sabato, Maggio 8, 2021
Home bambini Colpo di calore bambini: come riconoscerlo? Prevenzione e interventi

Colpo di calore bambini: come riconoscerlo? Prevenzione e interventi

Estate torrida? Dovete stare molto attenti, sopratutto se avete bimbi piccoli, ai colpi di calore bambini, in questo periodo estivo, caratterizzato da alte temperature.
Come riconoscerlo se è in atto, affrontarlo ed evitarlo? Tutto nell’articolo seguente.

L’estate è una bella stagione da passare in famiglia, ma la sovraesposizione al sole e alle alte temperature è una delle cause che provoca colpi di calore.
Da adulti riconosci subito i segnali di allarme, ma nei bambini non è così semplice visto che , a seconda dell’età, non riescono a comunicare ciò che sentono.

È allora molto importante saper riconoscere i sintomi rivelatori.

Il colpo di calore bambini o anche colpo di sole, avviene praticamente quando una persona si surriscalda, solitamente dopo una prolungata esposizione ad alte temperature.

Avviene di norma quando la temperatura corporea raggiunge o supera i 38C, , ma delle volte basta anche meno.

Durante il colpo di calore, cervello, cuore, reni e muscoli rischiano di subire dei danni.
È una condizione pericolosa per la vita e richiede subito un trattamento di emergenza.

Leggi anche:

Allattamento in estate: ecco i suggerimenti dell’esperto

I 6 migliori suggerimenti per far mangiare il pesce ai bambini

Pancioni Vip Estate 2020: ecco le donne famose che stanno diventando mamme

colpo di calore cosa fare

Colpo di calore sintomi

I sintomi negli adulti oltre all’alta temperatura corporea e ad un cambiamento dello stato mentale, come:

  • confusione,
  • sonnolenza,
  • disturbi del linguaggio,
  • irritabilità,
  • delirio

Tra gli altri sintomi colpo di calore, si possono presentare anche:

  • convulsioni,
  • nausea o vomito,
  • perdita di coscienza,
  • mal di testa,
  • respiro rapido
  • pelle arrossata.

I bambini e i bambini piccolissimi possono diventare più irrequieti e irritabili.

Altri sintomi includono:

  • diventare sonnolento e floscio,
  • pallore,
  • sudorazione o viscosità,
  • ritmo cardiaco e respirazione accelerati,
  • vertigini,
  • svenimento,
  • crampi muscolari,
  • sete intensa,
  • nausea e vomito.
  • eruzione di calore, 
  • ammasso rosso di brufoli 

Di solito compaiono sul collo e nella parte superiore del torace, o nell’inguine e nelle pieghe del gomito, piccole vescicole.

Colpo di caldo. come prevenirlo?

Per evitare i colpi di calore , potreste:

– Evitare di far uscire il bambino e di fargli fare attività fisica o sportiva nelle ore più calde;
– Non esporlo mai direttamente al sole negli orari come dalle 11 alle 17;
– Aumentare la ventilazione dell’ambiente, anche utilizzando un ventilatore. È possibile utilizzare anche il condizionatore, facendo attenzione a tenere una temperatura ambientale di 23-24° e cercando di non passare continuamente da ambienti più caldi ad altri più freschi o viceversa. Importante utilizzare la funzione deumidificazione;
– Far indossare al bambino indumenti leggeri (di lino o cotone), che permettano una maggiore traspirazione;
– Preferire colori chiari dei vestiti;
– Esporre il bambino con prudenza e solo dopo l’anno di vita al sole diretto.
– Utilizzare sempre creme solari ad alta protezione. Un’esposizione non protetta può causare eritemi solari o ustioni, e creare danni irreversibili alla pelle;
– Bagnare spesso la testa e rinfrescare il corpo ;
– Aumentare l’idratazione per reintegrare i liquidi persi tramite la sudorazione. In caso di caldo intenso possono essere utili anche le bevande che contengono sali minerali;
-Mangiare più frutta e verdura.

Ecco cosa alcuni consigli dall’Ospedale Bambino Gesù di Roma

insolazione cosa fare

Colpo di calore rimedi

Se sospettiamo un colpo di calore, chiamiamo subito un medico.

Intanto però, a seconda dell’età, se ci sono i sintomi del colpo di calore, la prima cosa da fare è rinfrescare il piccolo, spostarlo in un luogo fresco, fatelo sdraiare e alzare i piedi, fategli bere molta acqua e rinfrescare la pelle con un impacco freddo o un asciugamano bagnato.

Gli eritemi sono di solito innocui e potete utilizzare i rimedi che vi consigliano i farmacisti.

Il colpo di calore può essere anche più serio e non va sottovalutato. , quindi cercate di non trovarvi in questa situazione, tenetelo lontano dal sole, quando fa troppo caldo, in un luogo fresco e assicuratevi che siano ben idratati.

Vestiamoli con abiti larghi e freschi e evitiamo di fargli fare troppa attività nelle ore più calde.

Usiamo sempre la protezione solare resistente all’acqua e al sudore almeno 50+.

 

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social. Ci aiuterai a crescere!

Visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook

RELATED ARTICLES

Giochi Montessori: molto di più che giocattoli in legno

Abbiamo parlato in molti articoli del nostro blog dei metodi educativi montessoriani e di Maria Montessori, la pedagogista italiana che con i suoi studi...

Come gestire l’arrivo di un fratellino: consigli per evitare la gelosia

Quando in casa si preannuncia l'arrivo di un nuovo bambino, c'è sempre tanto fermento. Molto spesso, l'euforia legata alla nuova nascita, fa passare in...

Allergie nei bambini: come riconoscerle, quali sono le più comuni e come prevenirle

Siamo di fronte e un'allergia quando l'organismo ha una reazione eccessiva verso un tipo di sostanze che, generalmente, è innocua per molte altre persone....

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Parto in acqua: come si svolge, benefici e controindicazioni

Sono sempre di più le future mamme che valutano la possibilità di partorire in acqua. L'idea e la sensazione di esser immerse in una...

Le spine di pesce: come evitare rischi nei bambini

Il pesce è un alimento molto importante nell'alimentazione dei bambini. Per molti genitori, però, può risultare difficile convincere il proprio piccolo a mangiarlo, visto...

Giochi Montessori: molto di più che giocattoli in legno

Abbiamo parlato in molti articoli del nostro blog dei metodi educativi montessoriani e di Maria Montessori, la pedagogista italiana che con i suoi studi...

Come gestire l’arrivo di un fratellino: consigli per evitare la gelosia

Quando in casa si preannuncia l'arrivo di un nuovo bambino, c'è sempre tanto fermento. Molto spesso, l'euforia legata alla nuova nascita, fa passare in...

Recent Comments

Stefania Bezzoli on Bocconcini di pollo impanati
deborah lumachi on Come combatto la mia timidezza
Manuela on Perché amo leggere
coolclosets on Perché amo leggere