Esposizione solare in gravidanza: quali creme solari usare e come esporsi al sole

0
163
esposizione solare in gravidanza

Per una donna incinta non è assolutamente vietato andare al mare ed esporsi al sole. Come per ogni cosa, però, è necessario farlo con le dovute precauzioni. Il sole è un alleato della salute, bisogna però esporsi nel modo corretto. Quando si scopre di aspettare un bambino, i cambiamenti ormonali e fisici sono all’ordine del giorno ed è importante prenderne atto per evitare qualsiasi rischio per la futura mamma e per il feto. Vediamo, dunque, come comportarsi con la scelta delle creme solari e con l’esposizione solare in gravidanza.

Esposizione solare in gravidanza: perché è importante

I medici non sconsigliano alle donne in dolce attesa di andare in spiaggia, anzi esporsi al sole in modo corretto può apportare una serie di benefici. Tra cui:

  • la maggiore concentrazione nell’aria di iodio che fa tanto bene alla tiroide.
  • i raggi solari stimolano la sintesi della vitamina D che favorisce l’assorbimento del calcio che serve a rafforzare le ossa del bambino.
  • aumento del buon umore e dello stato d’animo, importante per la futura mamma.

Esposizione solare in gravidanza: regole da seguire

Alcune regole importanti da seguire per le donne in dolce attesa che decidono di esporsi al sole:

  • evitare assolutamente l’esposizione solare nelle ore più calde. Si consiglia di evitare l’orario che va dalle 11 alle 16
  • bere molto, quando ci si espone al sole. Bisognerebbe bere almeno 2 litri di acqua al giorno, per ridurre la ritenzione idrica e per mantenere la pelle idratata
  • indossare un abbigliamento leggero. Bisognerebbe indossare abiti in cotone
  • indossare sempre un cappello per proteggere il viso e gli occhiali da sole
  • proteggersi con una crema anti UV, da riapplicare spesso, e soprattutto dopo il bagno

Quali creme solari utilizzare in gravidanza

In generale, è giusto proteggere la pelle quando ci si espone al sole, ma lo è ancor di più quando si è in dolce attesa. La pelle diventa più sensibile e potrebbero manifestarsi delle macchie solari, il cosiddetto cloasma gravidico, su fronte, naso, labbra e zigomi. Tra le protezioni solari, le migliori sono senza dubbio quelle con  SPF 50 e 50+, ma anche i latti solari hanno i loro vantaggi, come la consistenza più fluida che ne garantisce una più facile applicazione. Non dimenticate di proteggere, oltre al vostro corpo, anche le vostre labbra, che durante la gravidanza diventano ancor più sensibili. In vendita sono disponibili proprio degli stick solari per proteggerle. Infine, la crema va applicata, di norma, su tutto il corpo, compreso il viso, circa 15-20 minuti prima dell’esposizione solare e riapplicata con costanza ogni 2-3 ore. Nel caso in cui sulla confezione fosse riportata la dicitura “resistente all’acqua”, il prodotto va ugualmente riapplicato, una volta usciti dall’acqua e sulla pelle asciutta. 

Le creme solari sono pericolose per il feto

Alcuni studi hanno indicato la possibilità che le sostanze contenute nei prodotti solari possano passare, attraverso il sangue, fino a raggiungere il feto. Non si hanno informazioni precise in merito, quindi vale la regola della sicurezza per evitare qualsiasi rischio. Di norma, si consiglia di utilizzare prodotti ipoallergenici e che non contengano elementi chimici. In commercio, ci sono le creme solari bio in gravidanza, ottime, proprio per l’assenza di filtri chimici.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here