domenica, Aprile 11, 2021
Home mamme Genitori si nasce o genitori si diventa: il parere dello psicologo

Genitori si nasce o genitori si diventa: il parere dello psicologo

Non esiste il manuale del genitore perfetto: genitori non si nasce, ma si diventa. Essere genitori è il mestiere più difficile del mondo. Genitori si diventa solo mettendosi in gioco ma soprattutto in discussione ogni giorno, commettendo errori, sbagli, per stanchezza, per negligenza o per ingenuità. I genitori, immersi nei loro mille impegni quotidiani, non sempre riescono a dare ai loro figli la risposta giusta. Il legame tra genitori e figli va coltivato e nutrito giorno per giorno. Ma come essere dei buoni genitori per i nostri figli? Scopriamolo insieme.

Leggi anche: 

Le mamme perfette non esistono e meno male! Vi spieghiamo perché 

Coronavirus e bambini- Genitori stressati e crisi di nervi: che fare? 

Gli accordi di maternità surrogata tra diritto di essere genitori, disponibilità degli status e interesse del figlio

Come coltivare il legame tra genitori e figli

Secondo gli psicologi, è possibile creare un buon legame tra genitori e figli seguendo 10 punti fondamentali:

  • creare per loro un ambiente sicuro e sano
  • insegnare ai propri figli a essere indipendenti e favorire la loro autonomia
  • essere sempre sinceri: i figli hanno bisogno di risposte, certezze, non dubbi e vaghezza. A seconda della loro età trovate le giuste parole per rispondere alle loro domande
  • assecondare le loro inclinazioni e capacita: i figli non sono un prolungamento dei genitori
  • rispettare la loro privacy quando crescono
  • stimolare la loro creatività e curiosità
  • essere pazienti e tolleranti: le regole devono esserci e vanno rispettate, ma non bisogna giudicare o urlare senza motivo o reagire con parole offensive quando il bambino sbaglia qualcosa
  • mostrare interesse per ciò che fanno i figli, non sminuire le loro scoperte ed invenzioni
  • imparare a dire NO: non serve dare tutto e dire sempre sì. I no aiutano a crescere i vostri figli
  • dedicare ai figli attenzione e tempo, ma evitare di soffocarli

genitori si diventa

Genitori si diventa

Non esiste un manuale da seguire per essere un buon genitore. Bisogna affidarsi al proprio istinto per crescere i figli come meglio si crede. Nel caso in cui ci si senta intrappolati in un ruolo al quale si crede di non appartenere e questo causa ansia, tristezza e depressione, affidatevi a un terapeuta che saprà consigliarvi al meglio. La prima e unica regola fondamentale da seguire è amare vostro figlio. La cosa più efficace è lo stile autorevole. Il genitore deve stabilire regole semplici, chiare, precise ed adatte all’età e alle caratteristiche del bambino. Le regole non devono essere immutabili, ma cambiano a seconda delle situazioni e dell’età del bambino durante il processo di crescita. In secondo luogo è fondamentale valorizzare i propri figli. Per tal motivo è bene lodarli in pubblico e rimproverarli in privato. Gli psicologi consigliano poi l’ascolto attivo. L’essere capito per il bambino è importante per la definizione di sé. Anche quando non è ancora in grado di esprimersi, per capirlo basta osservare i suoi disegni e guardarlo giocare. Ascoltate sempre i vostri figli e date loro insegnamenti coerenti. La mamma e il papà (ma anche poi l’asilo nido e la scuola) devono essere tutti sulla stessa lunghezza d’onda negli insegnamenti dati al bambino. Ricordate sempre genitori non si nasce, ma buoni genitori si diventa con la pratica.

 

 

 

 

 

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social. Ci aiuterai a crescere!

Visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook
RELATED ARTICLES

Babywearing: cosa significa portare in fascia i neonati?

Ultimamente è tornato alla ribalta un tema che, non ci crederete, in realtà esiste da secoli: il babywearing. Questa parola inglese non significa altro...

Permessi per gravidanza e maternità e i migliori lavori per le mamme: cosa c’è da sapere

Essere mamme e al contempo lavoratrici può risultare molto difficoltoso. Tra le ore da dedicare al lavoro, i figli da accudire e le faccende...

Tracciati in gravidanza: quando si fanno e perché. Quali i valori, ci sono rischi?

In gergo sono chiamati tracciati in gravidanza, invece il termine tecnico è cardiotocografia. Ma cosa sono? Sono monitoraggi, specificatamente fatti alla fine della gravidanza, per esaminare...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Perché è importante conoscere il fattore Rh in gravidanza

Quando una donna scopre di essere incinta, la prima cosa di cui si accerta è quella di effettuare tutte le analisi a disposizione per...

Quando spunta il primo dentino? Tutto quello che c’è da sapere

L'attesa del primo dentino è sempre un momento importante per tutta la famiglia. Ma, se in alcuni casi lo spuntare dei denti non comporta...

Peperoncino in gravidanza: si può mangiare?

Per le amanti dei cibi piccanti, la domanda più frequente quando si scopre di essere incinta è sicuramente la seguente: si può mangiare piccante...

Abbigliamento in gravidanza: consigli su come vestirsi nei 9 mesi

Con la gravidanza, si sa, il corpo cambia. Oltre alla pancia che cresce, la futura mamma noterà anche un'altra serie di cambiamenti che subirà...

Recent Comments

Stefania Bezzoli on Bocconcini di pollo impanati
deborah lumachi on Come combatto la mia timidezza
Manuela on Perché amo leggere
coolclosets on Perché amo leggere