Mal di gola neonato: come capirlo? Sintomi e cure

Mal di gola neonato: come capirlo? Sintomi e cure

Mal di gola neonato, come gestirlo? Quando si ha a che fare con un neonato le preoccupazioni sono molte. Così piccolo e delicato tra le nostre braccia, ci sembra che qualsiasi cosa potrebbe fargli del male. Anche un semplice raffreddore o mal di gola si trasformano in una fonte di pericolo soprattutto perché il loro sistema immunitario li rende molto più vulnerabili di noi adulti.

A questo si aggiunge il fatto che un neonato è in capace di comunicare se non attraverso il pianto che però, a sua volta, può essere determinato da altre cause. Vediamo allora quali sono i sintomi che possono farci rendere conto che il nostro bambino è ammalato e quali sono le cure più indicate per combattere il mal di gola nei neonati.

Neonati mal di gola cause

In generale il mal di gola nei bambini è abbastanza diffuso, con o senza febbre. Quando entrano in età scolastica infatti iniziano ad avere contatti con tanti coetanei e con molte più persone rispetto alla solita cerchia familiare. Quando il bimbo è più grande sarà lui stesso a comunicarci il suo malessere, ma quando si tratta di un neonato la situazione cambia. Le cause in primis sono quasi esclusivamente connesse a sbalzi di temperatura o al clima invernale. Per quanto riguarda l’analisi dei sintomi invece l’unica cosa alla quale possiamo fare riferimento sono il pianto e pochi altri segnali da sottoporre all’attenzione di uno specialista.

Mal di gola neonato

Mal di gola neonati sintomi

Impossibilitato a raccontarci il suo malessere, come possiamo interpretare i comportamenti di neonato con mal di gola? Bisogna sicuramente come prima cosa imparare a conoscere il nostro piccolo e, allo stesso tempo, a leggere alcuni segnali importanti soprattutto qualora non dovesse manifestarsi la febbre. Questi possono essere la difficoltà a dormire e ingoiare anche solo il latte, irritabilità, gola arrossata, naso che cola, produzione di muco, lacrimazione, eventualmente prurito.

Mal di gola neonati rimedi 

In più della metà dei casi il problema ha origine da un virus, non da batteri. In particolare la faringite nei neonati è molto diffusa e si manifesta solitamente per un periodo inferiore ai 5 giorni. Considerando quindi l’ipotesi che con buone probabilità il fastidio passerà in pochi giorni senza il bisogno di ricorrere a medicinali. Gli antibiotici sono sempre sconsigliati per un bambino così piccolo e dovrebbero essere presi solo nei casi di infezioni batteriche più gravi come quella causata dallo streptococco. Anche gli antinfiammatori e gli spray nasali non sono consigliati in soggetti molto giovani.

In ogni caso il comportamento più saggio resta sempre quello di rivolgersi al pediatra, e valutare insieme a lui alcuni rimedi molto semplici e per nulla nocivi. Per citare i più diffusi ci sono i lavaggi nasali tramite siringa, priva di ago naturalmente, ma riempita con soluzione fisiologica da iniettare nelle narici una alla volta facendo pressione per far uscire i muchi e sbloccare il naso. Un meccanismo simile alla pompetta ad aspirazione. Altre raccomandazioni sono idratare il bambino facendolo bere spesso e umidificare l’aria dell’ambiente in cui dorme.

 

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social. Ci aiuterai a crescere!

Visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *