Natale nel mondo da spiegare ai bambini: ecco come si festeggia in Africa

Natale nel mond da spiegare ai bambini: ecco come si festeggia in Africa

Per molte persone, l’Africa è sinonimo di aridi deserti o di giungle tropicali; difficilmente compatibile con le idee natalizie che abbiamo noi europei.

Eppure, il Natale è celebrato in tutto il continente da comunità cristiane grandi e piccole.
Usanze, tradizioni e persino la data della festa differiscono da paese a paese, ma il fondamento religioso della celebrazione rimane lo stesso, unendo persone di tutti i ceti sociali e una miriade di culture diverse.

Ecco allora come si festeggia il Natale in Africa.

Leggi anche:

Natale nel mondo da spiegare ai bambini: ecco come si festeggia in Europa

Auguri di Natale per i nonni: le migliori frasi ed immagini

Natale nel mondo da spiegare ai bambini: ecco come si festeggia in Asia

natale nel mondo usi e costumi  natale in africa

Natale nel mondo tradizioni cristiane in Africa

Vediamo dunque come si festeggia il natale nel mondo con particolare attenzione all’Africa.

La storia del cristianesimo in Africa risale al I secolo d.C., quando i convertiti egiziani fondarono alcune delle prime comunità cristiane del mondo. Alcuni esperti ritengono che il cristianesimo si sia diffuso in Nord Africa prima di arrivare nel Nord Europa.
Insieme all’Islam, è una delle due religioni più praticate nel continente africano.
Nel 2018, una ricerca del Center for the Study of Global Christianity ha mostrato che ci sono circa 631 milioni di cristiani che vivono in Africa, più di qualsiasi altro continente insomma.

Il Paese africano con la più alta percentuale di cristiani è lo Zambia con il 95,5 per cento, seguito dalle Seychelles e dal Ruanda.

Anche in alcuni dei paesi africani prevalentemente musulmani, il Natale è ancora riconosciuto come una celebrazione secolare.

Nella nazione del Senegal dell’Africa occidentale , l’Islam è la religione principale, eppure tuttavia il Natale è designato come festa nazionale insieme alla Pasqua, dopo il Ramadan e al compleanno del Profeta Maometto.

Un esempio di civiltà: musulmani e cristiani senegalesi hanno scelto di festeggiare in modo non ufficiale le festività reciproche, gettando le basi per la rinomata atmosfera di tolleranza religiosa del paese.

Tradizioni natalizie africane: differenze culturali

Il giorno di Natale vengono cantati canti natalizi dal Ghana al Sud Africa . Le carni vengono arrostite, i regali vengono scambiati e le persone viaggiano in lungo e in largo per visitare la famiglia.

Tuttavia, in molti paesi la celebrazione è molto diversa da quella in Nord America o in Europa, o per lo meno come noi la immaginiamo.

I cristiani copti in Etiopia ed Egitto celebrano il Natale secondo il calendario copto. Ciò significa che, sebbene celebrino il 25 dicembre, quella data di solito si traduce nel 7 gennaio del calendario gregoriano.

Kwanzaa , famosa festività, la celebrazione dell’eredità africana osservata negli Stati Uniti e spesso associata alle festività natalizie, ad esempio, non è celebrata in Africa.

L’altra differenza significativa è il tempo.
Nei paesi dell’emisfero meridionale dicembre rappresenta il culmine dell’estate; ecco perché un tipico giorno di Natale in posti come il Sudafrica spesso comporta gite in spiaggia, prendere il sole e mangiare all’aperto.

Nella metà settentrionale del continente, si hanno ben poche possibilità di godere di un bianco Natale (meno che non siate nelle montagne dell’Alto Atlante del Marocco ).Paradossalmente, gli accessori natalizi come carte da regalo e decorazioni usano comunque motivi tradizionali tra cui pupazzi di neve e renne.

Messe nelle chiese e canti natalizi

Andare in chiesa è di solito l’obiettivo principale delle celebrazioni natalizie in Africa. Si riproducono anche presepi, si cantano canti natalizi e in alcuni casi si eseguono danze.

In Malawi , gruppi di bambini piccoli vanno porta a porta per eseguire danze e canti natalizi con l’accompagnamento di strumenti fatti in casa. In cambio ricevono piccole donazioni in denaro, più o meno allo stesso modo dei bambini occidentali quando cantano e ricevono dolcetti.
In molti paesi, le processioni si svolgono dopo una funzione religiosa tenuta alla vigilia di Natale. Queste sono spesso occasioni gioiose di musica e danza. In Gambia, ad esempio, le persone sfilano con grandi lanterne chiamate fanals , realizzate a forma di barche o case.

Ogni paese ha le sue celebrazioni uniche, non importa quanto piccola sia la sua popolazione cristiana.

Cena di Natale in Africa

La cena di Natale è una parte fondamentale del rito festivo in Africa. Nella maggior parte dei paesi, il Natale è un giorno festivo e le persone sfruttano al massimo l’opportunità di visitare familiari e amici.

In Africa orientale , le capre vengono acquistate al mercato locale per essere arrostite il giorno di Natale.

In Sud Africa, le famiglie tipicamente braai  risentono della loro eredità coloniale britannica, infatti celebrano il Natale con una tradizionale cena di Natale completandola di cappelli di carta, mince pie e tacchino.

In Ghana, il pranzo di Natale non è completo senza fufu e zuppa di okra; e in Liberia, troverai riso, manzo e biscotti sono all’ordine del giorno.

Tradizioni natalizie nel mondo: in Africa c’è lo scambio dei doni?

Chi se lo può permettere generalmente fa regali a Natale, anche se la festa non è così commerciale in Africa come in Europa o Nord America.

L’enfasi è più sulla celebrazione religiosa della nascita di Gesù che sul dono. Il regalo più comune acquistato a Natale sono vestiti nuovi, solitamente destinati ad essere indossati per eventi importanti come andare in chiesa.
Nell’Africa rurale, poche persone possono permettersi regali o giocattoli frivoli e, in ogni caso, non ci sono molti posti per comprarli. Pertanto, se i doni vengono scambiati nelle comunità più povere, di solito assumono la forma di libri scolastici, sapone, stoffa, candele e altri beni pratici.

Il natale nel mondo: in Africa le decorazioni natalizie

Decorare le facciate dei negozi, gli alberi, le chiese e le case è comune nelle comunità cristiane in Africa.

Si può vedere neve finta decorare vetrine a Nairobi , palme cariche di candele in Ghana, o palme caricate con campane in Liberia.

Naturalmente, gli abeti e i pini sempreverdi sono difficili da trovare in Africa, quindi gli alberi di Natale vengono solitamente sostituiti da alternative sintetiche.

Come dire Buon Natale in Africa

  • In Akan (Ghana): Afishapa
  • In Shona (Zimbabwe): Muve neKisimusi
  • in Afrikaans (Sud Africa): Geseënde Kersfees
  • in Zulu (Sudafrica): Sinifisela Ukhisimusi Omuhle
  • In Swazi (Swaziland): Sinifisela Khisimusi Lomuhle
  • in Sotho (Lesotho): Matswalo a Morena a Mabotse
  • In Swahili (Tanzania, Kenya): Kuwa na Krismasi njema
  • In Amharic (Etiopia): Melkam Yelidet Beaal
  • In arabo egiziano (Egitto): Colo sana wintom tiebeen
  • In Yoruba (Nigeria): E ku odun, e hu iye ‘ dun

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *