Iperattività bambini: le cause e gli interventi da effettuare

Iperattività bambini: le cause e gli interventi da effettuare

L’iperattività bambini può essere un vero e proprio disturbo neurobiologico dato a fattori genetici e ambientali che prevede degli interventi con il bambino, i genitori e gli insegnanti.

Iperattività: capiamone di più.

Leggi anche:

Fumo in gravidanza: quali sono i rischi e i benefici dello smettere

Sindrome Feto-Alcolica: il 9 Settembre è la Giornata Mondiale

Augmentin bambini: dosi, efficacia e controindicazioni

deficit di attenzione adhd sintomi

Iperattività nei bambini : cos’è

L’iperattività, o ipercinesia infantile, parte dalla corteccia pre-frontale e dei nuclei della base, una serie di strutture sottocorticali coinvolte nel controllo del movimento.

L’iperattività non è quindi una semplice vivacità del carattere e per ottenere una diagnosi è necessario rifersi ad uno specialista del settore.

Iperattività cause

I bambini che vengono definiti «difficili», «caratteriali», «ipercinetici» o «iperattivi» non solo non riescono a stare fermi, ma agiscono senza pensare a quello che stanno facendo, in modo impulsivo, e hanno spesso incidenti.

Non sembrano tenere conto degli altri, si intromettono nei loro discorsi o interrompono i loro giochi, non riescono a mantenere l’attenzione su nessuna attività, a seguire le istruzioni e a rispettare le regole sociali di base.

Questi comportamenti rendono molto difficile la loro vita con gli altri sia bambini che genitori e fratelli, e con gli insegnanti. Ne deriva:

  • frustrazione,
  • isolamento dai compagni,
  • problemi nella vita scolastica.

È infatti associata ad ansia, depressione, difficoltà di linguaggio e di apprendimento, sviluppo di tic nervosi, disturbi del comportamento nell’adolescenza.

Di norma, i bambini iperattivi:

  • sono estremamente vivaci, corrono o si arrampicano, non riescono a stare seduti tranquilli, piedi e mani sono sempre in movimento;
  • non fanno giochi tranquilli e passano da un’attività a un’altra senza concluderne nessuna;
  • si distraggono molto facilmente nelle attività scolastiche e di gioco;
  • sembrano non ascoltare quanto gli viene detto e fanno fatica a seguire le istruzioni che gli vengono date;
  • parlano in continuazione, rispondono in modo irruente prima di ascoltare tutta la domanda
  •  interrompono o si intromettono in modo inadeguato mentre altri bambini giocano o gli adulti parlano;
  • non aspettano il loro turno nei giochi o nelle attività in gruppo;
  • fanno cose pericolose senza pensare alle conseguenze (non di proposito o per fare qualcosa di eccitante)
  •  perdono o dimenticano il necessario per attività a casa o a scuola (giocattoli, matite, libri, tuta, compiti).
  • Il problema riguarda, quindi, soprattutto le capacità di autoregorsi.

Iperattività bambini sintomi e diagnosi della Sindrome ADHD

La diagnosi di Iperattività avviene normalmente nell’ambito di un problema diagnostico che si riferisce al Disturbo da Deficit dell’Attenzione e Iperattività, ADHD, dove l’iperattività è solo una delle componenti del disturbo e può essere presente da sola o in associazione al deficit dell’attenzione.

Il Disturbo dell’Attenzione e Iperattività (Attention Deficit Hyperactivity Disorder- ADHD) è un disturbo evolutivo dell’autocontrollo o disturbo dello sviluppo caratterizzato da incapacità a mantenere l’attenzione per un periodo di tempo prolungato, impulsività e iperattività.

Questi problemi derivano dall’incapacità del bambino di regolare il proprio comportamento mentre trascorre del tempo, di non sapersi dare degli obiettivi da raggiungere o di rispondere alle richieste dell’ambiente.

Per poter porre diagnosi di ADHD, un bambino deve presentare almeno 6 sintomi per almeno di sei mesi e in almeno due contesti;e siorattutto prima dei 7 anni di età e questi devono per lo meno compromettere il rendimento scolastico e/o sociale.

Se un soggetto presenta esclusivamente 6 dei 9 sintomi di disturbi dell’attenzione:

  1. spesso fallisce nel prestare attenzione ai dettagli o compie errori di inattenzione nei compiti a scuola, nel lavoro o in altre attività;
  2. spesso ha difficoltà nel sostenere l’attenzione nei compiti o in attività di gioco;
  3. spesso sembra non ascoltare quando gli si parla direttamente;
  4. spesso non segue completamente le istruzioni e incontra difficoltà nel terminare i compiti di scuola, lavori domestici o mansioni nel lavoro (non dovute a comportamento oppositivo o a difficoltà di comprensione);
  5.  spesso ha difficoltà ad organizzare compiti o attività varie;
  6. spesso evita, prova avversione o è riluttante ad impegnarsi in compiti che richiedono sforzo mentale sostenuto (es. compiti a casa o a scuola);
  7. spesso perde materiale necessario per compiti o altre attività (es. giocattoli, compiti assegnati, matite, libri, ecc.);
  8. spesso è facilmente distratto da stimoli esterni;
  9. spesso è sbadato nelle attività quotidiane.

viene posta diagnosi di DDAI – sottotipo disattento.

Se invece presenta esclusivamente 6 dei 9 sintomi di iperattività-impulsività:

  1. spesso muove le mani o i piedi o si agita nella seggiola;
  2. spesso si alza in classe o in altre situazioni dove ci si aspetta che rimanga seduto
  3. spesso corre in giro o si arrampica eccessivamente in situazioni in cui non
    è appropriato (in adolescenti e adulti può essere limitato ad una sensazione soggettiva di irrequietezza);
  4. spesso ha difficoltà a giocare o ad impegnarsi in attività tranquille in modo quieto;
  5. è continuamente “in marcia” o agisce come se fosse “spinto da un motorino”;
  6. spesso parla eccessivamente
  7.  spesso “spara” delle risposte prima che venga completata la domanda;
  8. spesso ha difficoltà ad aspettare il proprio turno
  9. spesso interrompe o si comporta in modo invadente verso gli altri (es. irrompe nei giochi o nelle conversazioni degli altri).
    allora viene posta diagnosi di DDAI – sottotipo iperattivo-impulsivo.

Infine se il soggetto presenta entrambe le problematiche, allora si pone diagnosi di DDAI – sottotipo combinato.

Iperattività come intervenire

Oggi esistono 2 trattamenti per bambini con ADHD:

  • farmacologico (principalmente stimolante)
  • comportamentale

La terapia farmacologica, agisce unicamente sui sintomi primari del disturbo (impulsività, inattenzione e iperattività) e risulta inefficace nel migliorare l’autostima e le competenze sociali-relazionali.

Invece, i trattamenti cognitivo-comportamentali sono focalizzati sulla formazione comportamentale dei genitori e sull’insegnamento di competenze per affrontare e gestire i sintomi dell’ADHD e dei suoi problemi associati.

 

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social. Ci aiuterai a crescere!

Visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *