venerdì, Maggio 14, 2021
Home bambini Giochi Montessori: molto di più che giocattoli in legno

Giochi Montessori: molto di più che giocattoli in legno

Abbiamo parlato in molti articoli del nostro blog dei metodi educativi montessoriani e di Maria Montessori, la pedagogista italiana che con i suoi studi e i suoi saggi ha rivoluzionato il mondo dell’educazione di bambini e ragazzi. L’efficacia dei suoi insegnamenti è dimostrata dalla nascita di migliaia di scuole montessoriane in tutto il mondo che adottano il suo metodo. Alla base del suo sistema educativo ci sono: l’incoraggiamento al bambino all’autoapprendimento, all’autocorrezione, all’ordine e a trovare tanta fiducia nelle proprie capacità per non dipendere in modo eccessivo e prolungato dagli adulti. Non dovrebbe sorprendere se tante aziende, italiane e non, hanno da anni iniziato a produrre prodotti, elementi di arredo, accessori etc. che si rifanno ai principi dei metodi educativi montessoriani. In genere i prodotti d’ispirazione montessoriana sono realizzati in materiali naturali quali: legno, stoffe e tessuti, corde, etc. e l’utilizzo di vernici colorate è ridotto al minimo indispensabile. I mobili montessoriani non sono solo a misura di bambino nelle dimensioni, ma sono anche studiati in ogni aspetto per l’utilizzo in modo autonomo.

I giocattoli Montessori

Ad esempio i letti Montessori sono alti pochi cm dal pavimento per consentire al bambino di alzarsi o sdraiarsi senza chiedere l’aiuto dei genitori; le librerie montessoriane, chiamate anche librerie frontali, sono adatte ai più piccoli che non sanno leggere e non potrebbero riconoscere i titoli stampati sul dorsetto per cui sono realizzate con scaffali poco profondi in modo da poter riporre i libri con la portina esposta. Per i  giochi montessoriani vale lo stesso principio di ecosostenibilità degli altri prodotti: giocattoli semplici realizzati in legno naturale e che consentono al bambino d’imparare e mettere a frutto la propria creatività dal loro utilizzo. Come tutti i giochi per bambini ne esistono per differenti tipologie per fasce d’età.

Giochi per fasce d’età

Per la prima infanzia i giochi sono legati alla stimolazione sensoriale: sonagli in legno, palle sensoriali di stoffa con realizzati con diversi tessuti e varie consistenze, giochi di forme da impilare per la stimolazione manuale ed il coordinamento. Per la fascia d’età che va da 1 a 2 anni troviamo una varietà molto ampia di giocattoli per il coordinamento psico motorio come ad esempio giochi di pesca con magneti, xilofoni, ma anche puzzle in legno. Nella fascia 3-5 anni abbiamo non solo giochi educativi ma anche didattici: anche se il bambino è in età prescolare può avere predisposizione per comprendere la forma di numeri e di lettere, in questo caso può essere incoraggiato con, ad esempio, alfabeti tattili. Si tratta di set con lettere dell’alfabeto sagomate e realizzate in materiali ruvidi e che indicano anche al bimbo il senso nel toccarle che coincide con quello della scrittura del carattere. Altro gioco per questa fascia d’età è la busy board Montessori: un pannello dove sono collocati una serie di oggetti di uso comune come lacci, fibie, bottoni con asole, interruttori etc. L’idea è quella di abituare il piccolo ad interagire in modo ludico con questi oggetti. Scopo, essere autonomo dagli adulti quando occorrerà compiere le stesse azioni per vestirsi, spegnere o accendere la luce della propria camera etc.

Giochi Montessori: la felicità per i bambini

In conclusione, possiamo fare felici i nostri bambini con giocattoli alla moda o ispirati ai personaggi che vanno per la maggiore, ma è importante sapere che sul mercato esistono moltissimi giochi educativi studiati per farli divertire e allo stesso tempo contribuire alla loro naturale crescita con qualche stimolo in più.

RELATED ARTICLES

Acqua frizzante ai bambini: si può dare?

Bere molta acqua è importante a qualsiasi età, ma nel caso di bambini e anziani lo è molto di più. Riferendoci ai bambini, dobbiamo...

Torre Montessoriana: a cosa serve e come si costruisce

Essere genitori è un lavoro che richiede un'attenta supervisione 24 ore su 24. Durante l'arco della giornata, ovviamente, però non si possono accantonare anche...

Come gestire l’arrivo di un fratellino: consigli per evitare la gelosia

Quando in casa si preannuncia l'arrivo di un nuovo bambino, c'è sempre tanto fermento. Molto spesso, l'euforia legata alla nuova nascita, fa passare in...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

A che età si può dare il cellulare al proprio figlio?

In un epoca come quella che stiamo vivendo, ormai la tecnologia è entrata a fare parte della quotidianità di ognuno di noi. I figli,...

Vulvodinia: cos’è e come si cura

La vulvodinia è una malattia ginecologica che coinvolge la vulva. I campanelli di allarme sono dolore, bruciore e fastidio che, nei casi più gravi,...

Hennè in gravidanza: si può fare? Quali sono le marche sicure?

Quando si è in dolce attesa, l'euforia è alle stelle e le future mamme ci tengono veramente tanto a mettere in mostra il bel...

Acqua frizzante ai bambini: si può dare?

Bere molta acqua è importante a qualsiasi età, ma nel caso di bambini e anziani lo è molto di più. Riferendoci ai bambini, dobbiamo...

Recent Comments

Stefania Bezzoli on Bocconcini di pollo impanati
deborah lumachi on Come combatto la mia timidezza
Manuela on Perché amo leggere
coolclosets on Perché amo leggere