Integratori alimentari in gravidanza: fanno bene o no? La risposta dell’esperto

Integratori alimentari in gravidanza: fanno bene o no? La risposta dell'esperto

Negli ultimi anni gli integratori alimentari sono diventati di gran moda.
Quando una donna è in dolce attesa, sono tante le domande che si pone. Una mamma incinta ha molti dubbi e paure, soprattutto quella di non assumere abbastanza sostanze necessarie per se e per il bambino.

In realtà un’alimentazione corretta e quanto più variegata è di per sé sufficiente a garantire a te e al tuo bambino un giusto apporto di vitamine e minerali. Gli integratori possono essere utili in caso di particolari diete o altre circostanze che obbligano ad un’alimentazione poco variata.

Vediamo allora se assumere integratori in gravidanza fa bene o no.

Leggi anche:

Globuli rossi bassi in gravidanza: cause e cure

Insonnia in gravidanza: cos’é? Cause e rimedi naturali

integratori alimentari in gravidanza

Di quali vitamine e minerali si ha bisogno in gravidanza

Gli esperti raccomandano l’assunzione di integratori anche prima di rimanere incinta, come l’acido folico, e per aumentarne l’efficacia consigliano di continuare ad assumerlo anche durante le prime settimane di gestazione.
L’Acido folico si trova in moltissimi alimenti come asparagi, carciofi, broccoli, cavolini di Bruxelles.
Un deficit di acido folico può provocare, nei casi più gravi, malformazioni nel fato a carico del tubo neurale. Utile se preso quindi prima del concepimento e durante le prime settimane dopo il test di gravidanza.

Per quanto riguarda le vitamine in gravidanza invece, su consiglio del medico, potete assumere Vitamina D tramite integratori. Oltre ad esporvi al sole ogni volta che potete, il fegato di merluzzo, tuorli d’uovo, salmone e tonno ne contendono a sufficienza di questa preziosa vitamina.
Utile per lo sviluppo delle ossa del bambino e per far assorbire meglio alle donne calcio e fosforo. sopratutto se sei una mamma intollerante al lattosio e non ne assumi abbastanza: questa vitamina aiuta il regolare assorbimento di calcio.

Tra i minerali l’unica sostanza che è stato dimostrato può essere necessaria un’integrazione in gravidanza, è il ferro.

Si è parlato molto anche dell’utilità del fluoro, che oltre a ridurre la carie nei bambini, sicuramente è importante per l’alimentazione e la cura dell’ igiene orale.

Alimenti per le mamme in dolce attesa

I micronutrienti ( vitamine, sali minerali) sono contenuti in frutta e verdura, carne, pesce e molti oli…praticamente in ogni alimento, quindi la varietà alimentare è importantissima per non avere mai carenze. Questo discorso vale anche per l’allattamento.

Gli alimenti che non devono mai mancare nella dieta di una donna in gravidanza o mentre sta allattando sono:

  • abbondanti quantità di frutta e verdura – sempre di stagione-
  • farinacei. pasta, pane, riso, patate
  • carne, pesce e legumi per le importanti vitamine che contengono
  • pane integrale
  • latticini. formaggi, latte e yogurt
  • olio di oliva, mandorle e noci per gli antiossidanti che contengono

Studi dimostrano che il consumo da parte della mamma di abbondanti quantità di frutta e verdura, si associa positivamente al peso del neonato.

Integratori alimentari si o no?

Le donne sane con una dieta varia ed equilibrata, hanno sufficiente copertura delle esigenze nutrizionali, escludendo acido folico e vitamina D di cui si è sempre un po’ carenti.

L’apporto di micronutrienti solo con la dieta, può non bastare per le donne che seguono diete particolari, come vegane o vegetariane, nelle fumatrici accanite, nelle adolescenti, nelle donne con problemi all’intestino, in gravidanze gemellari e le donne in sovrappeso o sottopeso.
Può allora essere necessario una’ integrazione attraverso multivitaminici, anche per tutta la durata della gravidanza e anche dopo: chiedere consiglio al medico.

Integratori post parto

Il periodo subito dopo aver partorito, è più delicato di quanto si pensi per mamma e bambino. L’OMS, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha di recente aggiornato delle linee guida per la cura della mamma e del suo piccolo appena venuto al mondo: suggerimenti per mamme, ma anche medici e operatori sanitari che assisteranno le donne nel post parto.

Tra queste linee guida c’è anche un capitolo sull’ assunzione di integratori nel post parto: in particolare si parla di una raccomandazione nell’assumere ferro e acido folico per 3 mesi dal parto.
Perché sono importanti?

Il periodo dopo il parto è spesso caratterizzato da sbalzi di umore, dovuto agli ormoni: sali minerali come il magnesio e vitamine come la B6, la B12 e la Biotina, contribuiscono anche sulla psiche, evitando manifestazioni di disturbi come ansia, agitazione e irritabilità.

 

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social. Ci aiuterai a crescere!

Visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *