalmente insieme gli oggetti : dovrebbero andare verso la stessa direzione anche quando uno è coperto -potete fare un test voi stessi -.

Infatti, per vedere gli occhi devono essere ben coordinati.

Se dopo i 6 mesi, i genitori notano che un occhio non va sempre nella stessa direzione dell’altro, è necessario informare il pediatra.

 

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social. Ci aiuterai a crescere!

Visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *