Herpes Zoster bambini ovvero il Fuoco di Sant’Antonio: durata, cause, sintomi e cure

Herpes Zoster bambini ovvero il Fuoco di Sant’Antonio: durata, cause, sintomi e cure

Il Fuoco di Sant’Antonio, o noto anche come Herpes Zoster, è una malattia infettiva causata dal virus della varicella (varicella-zoster virus o VZV), che infetta uno o più nervi (ma solitamente uno solo), che si presenta con un’eruzione cutanea fatta di vescicole, anche molto dolorose.

L’eruzione cutanea può colpire diverse parti del corpo: torace, gambe, l’interno coscia, braccia, ascelle.

Può colpire anche il viso, interessando la zona dell’occhio e della bocca.

La malattia dura 10-15 giorni, finché le croste sulle vescicole cadono e la pelle guarisce completamente.

Il forte dolore però può comparire anche da qualche settimana prima della manifestazione cutanea e durare a lungo dopo che le croste sono passate, perché è provocato dall’infiammazione scatenata dal passaggio del virus sul nervo.

Il virus,che causa prima la varicella, rimane inattivo nel tessuto nervoso, e si ri-attiva, anche a distanza di molti anni, interessando un nervo e scatenando il rash cutaneo.

I motivi per cui il virus della varicella si riattiva non ancora si conoscono.

Una cosa è certa: se le difese immunitarie si abbassano, è molto più facile che compaia la malattia. Possono favorirla lo stress, fisico ed emotivo, l’età avanzata, la chemioterapia o l’infezione da HIV.

Ogni anno in Italia sono più di 300mila le persone colpite dal fuoco di Sant’Antonio.
La frequenza della malattia è 3 malati ogni 1.000 individui.

Leggi anche:

Zovirax in gravidanza: usi e consigli del farmaco contro l’Herpes labiale

Herpes labiale in gravidanza: come prevenirlo e come curarlo

Varicella bambini: sintomi, durata, vaccino e prevenzione

herpes zoster bambini

Sfogo di Sant’Antonio cos’è

Il Fuoco di Sant’Antonio è contagioso, nel momento in cui si presentano le vescicole , verso chi non ha ancora avuto la varicella, o non è vaccinato, per contatto diretto con le vescicole aperte.

Non si trasmette per via aerea.

La persona contagiata può sviluppare la varicella ma non l’herpes zoster.

Ricordate che la varicella da adulti è più pericolosa che nei bambini, può portare complicanze importanti, come infezione batterica delle lesioni, calo delle piastrine, artrite, epatite, encefalite, e polmonite e colpisce un adulto su 400 .

Fuoco di Sant’Antonio sintomi

I sintomi iniziali, prima dell’eruzione cutanea, sono vari e di difficile interpretazione.

Sono infatti:

  • Mal di testa,
  • febbre,
  • malessere,
  • ipersensibilità,
  • sensazione di bruciore,
  • prurito
  • brividi,
  • mal di stomaco
  • .spossatezza

Si accompagna anche a forte dolore, ma è raro nei bambini.

Il rash cutaneo caratteristico si può presentare dal primo giorno fino a 3 settimane dopo la comparsa dei primi sintomi.

Tutto ciò crea grandi difficoltà a fare la diagnosi precoce.

Se appare l’eruzione cutanea, la sua forma è così particolare che un controllo visivo di solito basta per la diagnosi.

Fuoco di Sant’antonio durata: Herpes Zoster terapia

Cure e rimedi per alleviare il fastidio

La prima cosa da fare è consultare il medico, che a seconda della gravità del caso darà la cura più adeguata.

Dalle infezioni dovute a herpes zoster, come  varicella,l’ herpes labiale si guarisce senza alcuna terapia particolare.

Si possono usare degli antivirali, farmaci specifici che riducono la durata della malattia, ma che non agiscono sul dolore.

Sono più efficaci se somministrati entro le 72 ore dalla comparsa della malattia.
Se il dolore è molto forte si possono affiancare ad antidolorifici e antinfiammatori.

Anche il gel a base di cloruro d’alluminio, applicato sulle vescicole,accelera la guarigione e riduce il prurito o il dolore.

Per alleviare il prurito utilizzate indumenti larghi, fate  bagni freschi o impacchi con acqua fredda.

  • Fuoco di Sant’Antonio cause: come inizia?

Il virus, prima porta la varicella, rimane inattivo e si ri-attiva, anche a distanza di molti anni, prendendo un nervo e scatenando il rash cutaneo.

I motivi per cui il virus della varicella si riattiva non sono ancora chiari.

I sintomi iniziali, prima del l’eruzione cutanea sono molto vari e comuni ad altri problemi.

  • Fuoco di Sant Antonio contagio

Sì. Il Fuoco di Sant’Antonio è contagioso, nel momento in cui si manifesta con le vescicole, per contatto diretto con queste.

  • Dove si localizza?

L’eruzione cutanea può interessare diverse parti del corpo: dal torace, alle gambe, in particolare nell’interno coscia, alle braccia, alle ascelle. Può colpire anche il viso e in particolare vicino l’occhio.

  • Quanto tempo ci vuole per guarire?

La malattia dal momento che si manifesta ha una durata di 10-15 giorni, finché le croste cadono e la pelle guarisce.

Il dolore può comparire anche alcune settimane prima dell’eruzione cutanea e durare a lungo dopo che le croste sono passate, perché è dovuto all’infiammazione scatenata dal passaggio del virus sul nervo.

 

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social. Ci aiuterai a crescere!

Visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *