sabato, Maggio 8, 2021
Home mamme Gravidanza criptica: che vuol dire? Quando può succedere?

Gravidanza criptica: che vuol dire? Quando può succedere?

La gravidanza criptica, detta anche gravidanza invisibile, è una gravidanza appunto, che per qualche motivo si “nasconde” ai classici test e nemmeno la donna stessa avverte o percepisce i sintomi.

Oggi nell’articolo vedremo perché avviene (fortunatamente di rado)  e caso per caso.

Le gravidanze criptiche sono rare ma molto acclamate da social e tv: tutti ricorderanno il programma televisivo “Non sapevo di essere incinta” che probabilmente molti di voi avranno anche visto, dove negli episodi riportano esempi estremi di questo tipo di gravidanza.

Ho detto sono rare ma non  rarissime, perché 1 donna su 475 non riesce a scoprire di essere incinta, per i primi mesi o per tutti e 9.

Leggi anche:

Test di gravidanza fai da te: i test di gravidanza casalinghi sono attendibili?

Analisi del sangue in gravidanza: quali esami e quando vanno fatti

Test di gravidanza precoci: quando vanno fatti per non sbagliare. Ecco ciò che devi sapere

gravidanza criptica significato

Come fa una donna a non sapere di essere incinta?

Gravidanze senza sintomi, si può?

I sintomi di una gravidanza “normale“, quando una mamma fa un test o le Analisi del sangue BETA HCG, tra le 5 e le 12 settimane di gravidanza, sono:

  • mancate mestruazioni,
  • tensione al seno in alcuni casi,
  • in altri sbalzi d’umore,
  • spesso c’è stanchezza inusuale
  • potrebbe soffrire di nausee, tipiche del primo trimestre di gravidanza.

Essere incinta e non saperlo

In caso di gravidanza criptica, non c’è questa catena di eventi che dovrebbe indurre la futura mamma a fare un test di gravidanza o gli accertamenti del caso, oppure non vuole vedere e leggere questi sintomi correlandoli ad un’ipotetica gravidanza.

Ma c’è anche il fatto che un test potrebbe risultare negativo , quando ad esempio, ad un ritardo delle mestruazioni lo si effettua ma non è in vero ritardo perchè ha ovulato molto più tardi del solito, ed essendo  incinta da pochissimo il test non rivela la gravidanza.
Ricordiamo che il ritardo vero e proprio si considera dopo più di 16 gg dall’ovulazione accertata.

Le nausee potrebbero essere scambiate per sintomi di una influenza intestinale o di una indigestione.

Se poi la donna ha avuto una diagnosi di infertilità, o soffre di ovaio policistico , potrebbe non valutare il ritardo o la mancanza di mestruazioni come un sintomo perché avviene spesso visto i suoi disturbi.

Una donna che per questi motivi non capisce di aspettare un bambino, probabilmente passeranno diversi mesi prima di rendersi conto della gravidanza. Soprattutto se non è mai stata incinta.

E quelle donne che non sentono il bambino o non si accorgono fino al parto di essere incinte? In questi casi  i movimenti fetali, l’aumento di peso e affaticamento, possono essere giustificati anche come conseguenza di scelte dietetiche o stile di vita.

Non accorgersi di essere incinta: come?

Può capitare anche in una gravidanza che va tutto bene ma una gravidanza senza pancia, di avere qualche piccola perdita anche ogni mese della gestazione dovuta agli ormoni , e queste perdite possono essere lette erroneamente come mestruazioni.
Se poi non prova altri sintomi particolari, non ha motivo di fare test o accertamenti.

Le situazioni più comuni che portano a non accorgersi da subito della gravidanza sono :

  • Sindrome dell’ovaio policistico (PCOS). Questa condizione può limitare la fertilità, creare squilibri ormonali e causare irregolarità e assenza di mestruazioni per mesi .
  • Perimenopausa è l’intervallo tra il momento in cui le mestruazioni iniziano a diventare meno regolari e il momento in cui si interrompe completamente la fertilità, ossia la menopausa. Alcuni sintomi della gravidanza come l’aumento di peso e le fluttuazioni ormonali possono essere molto simili ai sintomi della perimenopausa.
  • Pillole anticoncezionali e i dispositivi intrauterini (IUD) possono far pensare di essere “immuni” alla gravidanza. Sebbene questi metodi contraccettivi siano molto efficaci, ci sono casi in cui la gravidanza potrebbe comunque verificarsi

È possibile rimanere di nuovo incinta dopo una gravidanza e prima che ritornino le mestruazioni , quindi del capoparto perché l’allattamento al seno produce ormoni che inducono il corpo a ritardare l’ovulazione e il ciclo mestruale per diversi mesi dopo la nascita del bèbè e la donna allora può pensare che i sintomi siano legati al  postpartum quando invece è di nuovo incinta.

Ci sono poi situazioni in cui una gravidanza non la si riconosce perché la donna incinta non è in grado di riconoscerla.

Situazioni come una patologia mentale, in cui la donna non è in grado di capire o dopo violenze, abusi, situazioni di forte disagio sociale.

Ci sono anche casi in cui le donne rimangono incinte nella prima adolescenza, ancora prima di comprendere che cosa siano i sintomi.

Incinta senza saperlo: e il travaglio e il parto come saranno?

Il travaglio e il parto alla fine di una gravidanza criptica sono come qualsiasi altra gravidanza.

Ciò che è diverso è che la donna non ne era preparata e può reagire male, dovendo vivere un dolore inaspettato. Ciò può causare anche disagio psicologico.

Se la donna ha le contrazioni ma non sa di essere incinta, prova un dolore ingiustificato.

Fattori negativi della gravidanza criptica

Non tutte le storie di gravidanza nascosta (gravidanze invisibili) hanno un lieto fine.

Non tutte le donne vivono in modo sano e la mancanza di cure prenatali, una cattiva alimentazione, lo stile di vita di una persona che non sa della propria gravidanza, ad esempio alchool e fumo, potrebbe aumentare le probabilità di un parto pre-termine o la nascita di un bambino con seri problemi fisici o mentali.

 

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social. Ci aiuterai a crescere!

Visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook

RELATED ARTICLES

Le spine di pesce: come evitare rischi nei bambini

Il pesce è un alimento molto importante nell'alimentazione dei bambini. Per molti genitori, però, può risultare difficile convincere il proprio piccolo a mangiarlo, visto...

Cioccolato ai bambini: a quanti anni si può mangiare e in che quantità

Il cioccolato è sicuramente uno degli alimenti più richiesti, soprattutto dai bambini. Spesso viene riconosciuto come una sorta di premio o a fine pasto....

Babywearing: cosa significa portare in fascia i neonati?

Ultimamente è tornato alla ribalta un tema che, non ci crederete, in realtà esiste da secoli: il babywearing. Questa parola inglese non significa altro...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Parto in acqua: come si svolge, benefici e controindicazioni

Sono sempre di più le future mamme che valutano la possibilità di partorire in acqua. L'idea e la sensazione di esser immerse in una...

Le spine di pesce: come evitare rischi nei bambini

Il pesce è un alimento molto importante nell'alimentazione dei bambini. Per molti genitori, però, può risultare difficile convincere il proprio piccolo a mangiarlo, visto...

Giochi Montessori: molto di più che giocattoli in legno

Abbiamo parlato in molti articoli del nostro blog dei metodi educativi montessoriani e di Maria Montessori, la pedagogista italiana che con i suoi studi...

Come gestire l’arrivo di un fratellino: consigli per evitare la gelosia

Quando in casa si preannuncia l'arrivo di un nuovo bambino, c'è sempre tanto fermento. Molto spesso, l'euforia legata alla nuova nascita, fa passare in...

Recent Comments

Stefania Bezzoli on Bocconcini di pollo impanati
deborah lumachi on Come combatto la mia timidezza
Manuela on Perché amo leggere
coolclosets on Perché amo leggere