Febbre nei bambini quando preoccuparsi: quando contattare il medico e quando correre al pronto soccorso

0
148
Febbre nei bambini quando preoccuparsi: quando contattare il medico e quando correre al pronto soccorso

Tutti i bambini hanno la febbre di tanto in tanto. La febbre nei bambini di solito non causa danni e può effettivamente essere una buona cosa: spesso è un segno che il corpo sta combattendo un’infezione.

Ma quando tuo figlio si sveglia nel cuore della notte arrossato, accaldato e sudato, è facile non essere sicuri su cosa fare dopo.
Dovresti tirare fuori il termometro? Chiama il dottore?

Scopri di più sulla febbre, soprattutto quando contattare il medico.

Leggi anche:

Come misurare la febbre ai neonati: tutti i consigli più giusti da seguire

Febbre bambini: meglio Nurofen o Tachipirina? Quali sono le differenze?

Adenoidi nei bambini: sintomi, rimedi, quando operare. E nei neonati?

febbre nei bambini   febbre nei bambini senza altri sintomi   febbre nei bambini senza sintomi   febbre nei bambini di 2 anni   febbre nei bambini piccoli   febbre nei bambini di 3 anni   febbre alta   bambini piccoli   iperpiressia   bimbi piccoli   febbre neonatale   febbre alta bambini   come abbassare la febbre   febbre neonato   febbre bambini   temperatura neonati

Che cosa causa la febbre?

È importante ricordare che la febbre di per sé non è una malattia, di solito è un segno o un sintomo di un altro problema.

La febbre può essere causata da alcune cose, tra cui:

  • Infezione: la maggior parte delle febbri è causata da infezioni o altre malattie. La febbre aiuta l’organismo a combattere le infezioni stimolando i meccanismi di difesa naturali.
  • Vestirsi eccessivamente: i neonati, in particolare i neonati, possono avere la febbre se sono troppo raggruppati o in un ambiente caldo perché non regolano la loro temperatura corporea come i bambini più grandi. Ma poiché la febbre nei neonati può indicare una grave infezione, anche i bambini che sono troppo vestiti devono essere controllati da un medico se hanno la febbre.
  • Immunizzazioni: i neonati ei bambini a volte hanno una febbre lieve dopo essere stati vaccinati.

Sebbene la dentizione possa causare un leggero aumento della temperatura corporea, probabilmente non è la causa se la temperatura di un bambino è superiore a 37,8 ° C (100 ° F).

Quando la febbre è un segno di qualcosa di grave?

Nei bambini sani, non tutte le febbri devono essere trattate. La febbre alta, tuttavia, può mettere a disagio un bambino e peggiorare i problemi (come la disidratazione ).

I medici decidono se trattare la febbre considerando sia la temperatura e la condizione generale di un bambino.

I bambini le cui temperature sono inferiori a 38,9 ° C spesso non hanno bisogno di medicine a meno che non si sentano a disagio. C’è un’eccezione importante: se un bambino di 3 mesi o più giovane ha una temperatura rettale di 100,4 ° F (38 ° C) o superiore, chiama il tuo medico o vai immediatamente al pronto soccorso. Anche una leggera febbre può essere un segno di un’infezione potenzialmente grave nei bambini molto piccoli.

Se tuo figlio ha un’età compresa tra 3 mesi e 3 anni e ha la febbre di 39 ° C (102,2 ° F) o superiore, chiama per vedere se il tuo medico ha bisogno di vedere tuo figlio. Per i bambini più grandi, prendi in considerazione il comportamento e il livello di attività. Guardare come si comporta tuo figlio ti darà una buona idea se una malattia minore è la causa o se tuo figlio dovrebbe essere visto da un medico.

La malattia probabilmente non è grave se tuo figlio:

  • è ancora interessato a giocare
  • sta mangiando e bevendo bene
  • è vigile e ti sorride
  • ha un colore della pelle normale
  • sembra a posto quando la sua temperatura scende

E non preoccuparti troppo di un bambino con la febbre che non vuole mangiare. Questo è molto comune con le infezioni che causano la febbre. Per i bambini che ancora bevono e urinano (pipì) normalmente, non mangiare tanto come al solito va bene.

Usa un termometro digitale affidabile per confermare la febbre.

È febbre quando la temperatura di un bambino è pari o superiore a uno di questi livelli:

  • misurato per via orale (in bocca): 100 ° F (37,8 ° C)
  • misurato per via rettale (nella parte inferiore): 100,4 ° F (38 ° C)
  • misurata in posizione ascellare (sotto il braccio): 99 ° F (37,2 ° C)

Ma quanto sia alta la febbre non ti dice molto di quanto sia malato tuo figlio.

Un semplice raffreddore o un’altra infezione virale a volte può causare una febbre piuttosto alta (nell’intervallo 102 ° –104 ° F / 38,9 ° –40 ° C), ma questo di solito non significa che ci sia un problema serio.
In effetti, una grave infezione, specialmente nei neonati, potrebbe non causare febbre o anche una bassa temperatura corporea (inferiore a 97 ° F o 36,1 ° C).

Poiché la febbre può aumentare e diminuire, un bambino potrebbe avere i brividi quando la temperatura corporea inizia a salire.
Il bambino potrebbe sudare per rilasciare calore extra quando la temperatura inizia a scendere.

A volte i bambini con la febbre respirano più velocemente del solito e possono avere una frequenza cardiaca più veloce. Chiama il medico se tuo figlio ha difficoltà a respirare, respira più velocemente del normale o respira ancora velocemente dopo che la febbre è scesa.

È meglio tenere un bambino con la febbre a casa da scuola o dall’asilo. La maggior parte dei medici ritiene che sia sicuro tornare quando la temperatura è normale per 24 ore.

Quando dovrei chiamare il dottore?

La temperatura esatta che dovrebbe attivare una chiamata dal medico dipende dall’età del bambino, dalla malattia e dalla presenza di altri sintomi con la febbre.

Chiama il tuo medico se hai:

  • neonato di età inferiore a 3 mesi con una temperatura rettale di 100,4 ° F (38 ° C) o superiore
  • bambino più grande con una temperatura superiore a 102,2 ° F (39 ° C)

Chiama anche se un bambino più grande ha la febbre inferiore a 39 ° C (102,2 ° F) ma anche:

  • rifiuta i liquidi o sembra troppo malato per bere adeguatamente
  • ha diarrea duratura o vomito ripetuto
  • ha segni di disidratazione (fare pipì meno del solito, non avere lacrime quando si piange, meno vigile e meno attivo del solito)
  • ha un disturbo specifico (come mal di gola o mal d’orecchi)
  • ha ancora la febbre dopo 24 ore (nei bambini di età inferiore ai 2 anni) o 72 ore (nei bambini di 2 anni o più)
  • sta diventando molto febbrile, anche se durano solo poche ore ogni notte
  • ha un problema medico cronico, come malattie cardiache, cancro, lupus o anemia falciforme
  • ha un’eruzione cutanea
  • ha dolore durante la pipì

Ottieni assistenza di emergenza se tuo figlio mostra uno di questi segni:

  • piangere che non si fermerà
  • irritabilità estrema o pignoleria
  • lentezza e difficoltà a svegliarsi
  • un’eruzione cutanea o macchie viola che sembrano lividi sulla pelle (che non c’erano prima che tuo figlio si ammalasse)
  • labbra, lingua o unghie blu
  • il punto debole del bambino sulla testa sembra essere sporgente o infossato
  • torcicollo
  • forte mal di testa
  • zoppia o rifiuto di muoversi
  • difficoltà a respirare che non migliora quando il naso è schiarito
  • sporgendosi in avanti e sbavando
  • crisi
  • dolore addominale da moderato a grave

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here