Mio marito mi ha tradita, ho deciso di mantenere la famiglia unita

Mio marito mi ha tradita, ho deciso di mantenere la famiglia unita

Questa è la storia di Chantal che dopo poco la nascita di sua figlia Serena, si è ritrovata a dover decidere se mantenere la famiglia unita o separarla. Vi lascio al suo racconto.

Mio marito mi ha tradita, ho deciso di mantenere la famiglia unita

Mi chiamo Chantal, 32 anni e lavoro come infermiera in ospedale. Quando avevo 22 anni ho conosciuto quello che poi sarebbe diventato il mio futuro marito. Un’amore stupendo, fatto di attenzioni, rispetto, complicità. A coronare il nostro sogno d’amore è arrivata Serena, nostra figlia ed è proprio con il suo arrivo che le cose si sono complicate.

Mio marito è iniziato a cambiare, giorno dopo giorno, inesorabilmente.

Tra il lavoro, la casa e la bambina non riuscivo più a dedicargli tutte le mie attenzioni come facevo prima. Questo lui non è mai riuscito a capirlo, perché stava dalla mattina alla sera fuori per lavoro e quando tornava si occupava pochissimo di nostra figlia (per carità ci giocava,ecc) e quindi non capiva quanto fosse difficile gestire tutto per una madre che per giunta lavorava dalle 4 alle 6 ore al giorno in ospedale.

(Leggi anche Storie di mamme: Una famiglia sull’orlo del baratro economico)

Mio marito mi ha tradita. I primi segnali

Un giorno, ad una cena fra amici, vedo parlare con molta complicità mio marito con una mia amica, anche lei sposata, ma senza figli. Questa ragazza, 5 anni più giovane di me, molto curata esteticamente, mi metteva un’attimo in soggezione per la sua bellezza, io ultimamente sembravo 20 anni più vecchia della mia età. Comunque, li per li, ho fatto caso alla loro complicità ma non gli ho dato molto peso.

(Leggi anche Non ero preparata a diventare mamma)

Sono iniziati i litigi, lui non capiva le mie esigenze e io, secondo lui, non capivo le sue, i silenzi e l’indifferenza fanno capolino nella nostra vita.

Mio marito mi ha tradita. Lo becco in flagrante

Passa qualche mese, finchè un giorno rientro prima da lavoro, Serena era con i nonni, e trovo mio marito insieme a questa “presunta amica” in flagrante in camera da letto.

Mio marito mi ha tradita, ho deciso di mantenere la famiglia unita

Mi sono sentita morire dentro, non riuscivo a respirare, sono scappata via il più lontano possibile da quella casa.

Mi sono rifugiata in macchina e dopo aver guidato per qualche minuto, mi sono fermata e ho iniziato a piangere come mai avevo fatto prima. Come aveva potuto fare questo, alla nostra famiglia, a nostra figlia ancora piccolissima. Non sapevo cosa fare, ero distrutta. Ho chiamato mia madre in lacrime, chiedendole di tenere ancora per qualche ora Serena, non potevo farmi vedere da lei in quello stato.

Ho pianto ancora per qualche altra ora, facendomi mille domande, interrogandomi su quale sarebbe stato da quel giorno il mio futuro e quello di mia figlia. Non volevo che mia figlia soffrisse, non volevo far crescere mia figlia con due genitori separati. Lei veniva prima di tutto, anche prima di me stessa e del mio orgoglio.

Non sapevo come sarebbe andata con mio marito, ma ero intenzionata a reagire, non per me, ma per Serena.

(Leggi anche Non mollare mai, sei una mamma!)

Mio marito mi ha tradita. Riflettere e reagire

Mi sono calmata e sono andata da lei, stavo morendo dentro ma ho sorriso e l’ho abbracciata forte cercando di far finta di nulla.

Quella sera abbiamo dormito la e ho riflettuto sul da farsi. Non avrei permesso a mio marito di passarla liscia e soprattutto ero intenzionata a capire tutti i motivi che ci avevano portato in quella situazione.

Il giorno dopo mio marito si è presentato a casa dei miei genitori e mi ha chiesto di andare a fare quattro passi, ancora un pò di sale in zucca gli era rimasto, non voleva far assistere nostra figlia a tutto quello.

Siamo andati a casa nostra a parlare e ci siamo urlati contro tutto quanto, lui mi ha detto che si era pentito di ciò che aveva fatto e mi ha chiesto perdono. Ho deciso che stare separati per un pò sarebbe stata la miglior soluzione, finchè entrambi non avessimo capito veramente quello che volevamo.

Mio marito mi ha tradita, ho deciso di mantenere la famiglia unita

E’ stato veramente molto difficile, ho sofferto davvero molto, ma volevo solo il bene della nostra famiglia, il bene di nostra figlia. Sapevo che lui mi amava, mi ha sempre amata.

La domanda che mi ponevo ogni istante della giornata era “Devo perdonare questo errore o devo ricominciare da capo?”

Mio marito mi ha tradita. Il perdono.

Lui era veramente disperato, mi cercava tutti i giorni chiedendomi perdono, voleva sistemare la situazione, diceva che aveva capito che noi eravamo la cosa più importante della sua vita.

Nel frattempo, ho riflettuto anche su quello che potevo aver sbagliato io, su quelli che potevano essere stati i miei errori. Mi ero trascurata tantissimo, davo a mio marito pochissime attenzioni, anzi praticamente nulle,non ci eravamo mai detti in faccia davvero tutti quelli che erano i nostri problemi. Penso che in una coppia non è mai solo una persona a sbagliare completamente, ma ci si arriva per gradi, errore dopo errore, silenzio dopo silenzio.

Mio marito mi ha tradita, ho deciso di mantenere la famiglia unita

Dopo circa un mese ho chiesto a mio marito di andare in terapia e provare a ricominciare, le promesse che avevo fatto di fronte all’altare “nella gioia e nel dolore, in salute e in malattia” avevano un grosso valore. Volevo ricostruire la nostra famiglia per il bene di Serena.

Mia figlia, nel mentre di tutto questo, ha continuato a vedere tutti i giorni suo papà, e abbiamo cercato di farle notare il cambiamento il meno possibile, anche se lei, ormai di 4 anni molte domande me le poneva.

Mio marito mi ha tradita. Ricominciare da zero.

Dopo due mesi di terapia, siamo tornati a vivere insieme e giorno dopo giorno siamo riusciti a ricostruire la nostra famiglia e a ricominciare da zero.

Adesso siamo felici come non mai e penso che la mia è stata la scelta giusta.

Riflessioni sul matrimonio.

Un matrimonio non è mai tutto rose e fiori, amore e cuoricini, bisogna affrontare tanti problemi, tanti cambiamenti, tante difficoltà. A volte l’amore non basta, a volte l’amore è fatto di compromessi, a volte si possono commettere degli errori. Bisogna sempre analizzare quali sono i veri motivi di un tradimento o di qualsiasi altro errore, una madre a volte, dipende sempre dal caso, può e deve anche perdonare. Decidere di diventare genitori è una responsabilità enorme, significa decidere il futuro di un piccolo esserino. La loro felicità deve venire prima della nostra, prima del nostro mero egoismo. Io ho deciso di mantenere la mia famiglia unita, so che in tanti non condivideranno la mia scelta ma ho agito per amore.

Questa era la storia di Chantal, voi cosa avreste fatto al suo posto?

Se anche tu vuoi scrivere la tua storia di mamma sul mio blog scrivimi a info@unamammasiracconta.it

(Leggi anche Scrivi sul mio blog. Storie di mamme)

 

Continuate a seguirmi anche su Instagram e su Facebook

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *