domenica, Aprile 18, 2021
Home mamme Dolore ombelico gravidanza: quali sono le cause e cosa bisogna fare

Dolore ombelico gravidanza: quali sono le cause e cosa bisogna fare

Avvertire un dolore ombelico in gravidanza oppure un fastidio, come anche più in generale, dolori addominali, durante la gravidanza…possono essere sintomi frequenti.

Dolore basso ventre destro o nella zona più centrale, è normale, ma vediamo fino a che punto possiamo considerarli sintomi di cui non preoccuparsi della gravidanza e quando è invece il caso di parlarne col proprio ginecologo e fare una visita.

Dolore all’ombelico in gravidanza: cause e come comportarsi.

Leggi anche:

Stimolare la cacca nei neonati: come fare e i rimedi naturali

Ernia ombelicale nel neonato: diagnosi, cure e rimedi

Frasi per annunciare una gravidanza: le più belle e d’ispirazione

dolore ombelico gravidanza

Il dolore all’ombelico prime settimane di gravidanza

Il dolore all’ombelico durante le prime settimane di gravidanza è un sintomo considerato del tutto normale, in quanto è causato dalle alterazioni dei muscoli addominali, che si devono preparare ad allungarsi e a separarsi.

Quindi ok, è normale in gravidanza, ma quali sono le cause e cosa è meglio fare se persiste?

Intorno all’8° mese di gravidanza l’ombelico potrebbe cominciare ad appiattirsi perché l’utero, ingrossato, esercita una pressione sull’addome spingendolo in fuori: tutto questo porta fastidio o prurito alla pelle, ad esempio.
Ma esiste la possibilità che il dolore all’ombelico sia provocato anche dall’appendicite, una patologia che non è esclusa in gravidanza purtroppo e più frequentemente, fa il suo ingresso nel 2° trimestre, provocando parto pretermine e problemi anche gravi alla madre.

Durante la gravidanza i due fasci di muscoli paralleli che proteggono gli organi interni cambiano, così come l’utero, che si ingrandisce, provoca una pressione sull’ombelico e conseguentemente, dolore o fastidio.

Fastidio all’ombelico alla fine della gravidanza

Giunte alla 38° settimana di gravidanza, il fondo uterino sale per pochi centimetri di distanza dal diaframma e l’ombelico cambia aspetto.
La pressione dell’utero fa distendere la pelle e l’ombelico, arriva ad appiattirsi completamente: riprenderà il suo aspetto normale solo dopo il parto.

Durante questo processo la zona addominale diventa molto sensibile portando la futura mamma a sentire fastidio o dolore anche solo se le sfiorano l’ombelico.

Possibili Cause

Se il dolore all’ombelico è causato dall’utero che si ingrandisce, non ci sono rimedi o cure, trattamenti che si possono fare per porre rimedio in quanto è un sintomo fisiologico della gravidanza.

Le altre cause che possono portare dolori all’ ombelico sono:

  • ernia ombelicale
  • stitichezza
  • meteorismo
  • indigestione
  • sindrome del colon irritabile
  • appendicite
  • ulcera
  • infezioni del tratto urinario
  • morbo di Crohn
  • cisti ovariche
  • infezione dello stomaco
  • problemi di colecisti
  • pancreatite
  • intossicazione alimentare
  • tumore al pancreas o al colon

Appendicite in gravidanza

Uno dei sintomi dell’appendicite è il dolore all’ombelico.
L’infiammazione dell’appendice è una patologia, non rara durante la gravidanza, colpisce infatti in media 1 mamma su 1000.

Secondo il Journal of the American Pregnancy Association è la complicanza chirurgica extrauterina con la quale si ha a che fare più spesso durante la gravidanza.

I sintomi di appendicite possono essere facilmente fraintesi in gravidanza, dunque riconoscere i segni per ottenere una diagnosi e un trattamento adeguati nei tempi giusti, è davvero importantissimo.

Anche se colpisce più spesso durante i primi mesi in gravidanza, non sono rari i casi di appendicite anche nell’ultimo trimestre.
Nel caso di un dolore attorno all’ombelico che si sposta nell’area addominale destra diventando più forte, è consigliato andare subito al Pronto Soccorso per una visita urgente da parte di un medico specialista.

Se oltre alla sensazione di fastidio, bruciore, prurito o dolore all’ombelico -provocata dall’utero in crescita– si accusano  perdite ematiche importanti, febbre, nausea o vomito o dolori nelle pareti laterali dell’addome o nella parte inferiore della schiena, è consigliabile rivolgersi al medico .

 

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social. Ci aiuterai a crescere!

Visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook

RELATED ARTICLES

Babywearing: cosa significa portare in fascia i neonati?

Ultimamente è tornato alla ribalta un tema che, non ci crederete, in realtà esiste da secoli: il babywearing. Questa parola inglese non significa altro...

Permessi per gravidanza e maternità e i migliori lavori per le mamme: cosa c’è da sapere

Essere mamme e al contempo lavoratrici può risultare molto difficoltoso. Tra le ore da dedicare al lavoro, i figli da accudire e le faccende...

Tracciati in gravidanza: quando si fanno e perché. Quali i valori, ci sono rischi?

In gergo sono chiamati tracciati in gravidanza, invece il termine tecnico è cardiotocografia. Ma cosa sono? Sono monitoraggi, specificatamente fatti alla fine della gravidanza, per esaminare...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Esposizione solare in gravidanza: quali creme solari usare e come esporsi al sole

Per una donna incinta non è assolutamente vietato andare al mare ed esporsi al sole. Come per ogni cosa, però, è necessario farlo con...

Violenza ostetrica: come riconoscerla e come denunciare

La gravidanza e il parto sono momenti molto delicati che la donna affronta. Il corpo, così come la mente, vengono sottoposti a cambiamenti importanti....

Bambini e fumo: ecco quali sono i rischi

Che il fumo faccia male è un dato di fatto. Ma, il connubio fumo e bambini è assolutamente da evitare. Quando mettiamo al mondo...

Togliere il pannolino: meglio il vasino o il riduttore?

Quando per un genitore si avvicina il momento di togliere il pannolino al bambino, la domanda che si pone è: meglio il vasino o...

Recent Comments

Stefania Bezzoli on Bocconcini di pollo impanati
deborah lumachi on Come combatto la mia timidezza
Manuela on Perché amo leggere
coolclosets on Perché amo leggere