Anestesia dentista e allattamento: “posso allattare dopo l’anestesia locale?”

Anestesia dentista e allattamento: "posso allattare dopo l'anestesia locale?"

Ci sono molte procedure che le mamme che allattano possono tranquillamente fare e alle quali possono sottoporsi.
Può essere un momento preoccupante mentre si allatta, per sapere se procedere con una particolare procedura o meno.

Una preoccupazione, in particolare, è il potenziale effetto che un anestetico potrebbe avere sul tuo bambino che assume il tuo latte. Il consiglio è sempre di discuterne a fondo con il medico insieme a un professionista dell’allattamento al seno per valutare ogni situazione individuale. Ecco alcune informazioni per capire se l’anestesia dentista e allattamento sono sicuri e quali procedure non lo sono.

Leggi anche:

Alimentazione e allattamento: cosa c’è da sapere

Permessi Allattamento Inps: quello che devi sapere

Capezzolo introflesso: come fare con l’allattamento?

mal di denti in allattamento anestesia dentista in gravidanza  anestesia locale in gravidanza anestesia locale dentista

Anestesia denti e allattamento  

È sicuro allattare il tuo bambino non appena ti senti abbastanza bene dopo un’anestesia locale?

Gli antidolorifici standard da banco come il paracetamolo o l’ibuprofene ,sono sicuri da usare dopo l’intervento dal dentista. Coloro che subiscono un’anestesia generale e hanno un bambino nato prematuro o con una condizione medica particolare potrebbero dover posticipare o bloccare l’allattamento al seno, anche solo per un breve periodo.

Si prega di parlare con il proprio medico o professionista dell’allattamento al seno per consigliarvi sulla base delle vostre circostanze.

Anche se può essere una procedura minore, le madri vorranno sapere quanto  e se eventuali anestetici o farmaci associati potrebbero potenzialmente ritrovarsi nel latte materno.
La stragrande maggioranza delle prescrizioni e dei farmaci da banco sono compatibili con l’allattamento al seno, sebbene la maggior parte passerà nel latte materno in quantità minime.

Non è molto noto quanto possa essere sicuro un anestetico per un neonato. Ecco le principali procedure, alcuni esempi in cui occorre prestare attenzione quando si è sottoposti ad un anestetico.

Anestesia dentista allattamento  

Un anestetico locale intorpidisce una piccola area di tessuto dove verrà eseguita una procedura d’intervento, più o meno invasiva.
Agenti chimici come la lidocaina, la novocaina, la bupivacaina e la marcaina sono i principali anestetici locali iniettati direttamente nell’area.
Di solito avranno effetto per 1-4 ore. Una madre che allatta rimarrà cosciente della procedura.

Gli anestetici locali possono anche essere topici e si presentano sotto forma di creme, spray e / o gel. Questi possono essere applicati sulla pelle prima dell’iniezione di un anestetico locale che intorpidirà l’area più profondamente.

A quali Procedure può sottoporsi una madre mentre Allatta?

L’anestesia locale può essere utilizzata per piccoli interventi chirurgici in cui la persona non ha bisogno di essere incosciente o dove non è richiesto il ricovero.
Esempi di questo includono la chirurgia dentale come le otturazioni o la rimozione del dente del giudizio.

L’anestesia locale è necessaria anche per altre procedure minori come biopsie e rimozione di nei, verruche, verruche, unghie incarnite o cataratta. o anche un intervento chirurgico minore .

Tipi di anestetici e la loro compatibilità con il latte materno

Uno dei tipi più comuni di anestetico locale è la lidocaina.
La lidocaina può essere somministrata per via orale, endovenosa o topica come anestetico locale.

Ricerche affermano che la biodisponibilità orale della lidocaina è molto scarsa, solo del 35%, quindi qualsiasi passaggio nel latte materno non sarebbe assorbito dall’intestino dei neonati.

C’è stato anche uno studio condotto per determinare l’efficacia della somministrazione di lidocaina per via parenterale (che significa somministrare attraverso la pelle iniettandolo in vena, muscolo o direttamente sotto la pelle: le donne erano sottoposte a una procedura dentale che utilizzava la lidocaina come anestetico locale.
I risultati hanno mostrato che se una madre che allatta si sottopone a un trattamento odontoiatrico con un anestetico locale utilizzando lidocaina senza adrenalina, può continuare ad allattare in tuttasicurezza.

Altri studi hanno anche dimostrato che con un buon supporto dell’allattamento al seno la lidocaina epidurale con o senza fentanil o uno dei suoi derivati ​​ha effetti negativi minimi o nulli sull’allattamento al seno .

Alcune persone potrebbero sperimentare alcuni effetti collaterali da un anestetico locale come mal di testa, vertigini, visione offuscata, contrazioni muscolari o intorpidimento continuo nell’area o formicolio.
Potrebbe essere una buona idea estrarre un po’ di latte in anticipo se potrebbe essere necessario rimanere più a lungo senza allattare.

 

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social. Ci aiuterai a crescere!

Visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *