domenica, Aprile 11, 2021
Home mamme Glicemia bassa in gravidanza: sintomi, valori e come comportarsi

Glicemia bassa in gravidanza: sintomi, valori e come comportarsi

La glicemia bassa in gravidanza ovvero la ipoglicemia, si rivela con sintomi che vanno dal mal di testa, alla sensazione di stanchezza e astenia.
Può dipendere da condizioni fisiologiche, come un’ attività sportiva intensa.
In altri casi è associata a situazioni patologiche.
La glicemia bassa può comportare conseguenze più o meno importanti: di solito legata ad un calo di zuccheri nel sangue, molto al di sotto del range di normalità: quando cioè il glucosio è inferiore a 60/70 mg/dl; i valori normali della glicemia sono infatti compresi tra 65 e 110 mg/dl.
Ma cerchiamo di fare chiarezza.
Leggi anche:

Melatonina in gravidanza: si può?

Uva in gravidanza: tutti i benefici e i consigli dell’esperto

Piramide alimentare: ecco come spiegarla ai bambini

glicemia bassa in gravidanza

Glicemia bassa: quali le cause

Il glucosio presente nel sangue può ridursi a causa di problemi di natura fisiologica o patologica.
Nel primo caso, l’abbassamento dei livelli di zuccheri nel sangue può essere ricondotto a digiuni prolungati, intensi sforzi fisici o abuso di alcol.
L’ipoglicemia può essere anche una condizione fisiologica, e la donna viene a scoprirlo proprio nel corso di alcune gravidanze.
Quindi in condizioni patologiche, – malattie dell’apparato endocrino, tumori e malattie metaboliche- o interventi chirurgici a carico dell’apparato gastrointestinale, sono la cause di un malfunzionamento dell’assorbimento di glucosio.

Glicemia bassa sintomi

L’ ipoglicemia si manifesta con alcuni specifici sintomi:
  • Mal di testa,
  • astenia,
  • sensazione di stanchezza diffusa
  • calo drastico della concentrazione
Ad essi possono aggiungersi:
  • ansia,
  • tachicardia,
  • tremore,
  • sensazione di fame,
  • nausea,
  • vomito e dolore allo stomaco.
Con l’aumentare della gravità si possono riscontare anche:
  • convulsioni,
  • scialorrea,
  • alterazione del tono dell’umore
  • formicoli
Le conseguenze più gravi possono portare alla perdita di coscienza fino al coma ipoglicemico.

Glicemia in gravidanza valori

Valori glicemia a digiuno
NORMALE
(mg/dl) 70-99
(mmol/L) 3.9 – 5.5
ALTERATA (IFG)
(mg/dl) 100-125
(mmol/L) > 5.5 – <7.0
DIABETE
(mg/dl)>126
(mmol/L)  > 7.0

Solitamente l’ipoglicemia non è un rischio per il feto quando esiste in gravidanza. Ben più rischioso è il Diabete in gravidanza, ovvero il diabete gestazionale.

E’ importante restare sotto controllo glicemico durante la gravidanza

I pazienti affetti da diabete possono rilevare una condizione di ipoglicemia in alcuni particolari casi, come  un eccessivo dosaggio di insulina o di altri farmaci che ne stimolano la produzione.
Ma se notate una ipoglicemia dopo aver mangiato, potrebbe indicare la presenza del diabete mellito di tipo II. Per i pazienti diabetici è rilevante non saltare i pasti, sopratutto la colazione. Ma bisogna anche evitare il digiuno prolungato e l’abuso di bevande alcoliche.

Che cosa mangiare

Quando l’ ipoglicemia è causata a condizioni fisiologiche, bastano alcuni accorgimenti per ripristinare i valori alla normalità.
In caso di un digiuno prolungato o dopo intensi sforzi fisici, basta mangiare un po’ di frutta o un alimento ricco di zuccheri. Oppure anche un bicchiere con acqua con 2 cucchiaini di zucchero: vi aiuterà subito a ritrovare il benessere.
E’ importante conoscere l’indice glicemico associato ad ogni alimento così da saper gestire la dieta. Per un intervento immediato quando si presenta una lieve ipoglicemia è opportuno consumare cibi ad elevato indice glicemico.
Ma per evitare una condizione di ipoglicemia reattiva, introducete nella dieta quotidiana alimenti a moderato indice glicemico, come frutta e cereali integrali.

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social. Ci aiuterai a crescere!

Visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook
RELATED ARTICLES

Babywearing: cosa significa portare in fascia i neonati?

Ultimamente è tornato alla ribalta un tema che, non ci crederete, in realtà esiste da secoli: il babywearing. Questa parola inglese non significa altro...

Permessi per gravidanza e maternità e i migliori lavori per le mamme: cosa c’è da sapere

Essere mamme e al contempo lavoratrici può risultare molto difficoltoso. Tra le ore da dedicare al lavoro, i figli da accudire e le faccende...

Tracciati in gravidanza: quando si fanno e perché. Quali i valori, ci sono rischi?

In gergo sono chiamati tracciati in gravidanza, invece il termine tecnico è cardiotocografia. Ma cosa sono? Sono monitoraggi, specificatamente fatti alla fine della gravidanza, per esaminare...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Perché è importante conoscere il fattore Rh in gravidanza

Quando una donna scopre di essere incinta, la prima cosa di cui si accerta è quella di effettuare tutte le analisi a disposizione per...

Quando spunta il primo dentino? Tutto quello che c’è da sapere

L'attesa del primo dentino è sempre un momento importante per tutta la famiglia. Ma, se in alcuni casi lo spuntare dei denti non comporta...

Peperoncino in gravidanza: si può mangiare?

Per le amanti dei cibi piccanti, la domanda più frequente quando si scopre di essere incinta è sicuramente la seguente: si può mangiare piccante...

Abbigliamento in gravidanza: consigli su come vestirsi nei 9 mesi

Con la gravidanza, si sa, il corpo cambia. Oltre alla pancia che cresce, la futura mamma noterà anche un'altra serie di cambiamenti che subirà...

Recent Comments

Stefania Bezzoli on Bocconcini di pollo impanati
deborah lumachi on Come combatto la mia timidezza
Manuela on Perché amo leggere
coolclosets on Perché amo leggere