I benefici di studiare un anno all’estero alle scuole superiori

I benefici di studiare un anno all'estero alle scuole superiori

Avete mai pensato di far studiare i vostri figli fuori dal nostro amato stivale? Se almeno una volta questa idea è passata per la vostra mente, scopriamo insieme tutti i benefici di studiare un anno all’estero alle scuole superiori.

Come funziona l’anno scolastico all’estero? Perché fare un anno di studio all’estero? L’anno scolastico all’estero è riconosciuto? Quali documenti servono per studiare un anno all’estero? Queste sono solo alcune delle domande a cui daremo una risposta in questo articolo.

Leggi anche:

10 romanzi che una mamma deve assolutamente leggere nel 2019 

Una mamma che lavora da casa

Come funziona l'anno scolastico all'estero?

In cosa consiste un anno scolastico all’estero?

Cos’è un anno scolastico all’estero? Indubbiamente una grande opportunità. Gli studenti di scuola superiore hanno la possibilità di studiare per un intero anno scolastico all’estero, in un altro Paese, come Inghilterra, Stati Uniti, Irlanda, Spagna, Francia o Germania. Ma proprio un intero anno? Dipende, esiste infatti anche la possibilità di studiare all’estero per periodi più brevi, come 3 o 6 mesi.

Gli studenti italiani, grazie alla normativa ministeriale MIUR sulla mobilità internazionale, possono iscriversi in una scuola all’estero e frequentarla regolarmente, come se la frequentassero in Italia. Seguiranno quindi le materie previste dal programma scolastico della high school estera, ovviamente nella lingua del Paese scelto. Non solo, potranno frequentare anche tutte le attività extra scolastiche che la scuola estera organizza regolarmente, come sport, recitazione, danza, seminari e così via.

Alloggio degli studenti durante l’anno all’estero

Alloggio studenti in scuole estere

Gli studenti che decidono di trascorrere un anno scolastico all’estero, hanno due possibilità: possono alloggiare in un college o presso una famiglia ospitante locale. Questa seconda opzione è la preferita dagli studenti exchange.

Le famiglie che aprono la loro casa hanno tutte una caratteristica in comune: la propensione ad ospitare studenti exchange. Può capitare che la famiglia ospiti due studenti contemporaneamente, ma non saranno studenti provenienti dallo stesso Paese o della stessa madrelingua.

In alternativa, si può decidere per il college. Ovviamente questa seconda opzione ha un prezzo, che varia da college a college, oari solitamente a retta scolastica, vitto, alloggio ed eventuali altri spese.

I benefici di studiare un anno all’estero

I benefici di un anno di studio all'estero

Perché è importante studiare all’estero? Quali sono i benefici per gli studenti che decidono di intraprendere questo percorso? Al primo posto troviamo sicuramente il fatto di uscire di casa e acquisire un po’ d’indipendenza, ad un’età relativamente giovane. Sembra di poco conto, ma in un Paese piuttosto tradizionale come il nostro, è un’esperienza molto preziosa.

Al secondo posto troviamo la possibilità di imparare una lingua straniera. Soggiornare all’estero per un anno vuol dire parlare tutti i giorni quella determinata lingua, tra lezioni a scuola e vita reale. Sarà incredibile accorgersi di come le proprietà linguistiche possano migliorare in poco tempo e di come si arriverà addirittura a ragionare, prima di parlare, in inglese, francese, tedesco o spagnolo. Al terzo posto inseriamo una maggiore apertura mentale. Uscire dal proprio Paese e trascorrere un lungo periodo in un posto completamente nuovo e diverso, vuol dire aprirsi ad una cultura differente, alla conoscenza di nuove persone e di nuove tradizioni.

Infine non dimentichiamo che un anno all’estero comporta anche una maggiore consapevolezza e responsabilità economica. In poche parole, a meno che non si abbia la fortuna di avere un conto in banca ed una carta di credito off limits, vuol dire imparare a gestire il proprio budget.

Quarto anno scolastico all’estero

Quarto anno scolastico all'estero

Molti studenti decidono di trascorrere il quarto anno scolastico all’estero, e a tal proposito ricordiamo che il Ministero dell’Istruzione, attraverso l’articolo 192 del D. Lgs. N. 297/94 – Testo Unico della Scuola e alla Nota Miur 10.04.2013, Prot. N. 843 – detta le linee guida sulla mobilità studentesca all’estero individuale.

Proprio in virtù dell’anno scolastico all’estero il testo normativo recita: “Se uno studente trascorre un periodo di studio all’estero non superiore ad un anno scolastico e da concludersi prima dell’inizio del nuovo anno scolastico, è riammesso nell’istituto di provenienza. In poche parole, per la scuola italiana di appartenenza di risulterà assente giustificato e non perderà l’anno.

Per essere riammessi a scuola sarà sufficiente presentare la pagella della scuola frequentata all’estero, per attestare la frequenza. L’anno estero di scuola è riconosciuto una volta rientrati in Italia. Infine ricordiamo che tutti gli studenti all’estero possono contare sul sostegno di un’organizzazione specializzata in questo tipo di percorsi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *