Donare il latte materno è sicuro anche al tempo del coronavirus?

Donare il latte materno è sicuro anche al tempo del coronavirus?

Secondo la SIN (Società Italiana di Neonatologia) donare il latte materno è ancora sicuro anche al tempo del coronavirus. Anzi la SIN invita tutte le mamme a continuare la donazione di latte materno, che è fondamentale per i neonati che non possono essere allattati al seno materno ed è un “farmaco salvavita” per i bambini nati prematuri. Anche in periodo di pandemia è del tutto sicuro donare latte materno alle Banche del latte (BLUD) poiché vengono applicate tutte le procedure di controllo sia sulle donatrici che sul latto donato. Secondo la SIN, è importante continuare questo gesto di straordinaria generosità. Perché è considerato così importante il latte materno?  Cosa contiene? Come funzionano le Banche del latte? Scopriamolo insieme.

Leggi anche: 

Coronavirus: l’importanza di far mangiare bene i bambini e farli muovere 

Mascherine bambini coronavirus: per i più piccoli colorate e a fumetti

La Società Italiana di Neonatologia: nascere sicuri ai tempi del coronavirus

Perché donare il latte materno?

Il latte materno offre vantaggi straordinari per la crescita dei bambini nati prematuri. E’ considerato l’alimento perfetto per il neonato e un determinante di salute. E’ costituito dall’80% di acqua e da macronutrienti come proteine, grassi e carboidrati. Ciò che lo rende unico è la sua composizione, ideale per un cucciolo d’uomo. Il latte materno ha una prevalente concentrazione di lattosio e una bassa quota di oligosaccaridi (zuccheri semplici indispensabili per la protezione dalle infezioni). La proteina più importante del latte materno è la caseina che dà il caratteristico colore bianco al latte. Il latte è ricco di acidi grassi essenziali e polinsaturi. L’OMS consiglia di allattare finché il bimbo e la madre lo desiderano (in genere fino ai 6 mesi).

donare il latte materno

Come funzionano le Banche del latte?

Ci sono oltre 500 Banche del latte nel mondo e quasi la metà si trovano in Europa. L’Italia ha ben 39 BLUD ed è la nazione europea con maggior numero di Banche del latte. Quando il latte materno è assente o insufficiente, il latte umano donato diventa l’alimento salvavita per i bambini prematuri e le Banche del Latte ha un ruolo fondamentale nel provvedere a questa esigenza. Le BLUD sono strutture che raccolgono, conservano, trattano e distribuiscono il latte umano che viene donato da mamme idonee. Le Banche del latte accettano solo mamme sane di neonati con meno di 6 mesi non ancora svezzati. Se vuoi donare, il personale ti farà uno screening per scoprire le infezioni che vengono trasmesse col latte e valuterà le tue condizioni di salute. Ti verrà chiesto se consumi medicine, inclusi fitofarmaci, quanta caffeina bevi al giorno e quante unità di alcol assumi quotidianamente. Le Banche del latte forniscono contenitori ed etichette, alcune anche tiralatte. Dopo essere stato controllato e pastorizzato per distruggere gli eventuali batteri, il latte materno donato può essere usato per nutrire i neonati che ne hanno bisogno. Come ribadisce la SIN donare latte materno è fondamentale ed è assolutamente sicuro anche al tempo del coronavirus per gli elevati controlli.

 

 

 

 

 

 

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social. Ci aiuterai a crescere!

Visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *