Come mantenere viva una relazione dopo il parto

Come mantenere viva una relazione dopo il parto

La nascita di un bambino comporta novità inaspettate, che possono destabilizzare gli equilibri all’interno di una coppia.
La coppia iniziale si trasforma in una famiglia di tre, forse quattro, individui, perciò è normale che le relazioni interne diventino più complesse.

Anche se l’arrivo a casa di un bambino può sconvolgere i neogenitori, è possibile mettere in pratica alcuni suggerimenti che permetteranno di rafforzare il rapporto di coppia. In questo articolo ne esamineremo insieme alcuni; ma se siete alla ricerca di consigli approfonditi sulle relazioni, li potete trovare su direzioneamore.it .

Affrontare il cambiamento insieme

La coppia è formata da due imprescindibili elementi ed entrambi devono affrontare il cambiamento che un bambino apporta nella vita.

Non è corretto porre uno dei due genitori in una posizione subalterna rispetto all’altro. Sebbene maternità e paternità siano due esperienze differenti, sono i lati della stessa medaglia, pertanto comportano entrambe responsabilità e fatiche da non sottovalutare.

Per vivere al meglio l’arrivo di un figlio, è dunque necessario comportarsi come una squadra. E, in ogni squadra, ci sono giocatori che occupano ruoli differenti, ma nessuno è visto come meno importante dell’altro.

Leggi anche:

Non riuscire a rimanere incinta. Come affrontare la frustrazione 

Mio marito mi ha tradita, ho deciso di mantenere la famiglia unita

Trascorrere del tempo insieme

Le dinamiche famigliari sono molto delicate, si sa, e in alcuni casi l’arrivo di un figlio mette in seria difficoltà uno dei due genitori. Accade quindi che il bambino venga avvertito come un antagonista, un usurpatore di attenzioni e coccole. In questi casi, il genitore che si sente privato dell’amore del partner avverte la sensazione di esclusione e soffre. La situazione peggiora ulteriormente se questo genitore, durante la propria infanzia, ha vissuto una sensazione di abbandono; ciò farà riaffiorare sentimenti tristi e mai elaborati del tutto.

È molto importante, quindi, che i genitori ricavino del tempo da trascorrere tra loro. Possono bastare alcune ore alla settimana, ma è fondamentale che non si smetta di coltivare il rapporto di coppia e anche l’intimità. Due persone felici e soddisfatte saranno due genitori sereni e assennati, e il vero bisogno del bimbo è esattamente quello di avere dei genitori di questo tipo.

coppia dopo il parto

Mantenere un buon dialogo

Tutti noi abbiamo il desiderio di sentirci compresi e ciò vale soprattutto nei momenti di maggior difficoltà o stress, come può esserlo la nascita di un figlio.

Purtroppo, alcuni genitori lamentano di sentirsi soli e incompresi dal coniuge dopo l’arrivo di un bambino. La realtà è che in questi momenti così delicati siamo tutti più stressati e meno attenti ai segnali che riceviamo dal nostro partner, così accade che trascuriamo i suoi bisogni perché non ci accorgiamo proprio delle sue richieste.

Dunque, è necessario avere sempre un buon dialogo interno alla coppia. Occorre parlare e parlare ancora, dire come ci sentiamo, spiegare di cosa crediamo di aver bisogno e cosa invece ci sta infastidendo. Solo esprimendoci liberamente daremo al nostro partner la possibilità di farci sentire compresi e, ascoltando con attenzione, riusciremo a far sentire così anche lui.

Non lasciare troppo spazio ai parenti

Nonni, zii, cugini e parenti, o amici, possono essere una risorsa preziosa nella crescita di un figlio. Ma non possono essere sempre presenti nella vita della nuova famiglia.

È bene ringraziarli per l’aiuto, ma non è corretto permettere loro di “sollevare” i genitori dal loro ruolo. Il piccolo appena nato ha due genitori e sono loro a dover prendersi cura dei suoi bisogni. Lasciarlo fare ai parenti equivale ad arretrare davanti alla nuova responsabilità genitoriale e non va bene.

È la coppia a dover imparare a gestire il figlioletto e, per farlo, necessita di trascorrere tempo da sola, non di una folla, seppur affettuosa, di parenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *