Animali e gravidanza: convivenza possibile con cani e gatti?

Fino a diversi anni fa cani e gatti venivano allontanati da una donna che scopriva di essere incinta, per paura di contrarre malattie.

Oggi invece con la divulgazione di informazioni di esperti del settore, molti di queste credenze sono state sfatate. Animali e gravidanza, si, la convivenza è possibile.

Le mamme che hanno un bimbo in arrivo, se hanno animali domestici in casa, non devono preoccuparsi: tutte le malattie che possono colpire cani e gatti, non sono trasmissibili agli uomini.

Leggi anche:

Micosi in gravidanza: come comportarsi e come evitarle

Ossiuri in gravidanza: cosa sono e come si prendono

toxoplasmosi cane toxoplasmosi gatto e gravidanza

Gatti e gravidanza: la Toxoplasmosi

L’unica patologia che può essere trasmessa alla futura mamma è la toxoplasmosi. Il toxoplasma è un parassita che troviamo nei gatti e si trova nelle feci e che possono contaminare l’ambiente.
Il gatto si ammala di toxoplasmosi ingerendo la carne cruda contaminata e lo elimina nelle feci sotto forma di cisti. Queste, però, per diventare attive, devono restare dove sono e deve trascorrere un tempo che va da uno a quattro giorni.

Il contagio può avvenire solo dopo ingestione di questi ovocisti. Come si può immaginare,la possibilità che un gatto domestico sia veicolo di infezione è molto remota:  perché viene alimentato con cibo industriale controllato e perchè la pulizia giornaliera della lettiera consente la rimozione costante degli escrementi.

Quindi mamme in gravidanza e gatti in casa, potete stare tranquille ,anche se è bene, comunque, che la futura mamma indossi guanti monouso durante la pulizia della lettiera o deleghi il compito ad un altro membro della famiglia, per evitare ogni tipo di contatto con le feci.

Gravidanza e cani in casa?

La presenza di un cane invece può addirittura aiutare la donna incinta: infatti le permetterà di mantenersi in forma con le passeggiate all’aria aperta; muoversi durante la gravidanza aiuta umore e circolazione.

Il cane comunque deve essere correttamente vaccinato e sverminato e bisogna controllare la presenza di parassiti esterni. Fatelo fare a qualcun altro in famiglia, per sicurezza.

“To do list” da rispettare

  • Visita dal veterinario. Porta il tuo cane o il tuo gatto dal veterinario per una visita completa entro i 9 mesi della gravidanza.
  • Igiene sempre. E’ importante l’ attenzione all’igiene. Non dimenticare di lavarti le mani dopo aver dato da mangiare al cane o al gatto dopo averlo pulito. Non farti leccare le ferite.
  • Scuola per cani. Insegna al tuo cane o gatto che la culla, la borsa porta bebè o il fasciatoio sono zone dove lui non può avvicinarsi.
  • Evita la gelosia e…coccolalo, si perché il tuo cane o gatto va considerato come un bambino a cui nasce un fratellino. Fargli molte coccole lo rassicurerà: non allontanarlo quando cambi il bambino, dagli da mangiare prima di allattare e accarezzalo mentre il piccolo dorme.

Animali banditi

Gli animali che una futura mamma deve evitare sono criceti, topolini e simili perchè possono trasmettere virus pericolosi.

Ma se in casa avete canarini o pappagalli, è importantissimo che pulire sempre le loro gabbie, perché le loro feci potrebbero trasmettere la psittacosi. questa malattia causa polmonite, aborto o nascite premature in una donna incinta.

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social. Ci aiuterai a crescere!

Visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *