venerdì, Maggio 14, 2021
Home bambini Piramide alimentare: ecco come spiegarla ai bambini

Piramide alimentare: ecco come spiegarla ai bambini

La piramide alimentare è stata creata come grafico per invogliare le persone a seguire una dieta equilibrata: è infatti caratterizzata da tutti i principi nutritivi in maniera adeguata.

La piramide alimentare nel corso degli anni è stata adattata e modificata in base ai diversi regimi alimentari, ad esempio vegetariano o vegano. Ma spiegare ai bambini della piramide alimentare va visto come un modo per spiegargli l’importanza di una corretta alimentazione, ma anche le proprietà di ciascun cibo e quindi la loro importanza.

Sopratutto oggi, che le statistiche non sono buone in fatto di obesità infantile. alimenti industriali e vita sedentaria hanno fatto alzare l’asticella della percentuale di bambini obesi presenti in Italia.

Leggi anche:

Obesità infantile: come riconoscerla e come agire

Il bambino non cresce: perché?

Cos’è la dieta ipocalorica? Fa davvero perdere peso in poco tempo?

piramide alimentare bambini

Piramide alimentare spiegazione

Alla base della piramide ci sono i cibi da assumere con più frequenza.

Acqua. Il corpo di un adulto richiede almeno 2 litri di acqua al giorno.
Cereali e derivati. Da preferire quelli non raffinati
– Frutta e verdura.
– Grassi e oli vegetali salutari. Poiché è impossibile cucinare senza utilizzare grassi, facciamo attenzione a quali scegliamo.

Salendo lungo la piramide troviamo i cibi da assumere con meno frequenza.

Legumi. Fagioli, piselli, ceci e lenticchie sono alimenti vegetali ad contenuto proteico
Pesce.
Latticini. Latte e formaggi sono fonte di calcio, potassio e sostanze utili per rimanere in salute.

Sul vertice della piramide troviamo i cibi da consumare di tanto in tanto ed in piccole quantità, per prevenire problemi di salute ed obesità. –

-dolci,
-le bevande gassate
-il burro
-la carne rossa
-i cereali raffinati  (zucchero bianco, farina bianca, pasta) a favore di quelli integrali.

Piramide Alimentare per bambini: una questione di Educazione alimentare

La piramide alimentare spiegata ai bambini è semplicemente la stessa, con una grafica più accattivante ,perché ai loro occhi deve risultare accattivante.

Esistono immagini di piramide alimentare per bambini da colorare: potete scaricarle e stamparle e, colorandole insieme ai vostri bambini, spiegare loro l’importanza di rispettare alcune regole sul mangiare e  fare una vera e propria educazione alimentare.

L’educazione alimentare deve avvenire sin dallo svezzamento, dai primi anni di vita del bambino.
Le preferenze alimentari del bambino, i suoi gusti,  il più delle volte combaciano con quelle dei genitori.

Sta proprio a mamma e papà, infatti, dare il buon esempio. Gli atteggiamenti sbagliati da parte degli adulti, uniti alla cattiva pubblicità, influenzano negativamente sull’educazione alimentare.

La piramide alimentare per bambini

È fondamentale che il messaggio del mangiare sano e bene arrivi al bimbo sotto forma di gioco così da coinvolgerlo ma con dolcezza, scaturendo il suo interesse.

Possiamo allora cominciare con una piramide alimentare da costruire o da colorare, spiegando ai bambini che l’alimentazione assomiglia ad una grande piramide egizia.
Per renderla stabile e farla durare nel tempo, è importante che abbia delle forti fondamenta.
Le fondamenta si costruiscono mangiando gli alimenti riportati alla base della piramide stessa: acqua, cereali come pasta o riso, frutta e verdura. Sono proprio questi cibi a dargli forza e a far crescere nostro figlio in buona salute.

Salendo lungo questa scala alimentare andremo a spiegargli quali cibi vanno assunti con minor frequenza e perché.

Consigli degli esperti per un’alimentazione sana per bambini

1) Spegnere la TV durante i pasti. La televisione incide negativamente sulla comunicazione impedendo di mangiare il cibo in modo consapevole

2) Vietato fare confronti sul modo di mangiare. Sottolineare il diverso modo di mangiare, tra amici e tra fratelli, serve solamente a mettere l’accento sulle differenze, ma non aiutano.

3) Premiare il bambino con i dolci. Il cibo non è  una ricompensa, ma è vita e  nutrimento.

4) Offrire alternative ad un piatto che non è apprezzato. Gli impedisce di variare la dieta e di introdurre nuovi cibi.

5) Coinvolgere il bambino nella preparazione del pasto. è importante coinvolgerlo per fargli capire l’importanza di una corretta alimentazione. Quale miglior modo se non quello di cucinare insieme?

 

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social. Ci aiuterai a crescere!

Visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook
RELATED ARTICLES

Acqua frizzante ai bambini: si può dare?

Bere molta acqua è importante a qualsiasi età, ma nel caso di bambini e anziani lo è molto di più. Riferendoci ai bambini, dobbiamo...

Torre Montessoriana: a cosa serve e come si costruisce

Essere genitori è un lavoro che richiede un'attenta supervisione 24 ore su 24. Durante l'arco della giornata, ovviamente, però non si possono accantonare anche...

Giochi Montessori: molto di più che giocattoli in legno

Abbiamo parlato in molti articoli del nostro blog dei metodi educativi montessoriani e di Maria Montessori, la pedagogista italiana che con i suoi studi...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

A che età si può dare il cellulare al proprio figlio?

In un epoca come quella che stiamo vivendo, ormai la tecnologia è entrata a fare parte della quotidianità di ognuno di noi. I figli,...

Vulvodinia: cos’è e come si cura

La vulvodinia è una malattia ginecologica che coinvolge la vulva. I campanelli di allarme sono dolore, bruciore e fastidio che, nei casi più gravi,...

Hennè in gravidanza: si può fare? Quali sono le marche sicure?

Quando si è in dolce attesa, l'euforia è alle stelle e le future mamme ci tengono veramente tanto a mettere in mostra il bel...

Acqua frizzante ai bambini: si può dare?

Bere molta acqua è importante a qualsiasi età, ma nel caso di bambini e anziani lo è molto di più. Riferendoci ai bambini, dobbiamo...

Recent Comments

Stefania Bezzoli on Bocconcini di pollo impanati
deborah lumachi on Come combatto la mia timidezza
Manuela on Perché amo leggere
coolclosets on Perché amo leggere