Influenza 2019, i consigli del medico

Influenza 2019, i consigli del medico

Un milione e mezzo sono le persone già colpite, stiamo parlando dell’influenza 2019, ecco i consigli del medico. Ad oggi le regioni più colpite sono Trentino Alto Adige, Marche, Abruzzo, Campania e Sicilia.

I più colpiti sono i bambini sotto i 5 anni ed i medici consigliano di tenerli a casa alla comparsa dei primi sintomi influenzali. Il picco massimo si è registrato tra metà gennaio ed inizi di febbraio. Da metà febbraio i casi di influenza 2019, dovrebbero iniziare a diminuire.

LEGGI ANCHE:

Risparmiare sull’acquisto online di farmaci con Prezzi Farmaco

Arance proprietà e benefici per i bambini

Influenza 2019: sintomi e quanto dura

Influenza 2019: sintomi e quanto dura

I sintomi dell’influenza 2019 sono quelli classici che tutti conosciamo, brividi dovuti alla febbre che si alza, dolori alle ossa, tosse e debolezza fisica. I medici consigliano prima di tutto di fare il vaccino, indicato soprattutto per determinate categorie di soggetti a rischio, come gli anziani.

Se nella maggior parte dei casi l’influenza non porta complicanze, in rari casi può portare a polmoniti batteriche o al peggioramento di malattie già presenti nella persona, come in caso di malattie respiratorie croniche.

In caso di sospetta influenza il primo consiglio è quello di rivolgersi al proprio medico per diagnosticare la presenza del virus influenzale e di attenersi scrupolosamente alle sue indicazioni.

Generalmente il medico consiglia di rimanere in casa, riposare, bere a sufficienza per reidratare il corpo, assumere farmaci mucolitici in caso di tosse o antifebbrili in caso di febbre particolarmente alta.

Quanto dura l’influenza? La sua durata varia da soggetto a soggetto e comunque è compresa tra un minimo di due ed un massimo di cinque giorni. In questo periodo bisogna rimanere a casa e riposarsi per evitare di esporsi agli sbalzi di temperatura, che possono portare alle complicanze di cui abbiamo parlato sopra, come bronchiti, polmoniti o otiti. Quest’ultime frequenti soprattutto nei più piccoli.

Influenza 2019: i consigli del medico

Influenza 2019: i consigli del medico

Oltre al riposo e a non mandare a scuola i bambini alla comparsa dei primi sintomi, il medico, in caso di influenza, consiglia di evitare contatti con le persone che presentano il virus influenzale.

I bambini con influenza devono essere tenuti a casa fino alla scomparsa totale del virus. Stesso discorso per i luoghi di lavoro. Solo in questo modo si evita il contagio, pericoloso soprattutto per alcune categorie di persone, come ad esempio i bambini con malattie immunitarie o respiratorie.

L’influenza si trasmette per via aerea e quindi tramite la saliva e le secrezioni respiratorie e quindi ecco dei piccoli accorgimenti e consigli del medico influenza 2019, per evitare il contagio influenzale:

  • evitare di frequentare luoghi affollati o manifestazioni di massa;
  • lavare con frequenza le mani;
  • non toccare occhi, naso o bocca con le mani non pulite;
  • coprire la bocca o il naso quando si tossisce o starnutisce e gettare il fazzoletto usato per coprirsi nella spazzatura;
  • aerare le stanze con una certa frequenza.

Influenza 2019: cosa mangiare

Influenza 2019: cosa mangiare

Oltre a quanto elencato sopra, tra i consigli del medico influenza 2019 rientra anche un’ apposita dieta anti-influenza. Oltre a bere molto i medici consigliano di aumentare le calorie del mattino, facendo colazione con latte, miele, marmellata e spremute d’arancia.

A pranzo e cena meglio portare in tavola zuppe o piatti a base di verdure e legumi. Le verdure consigliate sono quelle ricche di vitamina A come spinaci, cicoria, zucca, zucchine, carote, ravanelli e broccoletti. Per quello che riguarda i legumi, consumare almeno tre pasti a settimana a base di fagioli, ceci, piselli o lenticchie, che grazie al ferro contenuto, migliorano il lavoro dell’intestino e quindi eliminano i sovraccarichi di tossine. Non dimenticare poi di fare gli spuntini con la frutta di stagione per fornire all’organismo la quantità giusta di vitamine per rinforzare le difese immunitarie. Assumere quindi frutta con alto contenuto di vitamina C, come kiwi, clementine ed arance.

Infine ricordiamo che non è possibile prevedere l’influenza, poiché è un virus stagionale invernale, ogni volta diverso, il cui andamento non è prevedibile.

 

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social. Ci aiuterai a crescere!

Visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *