Quali caratteristiche tecniche devono avere i dispositivi e i seggiolini anti-abbandono

Quali caratteristiche tecniche devono avere i dispositivi e i seggiolini anti-abbandono

Sempre più spesso nelle pagine di cronaca si leggono di bambini morti tragicamente a causa di una fatale dimenticanza da parte di un genitore, che in preda alla stanchezza o alla fretta, abbandona accidentalmente il figlio piccolo, quindi non in grado di segnalare la propria presenza, in auto. Visti i numerosi recenti casi, si è deciso di prendere dei provvide menti per evitare che certe tragedie accadano di nuovo. A questo proposito il Senato ha approvato il 25 settembre scorso una legge che entrerà in vigore a partire dal 1° luglio 2019 e che prevede che chiunque trasporti a bordo di un’auto un bambino di età inferiore ai 4 anni si doti di particolari seggiolini e dispositivi antiabbandono, che segnalino al conducente la presenza del minore a bordo e scongiurino possibili disgrazie. Per confutare ogni possibile dubbio e perplessità riguardo questa delicata faccenda, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha rilasciato il decreto formulato dall’Ufficio Motorizzazione del Ministero nel quale si chiariscono le caratteristiche che devono avere i dispostivi anti-abbandono per i seggiolini. Vediamo meglio nello specifico di cosa si tratta e che caratteristiche devono avere questi nuovi dispositivi.

Leggi anche:

Seggiolini auto, cosa prevede la nuova legge anti-abbandono

Borse per mamme comode e capienti: per parto, neomamme e passeggino

Caratteristiche generali seggiolini anti-abbandono

Ci sono tre opzioni per quanto riguarda la conformazione generale dei dispositivi antiabbandono.

Il dispositivo, infatti, può essere integrato all’origine nel sistema di ritenuta per bambini, oppure può essere una dotazione di base del veicolo (quindi compreso nel fascicolo di omologazione del veicolo stesso).

In alternativa può essere indipendente sia dal sistema di ritenuta sia dal veicolo e quindi deve essere acquistato a parte. In questo caso si può comprare un normale seggiolino auto e aggiungere un dispositivo anti-abbandono esterno. Ce ne sono di diversi tipi, tutti con lo stesso obiettivo, quello di segnalare sia al conducente che a terze persone (siano esse passanti o persone inserite in una specifica lista) attraverso segnali acustici, visivi, notifiche, messaggi o chiamate che un bambino è stato abbandonato in auto. Per fare un esempio, si può trovare un “ cuscino intelligente ” che rileva la presenza del bambino sul seggiolino dell’auto e avverte il genitore nel caso il bambino venga per sbaglio lasciato da solo all’interno del veicolo. Questo tipo di cuscini è universale, ciò significa che è installabile su tutte le tipologie di seggiolini per auto in circolazione, inoltre è dotato di un dispositivo che dialoga con un’applicazione totalmente gratuita (disponibile sia per IOS che per Android) e che avverte il genitore con una notifica o un allarme nel caso questi si allontani senza il bambino. L’applicazione, infine, è in grado di avvertire altre persone, contenute in una lista pre – inserita nel caso in cui il genitore non risponda all’avviso.

caratteristiche tecniche seggiolini anti-abbandono

Caratteristiche funzionali seggiolini anti-abbandono

Per quanto riguarda le caratteristiche funzionali, invece, il decreto ministeriale si articola in cinque punti. Vediamo quali sono:

1 – Innanzitutto è di fondamentale importanza che il dispositivo anti-abbandono segnali l’abbandono di un bambino di età inferiore ai 4 anni all’interno del veicolo sul quale è trasportato.

2 – Inoltre, per evitare dimenticanze, il dispositivo deve necessariamente essere in grado di attivarsi in modo automatico ad ogni utilizzo del veicolo, senza che il conducente debba ricordarsi di svolgere alcuna azione particolare per accenderlo.

3 – Per assicurare il conducente di essere entrato in funzione, il dispositivo deve anche dare un segnale di conferma di attivazione.

4 – In caso di necessità di dare un segnale di allarme, quest’ultimo verrà dato attraverso appositi segnali visivi e acustici che siano in grado di attirare l’attenzione del conducente, ma anche che siano percepibili sia all’interno che all’esterno dell’auto, in modo da avvertire eventuali passanti nel caso il bambino sia stato accidentalmente dimenticato nel veicolo dal conducente.

5 – In caso di abbandono accidentale, il dispositivo deve essere in grado di inviare messaggi o effettuare chiamate ad almeno 3 numeri di telefono differenti, grazie ad un sistema di comunicazione automatico di cui il dispositivo stesso è dotato.

Provvedimenti per chi non rispetta la norma anti-abbandono

Ovviamente chi non rispetta la legge incorrerà in multe e contravvenzioni, che in questo caso sarà uguale a quella in cui incorre chi non allaccia la cintura o non usa il seggiolino, cioè 81 euro di multa e la decurtazione di 5 punti dalla patente e, in caso di recidiva nel biennio, la sospensione della patente da 15 giorni fino a 2 mesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *