Gelosie e litigi tra fratelli: quando e come intervenire

Gelosie e litigi tra fratelli: quando e come intervenire

Molto spesso, i litigi tra fratelli dipendono dalla pretesa dei protagonisti di avere l’attenzione e l’amore esclusivo dei genitori.
I genitori danno ai figli tutto quello di cui hanno bisogno: cibo, protezione, affetto,carezze; non da meno ricevono il senso della propria identità e del proprio valore.

Può allora insorgere tra i bambini l’idea – anche temporanea- che l’altro lo priverà del possesso totale di queste attenzioni o del genitore stesso: teme di ricevere meno abbracci, meno coccole, meno tempo e anche meno amore.
E’ normale che i bambini lottano per avere di più, per non dividere o condividere la mamma con qualcun altro, sopratutto se sono piccoli d’età. La mamma, il papà, lo spazio, vorrebbero avere tutto per se.

I genitori però devono sapere che si può fare molto per controllare questi litigi e queste sensazioni che si instaurano nei bambini: rimanendo il presupposto che scontri, litigi e battibecchi sono inevitabili tra fratelli, si può fare qualcosa per incanalare questi rapporti verso una sana competizione che riporti alla luce quell’amore fraterno che c’è alla base di tutto.

Leggi anche:

Giornata internazionale della famiglia spiegata ai bambini 

Come essere una famiglia felice in 5 passi 

Perché prendere un cane in famiglia?

rapporto tra fratelli che litigano

Il litigio è il risultato di una miscela esplosiva di emozioni, come la competizione per conquistare l’amore di mamma e papà o la loro approvazione: sarà allora determinante, e da non sottovalutare, cercare di evitare di far emergere il rancore tra fratelli per presunti privilegi del “rivale”: l’invidia per i risultati raggiunti, frustrazioni personali, se queste sensazioni persistono vengono scaricate sul fratello o la sorella.

Motivi scatenanti delle liti tra fratelli

  • Attaccamento alle cose: anche noi adulti ci affezioniamo alle nostre cose e, per alcune di esse, ci rimane difficile quasi impossibile prestarle. Quindi dobbiamo pensare che per il bambino è la stessa cosa.
    A differenza dell’adulto però, il bambino non è capace di rapportarsi nel futuro, ha una percezione del tempo diversa e ancora inesatta, quindi se il suo giocattolo preferito scompare, non sa se è per sempre o solo per poco ed è difficile comprenderlo.
    Inoltre il bambino è legato alle cose insieme ai ricordi che gli appartengono: quindi quella macchinina è legata ad un momento importante e quando la vede in mano a qualcun altro penserà che gli verrà privato oltre l’oggetto anche l’affetto, se poi a prenderlo è un fratello, ancora peggio.
  • Difendere il proprio spazio: il fratello o la sorella non può nemmeno avvicinarsi alla sua cameretta, toccare le sue cose, i suoi vestiti o sedersi sul suo letto. Il bambino sente molto forte il diritto di avere un proprio spazio personale ed esclusivo, un diritto giusto e inalienabile ma, ovviamente, motivo di conflitti tra fratelli;
  • Desiderio di affermarsi / Competizione tra fratelli: ogni bambino vuole dimostrare la propria superiorità.Ecco perché il fratello ” più debole”, il più piccolo che non riesce sempre a prevaricare, darà noia, stuzzicando spesso, il fratello “più forte”, per farlo reagire e poi correre dal genitore a lamentarsi e a chiedere consolazione. Spesso i genitori riconoscono come vittima fra i figli, quello che in realtà non lo è affatto;
  • Valvola di sfogo: un battibecco o una scanzonata, può essere semplicemente una valvola di sfogo, o anche solo per noia.

Come devono intervenire i genitori

Smettetela di litigare!”, una frase comunissima tra i genitori, spesso urlata a gran voce e che , solo qualche volta, placa momentaneamente il litigio, senza risolverlo ovviamente.

Ma proprio in vista del discorso fatto precedentemente, per fare effetto il nostro intervento, dobbiamo offrire a ciascuno dei nostri figli la sensazione che lo abbiamo compreso. Quindi non limitarci a dire di smetterla, che può sembrare ai loro occhi che neghiamo la collera che li ha spinti a discutere e non gli stiamo dando il giusto valore, come se dicessimo a qualcuno che è triste di non esserlo.

Dovremmo solo raffreddare l’atmosfera, il nostro intervento può essere d’aiuto certo, ma dovrebbe limitarsi a chiarire i termini del conflitto e aiutarli a raggiungere una soluzione da soli.

  1. Prendiamo atto della loro collera:  Frasi come “Arrangiatevi” o “Non ne voglio sapere!“, incitano i fratelli a continuare a litigare, mentre dire ad esempio ” Mi sembra che siete molto arrabbiati” oppure ” Non riuscite a mettervi d’accordo!”, non danno adito alla baruffa e piano piano la placherà.
  2. Difendiamo i punti di vista dei bambini senza dare giudizi: dobbiamo essere capaci di non giudicare, scegliere le parole, pesarle, avere un tono di voce basso, espressioni del viso neutrali e non far mai emergere che abbiamo un opinione o una preferenza.
  3. Non minimizzare: deve trasparire che abbiamo rispetto del problema, non lo consideriamo futile; dopotutto per loro ci sono sempre motivi davvero importanti che li hanno portati a litigare.
  4. “So che siete capaci di trovare una soluzione”: abbiamo fiducia nelle loro capacità di saper risolvere il conflitto da soli. Rimaniamo ottimisti e li contageremo. Non è un processo, ne dobbiamo trovare una soluzione valida per tutti. Non deve essere la nostra l’ultima parola perché altrimenti non impareranno mai a risolvere da soli il problema.
  5. Andare via: abbiamo saputo intervenire nei litigi e la tensione si è allentata, bene, adesso andiamo via dalla loro stanza. Troveranno autonomamente la soluzione.

Se riprendono i litigi?

Niente panico, riportiamo la calma instaurando un’atmosfera rilassata, abbassiamo la voce e chiediamo di non urlare, prendiamo dei momenti per restare in silenzio. Una volta calmati ripercorriamo insieme le tappe del litigio e arriviamo ad un accordo. Ascoltiamo e descriviamo la situazione, sentendo le richieste dei litiganti, poi di nuovo esaminiamo: faremo delle domande in modo che i bambini trovino da soli la soluzione.

Mostriamo sempre comprensione per entrambi ma lasciamo sempre a loro la responsabilità di trovare una soluzione.

Più tardi, una volta che si sono calmati, possiamo parlare loro separatamente, prendendoli uno alla volta, e ci facciamo dire cosa è accaduto: diamo fiducia e manifestiamola.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *