Gravidanza biochimica: cos’è? Cause e fattori di rischio

Gravidanza biochimica: cos'è? Cause e fattori di rischio

La gravidanza biochimica è l’incubo di ogni mamma, ovvero è un aborto spontaneo che si verifica a 4/5 settimane dal concepimento. In queste circostanze mentre il test di gravidanza darà esito positivo (gravidanza biochimica beta), l’esame ecografico non rivelerà a presenza dell’embrione. Per la brevissima durata di questo tipo di gravidanza, non sempre le donne si rendono conto dell’avvenuto concepimento. Poiché l’interruzione della gravidanza avviene prestissimo, non c’è bisogno né di terapie farmacologiche né di interventi chirurgici (come raschiamento). 

Leggi anche: 

Ossiuri in gravidanza: cosa sono e come si prendono 

Citomegalovirus in gravidanza: sintomi, cura e pericoli 

Come lavare frutta e verdura in gravidanza? I nostri 3 consigli

Gravidanza biochimica cos’è

Non è altro che un aborto estremamente precoce di cui molte donne spesso non si accorgono nemmeno, perché lo scambiamo per una mestruazione abbondante o un ritardo mestruale. Il test di gravidanza conferma l’avvenuto impianto nell’utero, ma la gestazione non prosegue e finisce dopo qualche settimana, con la ripresa del ciclo mestruale. Si parla anche di aborto biochimico o micro-aborto. Le gravidanze biochimiche sono chiamate così per differenziarle dalle gravidanze cliniche che presentano 9 mesi di gestazione e si concludono con il parto. La caratteristica principale è che il test di gravidanza (quello casalingo) darà esito positivo, ma poi l’ecografia non rivelerà né la presenza dell’embrione né della camera gestionale. 

gravidanza biochimica

Gravidanza biochimica cause

L’aborto spontaneo avviene prima della quinta settimana di gravidanza. Non è altro che un fallimento precoce dell’impianto embrionario. L’ovulo fecondato raggiunge l’utero, si impianta, ma dopo pochi giorni l’embrione smette di svilupparsi. Avviene spesso nei percorsi di procreazione assistita (fecondazione in vitro, inseminazione artificiale). Non è affatto semplice individuare le cause. Non si hanno campioni da analizzare, poiché il corpo elimina spontaneamente tutti i prodotti del concepimento con le mestruazioni. In linea generale sono gli stessi motivi per cui avviene un normale aborto:

  • malformazioni uterine
  • anomalie genetiche dei gameti
  • infezioni
  • abitudini di vita non salutari della gestante (alcool, tabacco, forte stress)
  • alterazioni dell’embrione in via di formazione

Gravidanza biochimica sintomi

I sintomi sono quelli di un normale ciclo mestruale. Ecco perché molte mamme non si accorgono nemmeno di questo aborto biochimico poiché non hanno proprio materialmente il tempo di avere il sospetto di essere incinte. Alcune donne lo scoprono solo per il fatto che hanno sempre avuto un ciclo regolare e si accorgono del ritardo. Non vi è alcuna differenza visibile tra il sangue del flusso mestruale e quello dell’aborto biochimico. Sono gli stessi sintomi:

  • mal di schiena e dolori addominali
  • perdite di sangue rosso brillante
  • ritardo delle mestruazioni
  • flusso più abbondante e presenza di coaguli

Non ci sono problemi dal punto di vista fisico, quanto piuttosto problemi psicologici per la donna. 

Biochimica gravidanza rimedi

L’unica cosa possibile da fare è controllare il livello di ormone beta hcg, accertandosi che si riduca. Nonostante la brevissima durata, alcune donne necessitano di supporto psicologico dopo l’aborto biochimico. Non si devono assumere farmaci dopo questo problema. Una gravidanza biochimica non influenza in alcun modo la fertilità e non c’è il rischio di non rimanere incinta in futuro. Si può tentare una nuova gravidanza già dopo 2 mesi. 

 

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social. Ci aiuterai a crescere!

Visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *