sabato, Aprile 17, 2021
Home mamme Reflusso in gravidanza: ultimo trimestre, farmaci e rimedi naturali, cosa mangiare

Reflusso in gravidanza: ultimo trimestre, farmaci e rimedi naturali, cosa mangiare

L’indigestione, nota anche bruciore di stomaco o reflusso in gravidanza, è tra i sintomi più diffusi tra le donne in dolce attesa. Le cause vanno dai cambiamenti ormonali alla crescita del bambino che comprime contro lo stomaco.

Puoi aiutarti ad alleviare il reflusso o il bruciore di stomaco, se farai  modifiche alla tua dieta e al tuo stile di vita e ci sono farmaci che sono sicuri da assumere in gravidanza.

Leggi anche:

Acidi in gravidanza: cosa prendere, Bruciore di stomaco, reflusso acido

Tiroidite in gravidanza: sintomi, valori, rischi. Tutto quello che devi sapere

Brioschi in gravidanza: si può? Cosa dice l’esperto

reflusso in gravidanza farmaci acidi in gravidanza bruciore di stomaco in gravidanza acidità in gravidanza mal di stomaco in gravidanza sintomi reflusso maalox in gravidanza pirosi gastrica reflusso gastrico rimedi bocca amara in gravidanza bruciore di stomaco gravidanza

Reflusso in Gravidanza Sintomi: cosa causa l’ indigestione e il bruciore di stomaco

I sintomi di reflusso,  indigestione e bruciore di stomaco includono:

  • una sensazione di bruciore o dolore al petto
  • sensazione di sazietà, pesantezza o gonfiore
  • eruttazione
  • sensazione di essere malati
  • sensazione di nausea da cibo

I sintomi di solito si manifestano subito dopo aver mangiato o bevuto, ma a volte può esserci un lasso di tempo che passa tra il mangiare e lo sviluppo di indigestione.

Puoi avere sintomi in qualsiasi momento durante la gravidanza, ma sono più comuni dalle 27 settimane in poi.

Cose che puoi fare per aiutare con indigestione e bruciore di stomaco?

Reflusso in gravidanza rimedi naturali e non

Modifiche alla dieta e allo stile di vita possono essere sufficienti per controllare i sintomi, soprattutto se lievi.

  • Mangiare sano

È più probabile che tu soffra di indigestione se sei molto pieno.

Se sei incinta, potresti essere tentato di mangiare più del normale, ma questo potrebbe non essere buono per te o per il tuo bambino.

  • Cambia le tue abitudini alimentari e alcoliche

Potresti essere in grado di controllare la tua indigestione modificando le tue abitudini alimentari.

Può essere utile mangiare piccoli pasti spesso, piuttosto che pasti più grandi 3 volte al giorno, e non mangiare almeno per 3 ore prima dell’andare a letto la sera.

Anche ridurre le bevande contenenti caffeina e gli alimenti ricchi, piccanti o grassi può alleviare i sintomi.

  • Stai in piedi

Siediti dritto quando mangi. Questo allevierà la pressione dallo stomaco. Sollevare la testa e le spalle quando vai a letto può impedire la risalita dell’acido gastrico durante il sonno.

  • Smettere di fumare

Fumare durante la gravidanza può causare indigestione e può compromettere seriamente la salute di te e del tuo bambino non ancora nato.

Quando fumi, le sostanze chimiche che inali possono contribuire alla tua indigestione. Queste sostanze chimiche possono far rilassare l’anello muscolare all’estremità inferiore dell’esofago, il che consente all’acido dello stomaco di risalire più facilmente. Questo è noto come reflusso acido.

Il fumo aumenta anche il rischio di:

 

  • Evita l’alcol

Bere alcol può causare indigestione. Durante la gravidanza, può anche causare danni a lungo termine al bambino. È più sicuro non bere alcolici in maniera assoluta durante la gravidanza.

Quando è il caso di assistenza medica

Rivolgiti alla tua ostetrica o al tuo medico di famiglia se hai bisogno di aiuto per gestire i tuoi sintomi o se le modifiche alla tua dieta e al tuo stile di vita non funzionano.
Possono consigliarti farmaci per alleviare i sintomi.

Dovresti anche vedere la tua ostetrica o il tuo medico di famiglia se hai uno dei seguenti fastidi:

  • difficoltà a mangiare o trattenere il cibo
  • perdita di peso
  • dolori di stomaco

La tua ostetrica o il tuo medico di famiglia potrebbero chiedere informazioni sui tuoi sintomi e esaminarti premendo delicatamente su diverse aree del petto e dello stomaco per vedere se è doloroso.

Se gli antiacidi e gli alginati non migliorano i sintomi, il medico curante potrebbe prescriverti un medicinale per ridurre la quantità di acido nello stomaco, farmaci che sono ampiamente utilizzati in gravidanza e noti per NON essere dannosi per un feto, come il  Biochetasi.

Cause di indigestione in gravidanza

I sintomi di indigestione si manifestano quando l’acido nello stomaco irrita il rivestimento dello stomaco o l’esofago. Ciò provoca dolore e sensazione di bruciore.

Quando sei incinta, hai maggiori probabilità di avere indigestione a causa di:

  • cambiamenti ormonali
  • il bambino in crescita che preme sullo stomaco
  • i muscoli tra lo stomaco e l’esofago si rilassano, consentendo la risalita dell’acido gastrico

Potresti avere maggiori probabilità di avere indigestione in gravidanza se:

  • avevi indigestione prima di essere incinta
  • sei stata incinta prima
  • sei nelle ultime fasi della gravidanza

 

RELATED ARTICLES

Babywearing: cosa significa portare in fascia i neonati?

Ultimamente è tornato alla ribalta un tema che, non ci crederete, in realtà esiste da secoli: il babywearing. Questa parola inglese non significa altro...

Permessi per gravidanza e maternità e i migliori lavori per le mamme: cosa c’è da sapere

Essere mamme e al contempo lavoratrici può risultare molto difficoltoso. Tra le ore da dedicare al lavoro, i figli da accudire e le faccende...

Tracciati in gravidanza: quando si fanno e perché. Quali i valori, ci sono rischi?

In gergo sono chiamati tracciati in gravidanza, invece il termine tecnico è cardiotocografia. Ma cosa sono? Sono monitoraggi, specificatamente fatti alla fine della gravidanza, per esaminare...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Violenza ostetrica: come riconoscerla e come denunciare

La gravidanza e il parto sono momenti molto delicati che la donna affronta. Il corpo, così come la mente, vengono sottoposti a cambiamenti importanti....

Bambini e fumo: ecco quali sono i rischi

Che il fumo faccia male è un dato di fatto. Ma, il connubio fumo e bambini è assolutamente da evitare. Quando mettiamo al mondo...

Togliere il pannolino: meglio il vasino o il riduttore?

Quando per un genitore si avvicina il momento di togliere il pannolino al bambino, la domanda che si pone è: meglio il vasino o...

Cistite in gravidanza: sintomi, cosa prendere e rimedi

La cistite è un'infiammazione della parete vescica, molto comune nella popolazione femminile. Ancor di più, nelle donne in dolce attesa. La cistite in gravidanza...

Recent Comments

Stefania Bezzoli on Bocconcini di pollo impanati
deborah lumachi on Come combatto la mia timidezza
Manuela on Perché amo leggere
coolclosets on Perché amo leggere