TSH bassissimo in gravidanza: quando preoccuparsi, sintomi, rischi, conseguenze

0
977
TSH bassissimo in gravidanza: quando preoccuparsi, sintomi, rischi, conseguenze

L’ormone tiroideo è essenziale per il normale sviluppo del bambino durante la gravidanza.

Durante la prima metà della gravidanza, la presenza di ormoni tiroidei nel bambino in via di sviluppo dipende interamente dalla madre poiché la tiroide del bambino non inizia a funzionare fino al 2 ° trimestre.

Una funzione tiroidea anormale nella madre durante la gravidanza può aumentare il rischio di aborto spontaneo e altre complicazioni della gravidanza.

Ecco perché sarà importante capire i valori del TSH in gravidanza basso – ipotiroidismo in gravidanza –  e quali rischi comporta. 

Abbiamo già visto nell’articolo antecedente a questo tutto sul Tsh altissimo in gravidanza: qui invece troverete anche un importante studio danese condotto sui valori del TSH e la gravidanza.

Leggi anche:

Tiroide: cause,diagnosi precoce e come comportarsi. La parola all’esperto

In che modo lo squilibrio ormonale influisce sulla massa muscolare di uomini e donne?

Tiroidite in gravidanza: sintomi, valori, rischi. Tutto quello che devi sapere

 

tsh in gravidanza   tsh in gravidanza valori  tsh in gravidanza basso   tsh valori   valori tiroide   valori tsh   tsh altissimo in gravidanza   tiroidite in gravidanza   ipertiroidismo subclinico   ipotiroidismo in gravidanza   tsh alto ft3 ft4 normali   tiroide in gravidanza   tiroide e gravidanza   s-tsh   ipertiroidismo in gravidanza   ft3 ft4 tsh   ipotiroidismo e gravidanza   valori normali tsh   tsh basso in gravidanza   t s h tiroide   tsh valori normali   tsh alto in gravidanza

Ipotiroidismo e gravidanza, ovvero TSH basso in gravidanza : una ricerca danese a riguardo

Uno studio sulle dinamiche e predittori dei limiti di riferimento di TSH all’inizio della gravidanza, condotto in Danimarca e utilizzato come riferimento in tutto il mondo, afferma che:

È stato invitato circa il 50% delle donne incinte danesi; Il 60% di queste donne ha accettato di partecipare.

L’età gestazionale alla nascita doveva essere compresa tra le 25 e le 45 settimane. Le donne sono state intervistate prima della settimana gestazionale 30 riguardo al fumo durante la gravidanza, l’assunzione di alcol prima della gravidanza e l’IMC prima della gravidanza.

I livelli di TSH sono diminuiti gradualmente nelle settimane da 5 a 6 fino al punto più basso tra le settimane da 9 a 12 (range 0,07 – 3,28 mU / L). Questo è seguito da un aumento fino a un valore intermedio alle settimane dalla 15 alla 19 (range 1,29 – 3,29 mU / L). I più grandi variazioni intervenute all’estremità inferiore della gamma come limite inferiore di TSH era 0,37 alle settimane 5 a 6, 0.059 alle settimane 10 a 11 e 0,11 alle settimane 13 a 19.

I cambiamenti erano rispetto di TSH , hanno considerato due fasi con livelli di TSH relativamente stabili: (a) un periodo di TSH normale corrispondente alle settimane gestazionali da 5 a 6, durante il quale i valori di riferimento di TSH e FT 4 non gravide sono appropriati, e (b) un periodo di TSH basso, corrispondente alle settimane dalla 9 alla 12 con valori limite di riferimento TSH inferiori e FT 4valori limite di riferimento leggermente superiori ai livelli non gravidi. In generale, la gamma bassa di TSH era più alta nelle donne obese. Il fumo non ha influenzato i valori di TSH, ma il FT 4 era leggermente più alto nelle donne incinte non fumatrici .

QUALI SONO LE IMPLICAZIONI DI QUESTO STUDIO?

Questo articolo mostra chiaramente che i valori di TSH variano in modo significativo durante il primo trimestre di gravidanza.
I cambiamenti comprendono due periodi stabili, quello normale di TSH all’inizio della gravidanza e quello basso di TSH tra le settimane 9 e 12.

Segue un parziale ritorno del TSH ai valori iniziali.

Questo è importante per la valutazione della funzione tiroidea nelle donne durante la gravidanza e mostra chiaramente che un TSH basso può essere normale all’inizio della gravidanza e non deve essere trattato.

Come viene trattato l’ipotiroidismo – TSH basso- durante la gravidanza?

Per molti aspetti, il trattamento dell’ipotiroidismo nelle donne in gravidanza è simile a quello nelle donne non gravide.

Viene somministrata una forma sintetica di T4 per sostituire l’ormone mancante.
La dose del farmaco viene regolata regolarmente per mantenere un livello ematico costante di ormone tiroideo entro il range normale e il fabbisogno di questo ormone può aumentare durante la gravidanza.
Pertanto, è pratica di routine monitorare il livello ematico dell’ormone stimolante la tiroide (TSH) durante la gravidanza.

L’ipotiroidismo durante la gravidanza danneggia il bambino?

I medici conoscono da anni un legame tra madri con ipotiroidismo grave non trattato durante la gravidanza e ritardo dello sviluppo nei loro figli dopo la nascita.

Ciò è stato osservato in particolare nelle madri che provenivano da aree carenti di iodio del paese (lo iodio è necessario per produrre l’ormone tiroideo ed è ora un componente comune del sale nei nostri alimenti), ed è stato osservato nelle madri con malattie della tiroide autoimmuni, come Hashimoto tiroidite .

Alcuni studi hanno suggerito che l’ipotiroidismo lieve non trattato può anche influenzare lo sviluppo del cervello del bambino, ma questa relazione è meno chiara.

Quanto presto l’ormone tiroideo della madre influisce sul nascituro?

Prima della nascita un bambino dipende interamente dalla madre per l’ormone tiroideo, fino a quando la ghiandola tiroidea del bambino non può iniziare a funzionare.

Questo di solito non si verifica fino a circa 12 settimane di gestazione (la fine del primo trimestre di gravidanza).

Pertanto, l’ipotiroidismo della madre può svolgere un ruolo nella fase iniziale, prima che molte donne si rendano conto di essere incinta!

Infatti, i bambini di madri che erano ipotiroidee nella prima parte della gravidanza, quindi adeguatamente trattati, hanno mostrato uno sviluppo motorio più lento rispetto ai bambini di madri normali.

Tuttavia, durante l’ultima parte della gravidanza, l’ipotiroidismo grave e non trattato nella madre può anche avere effetti negativi sul bambino, come sottolineato dalla ricerca sopra descritta.

Questi bambini hanno maggiori probabilità di avere disabilità intellettive.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here