Eparina in gravidanza: controindicazioni, a cosa serve, fino a quando va fatta

0
427
Eparina in gravidanza: controindicazioni, a cosa serve, fino a quando va fatta

L’eparina è un farmaco anticoagulante: ciò significa che rallenta la coagulazione del sangue o “assottiglia” il sangue.

Esistono vari tipi di eparina: il tipo che di solito si usa è un’eparina a basso peso molecolare (EBPM) come l’Enoxaparina (nota anche come Clexane) o Dalteparina.

La trombosi venosa è una causa in cui si forma un coagulo sanguigno (trombo) in una vena (trombosi venosa).
Più comunemente, la trombosi venosa si verifica nelle “vene profonde” delle gambe, delle cosce o del bacino e questo è chiamato trombosi venosa profonda o TVP.

Una TVP può limitare il flusso sanguigno attraverso la vena, causando gonfiore e dolore, ma c’è il rischio che possa staccarsi e viaggiare attraverso il flusso sanguigno. Questo è chiamato embolo.

Se l’embolo si deposita nel polmone, questo è noto come embolia polmonare (EP).

Un EP può causare problemi respiratori, dolore toracico e tosse con sangue, ma un EP di grandi dimensioni può causare collasso e può essere pericoloso per la vita.

Tuttavia, il rischio di sviluppare un embolo polmonare, una volta che una TVP è stata diagnosticata e trattata, è estremamente ridotto.

E sull’uso dell’eparina in gravidanza? Ecco cosa devi sapere

Leggi anche:

Varici vulvari in gravidanza: cosa sono e quali i rimedi efficaci

Tempo di Tromboplastina parziale ovvero il PTT in gravidanza: che cos’è

eparina effetti collaterali   clexane 4000 effetti collaterali   clexane in gravidanza   trombofilia e gravidanza   trombofilia in gravidanza   d dimero alto in gravidanza   effetti collaterali eparina   eparina gravidanza

Eparina Gravidanza: perché e quando occorre farla?

Durante la gravidanza e nel periodo immediatamente successivo alla nascita, il rischio di trombosi venosa aumenta.

Il tuo rischio di sviluppare una trombosi sarà valutato in gravidanza e dopo la nascita del tuo bambino.

I tre motivi più comuni per cui le donne iniziano l’eparina durante la gravidanza o dopo il parto sono:

  • Un coagulo che si forma durante questa o una precedente gravidanza.
  • Un aumento del rischio di formazione di coaguli durante la gravidanza o dopo il parto, ad esempio dopo alcuni parto cesareo o se si è immobili per un periodo di tempo.
  • Già in terapia anticoagulante a lungo termine, ad es. Trombosi ricorrente.

L’eparina a basso peso molecolare è sicura per il mio bambino non ancora nato?

Per le donne incinte e le donne che hanno partorito, l’eparina è l’anticoagulante di scelta ed è raccomandata dall’OMS.. Non attraversa la placenta e quindi è considerato sicuro.

È sicuro allattare al seno?

Non ci sono prove che l’eparina, compresa quella che usiamo (Enoxaparina), passi nel latte materno a causa della natura del farmaco.

Se una quantità molto piccola passa nel latte materno viene scomposta dagli acidi dello stomaco, quindi qualsiasi assorbimento da parte di un bambino allattato al seno è trascurabile.

Non sono stati segnalati effetti negativi su alcun bambino. Pertanto si ritiene che l’eparina sia sicura per te durante l’allattamento.

Esistono alternative all’eparina in gravidanza?

Il warfarin, un altro anticoagulante assunto in compresse, attraversa la placenta e può danneggiare il feto (tetrogenico). L’aspirina ha un debole effetto protettivo ma non è raccomandata dagli esperti per prevenire la TVP se la donna è a rischio da moderato ad alto.

Le calze elastiche compressive per TVP hanno un effetto protettivo contro la TVP, ma possono essere scomode da indossare e non sono protettive contro la trombosi in qualsiasi altro luogo tranne che sulle gambe.

Come verrà somministrata l’eparina?

L’eparina viene scomposta dagli acidi dello stomaco e quindi non può essere assunta per via orale. Deve essere somministrato per iniezione nello strato grasso del tessuto sotto la pelle.

Il tipo di EBPM che si usa viene generalmente somministrato una volta al giorno, ma possiamo somministrare eparina due volte al giorno, in particolare durante la gravidanza.

È importante che l’eparina venga somministrata alla stessa ora del giorno (entro due ore) e si consiglia di somministrarla al mattino se sono necessari gli esami del sangue per monitorarla.

Eparina in gravidanza effetti collaterali e rischi

Gli effetti collaterali dell’eparina includono:

  • Lividi nel sito di iniezione.
  • Potrebbe esserci una maggiore tendenza al sanguinamento.
  • Rischio leggermente aumentato di lividi (ematoma della ferita) in caso di parto cesareo.
  • Molto raramente possono verificarsi reazioni di tipo allergico nel sito di iniezione o nell’organismo in generale, aumento del livello di potassio nel sangue, una reazione immunitaria chiamata HIT (trombocitopenia indotta da eparina) o possibile diradamento osseo.

Il monitoraggio per questi è parte della tua visita clinica, ma gli effetti collaterali più gravi non si vedono quasi mai con l’uso di EBPM in gravidanza.

Quando inizierai l’eparina?

Dipenderà dal motivo per cui sta assumendo eparina e quando inizieranno le iniezioni.

Alcune persone iniziano all’inizio della gravidanza, ma altre possono essere curate solo dopo il parto.
Verrà redatto un piano di gestione dell’eparina che dovrà essere conservato nelle vostre note ostetriche e una copia sarà conservata nelle vostre note mediche.

Cosa è necessario per eseguire le iniezioni?

L’eparina è disponibile in siringhe precaricate. Questi devono essere conservati al riparo dalla luce solare diretta ma non devono essere refrigerati.

Ti verrà mostrato come eseguire le iniezioni. comunque da un’ostetrica o un infermiere.

Per dare l’eparina avrai bisogno di:

  • Salviettine imbevute di alcol – per pulire la pelle prima dell’iniezione.
  • Un contenitore per oggetti taglienti – per smaltire l’ago e la siringa usati.
  • L’ Eparina che verrà prescritta dalla clinica ma ulteriori prescrizioni possono essere fornite dal medico di famiglia.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here