Laila e il coronavirus, recensione libro

Laila e il coronavirus,

Una copertina azzurra, una bimba con i codini che sorride ed indossa un camice bianco, un mostro a forma di coronavirus. Si presenta così il libro di Nicole Vascotto, uscito proprio ieri 19 marzo nel giorno della festa del papà.  

Acquistabile comodamente dal divano di casa (diventato oramai il nostro habitat quotidiano da quasi 2 settimane a causa dell’emergenza coronavirus) su diversi siti: Amazon, IBS, La Feltrinelli, libreria universitaria, Libro Co. Italia. Il costo del libro “Laila e il coronavirus” è di 7,50 euro, ma online viene venduto scontato a 6,38 euro

Leggi anche:

Cosa fare con i bambini a casa al tempo del coronavirus

Coronavirus: l’importanza di far mangiare bene i bambini e farli muovere

Come spiegare il coronavirus ai bambini

Descrizione libro “Laila e il coronavirus” 

Laila è una graziosa bambina di quasi 5 anni e si trova all’improvviso a vivere una strana situazione. Niente più scuola, niente più amici, niente più giri nel parco o passeggiate con la mamma a mangiare il gelato. Cos’è successo si chiede Laila? Così come molti altri bambini ora lo stanno chiedendo alle loro mamme e pretendono una risposta. Quante volte al giorno i vostri figli vi chiedono: “Mamma cos’è il coronavirus”? In 48 pagine con un messaggio chiaro e delicato Laila spiega cos’è il coronavirus e le regole da rispettare durante l’emergenza che spaventa tanto gli adulti. Ma come inizia la storia? Un bel giorno Laila non va a scuola (all’asilo per l’esattezza) e la mamma le spiega che non andrà a scuola per molto tempo perché c’è un mostro cattivo: il coronavirus. Laila non è spaventata, e decide di rassicurare anche gli altri bambini spiegando cos’è questa malattia, come si diffonde, come evitare il contagio, quali sono i rimedi per non infettarsi, perché spaventa tanto gli adulti e perché anche i bambini devo capire l’importanza di stare a casa in questo momento. 

Come è nato questo libro? 

Il libro si presenta come una guida illustrata per aiutare i genitori a spiegare ai bambini cos’è il coronavirus e perché non vanno più a scuola e non possono uscire di casa. I testi sono scritti tenendo presente le indicazioni date dal Ministero della Salute.  

Il libro nasce tutto per gioco quando circa 10 giorni fa l’autore su Facebook pubblica un post dedicato ai più piccini dove spiega il coronavirus. L’esigenza è nata perché cercando online si è reso conto che esistono sono informazioni per adulti, scritte da adulti e rivolte ad adulti: articoli bellissimi, dettagliati, ma molto complessi, a tratti anche apocalittici e catastrofici e non adatti per niente ai bambini. Il post suo su Facebook ha raggiunto 170 mila persone, divenendo virale ed è stato condiviso da tanti utenti, scuole, pagine istituzionali, gruppi. Addirittura i suoi disegni vengono usati dalle farmacie, dai pediatri e da esperti per spiegare ai bambini cos’è il coronavirus e quali regole fondamentali tutti dobbiamo rispettare.  

In realtà sua figlia ha 2 anni e non 5, ma lui immagina una bimba più grandicella estremamente vispa e curiosa che chiede ai grandi perché non va a scuola, perché non può andare al parco e perché si parla solo di coronavirus.  

Non vi resta che acquistare “Laila e il coronavirus” e farci sapere cosa ne pensate.

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social. Ci aiuterai a crescere!

Visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *