Letto Montessori: i vantaggi e come realizzarlo

0
288
letto montessori

Il momento della nanna è un momento delicato per tutti, a maggior ragione se parliamo di bambini. È corretto, a partire dai 18 mesi circa, che ogni bambino abbia il proprio spazio dove giocare e riposare. Non tutti i bambini sono uguali, c’è infatti chi potrebbe non accettare volentieri il passaggio dal lettone matrimoniale alla propria cameretta. Per questo, è importante che i genitori creino per lui l’ambiente più adatto possibile. Potete pitturare la stanza di un colore che piace al bambino, posizionare i suoi giocattoli preferiti e arricchire le pareti con foto, quadri e lucine per la notte. Andando, così, a riprodurre ciò che piace al bambino, sicuramente passerà del tempo nella sua camera più volentieri. Tra i complementi d’arredo principali in una camera vi è sicuramente il letto, per questo è importante scegliere il più adatto per un bambino. Il letto Montessori rappresenta una valida opportunità sia per il bambino che per il genitore. Vediamo insieme il perché.

Letti Montessoriani: caratteristiche

Il punto di forza che ritroviamo nel lettino Montessori è sicuramente l’altezza, collaudata proprio per favorire l’autonomia del bambino. La loro caratteristica principale, infatti, consiste nell’esser rialzati da terra solo pochi centimetri, il giusto per garantire al bambino libertà di movimento in totale sicurezza. Quindi, nel letto Montessori ritroviamo:

  • autonomia del bambino, in quanto riuscirà a salire e scendere dal letto da solo, senza l’aiuto di un genitore. Azione che, ovviamente, non può compiere all’interno del lettino con le sbarre.
  • sicurezza, visto che l’altezza di questo lettino è sostanzialmente quella del materasso. In caso di caduta o scivolata, il pericolo di farsi male si riduce di molto. Si consiglia, comunque, di mettere un bel tappeto accanto al letto.
  • senso di libertà e percezione del bambino, non sarà più costretto a vedere intorno a sé solo delle sbarre e, potrà decidere lui, autonomamente se, e quante volte, salire sul proprio letto.
  • un aiuto per i genitori, che ovviamente non sono costretti ad accorrere tutte le volte che il bambino vorrà salire o scendere e, inoltre, potranno restargli accanto durante la fase di addormentamento.

Letto Montessoriano fai da te

Un’altra caratteristica del letto Montessori è la praticità e la semplicità, tanto che volendo potreste anche costruirlo direttamente voi.  C’è chi si accontenta, inizialmente, semplicemente di posizionare un materasso a terra e chi, invece, essendo un pò più esperto di bricolage riesce anche a lavorarlo con una forma che attiri il bambino.

Come fare?

  • È sufficiente poggiare un materasso direttamente sul pavimento e isolarlo da terra con un buon tappeto. Inoltre, bisognerà accostare il materasso a una parete della stanza per delimitare le aree scoperte, riducendo il rischio per il bambino di rotolare giù.
  • Munitevi di tavole di legno e unitele insieme per delimitare il materasso, costruendo così il perimetro del letto, oppure potete realizzare la tipica forma a casetta, tanto amata dai bambini.

Se, non siete molto pratici ma volete ugualmente donare al vostro bambino l’autonomia di un letto Montessori, non preoccupatevi. Il bambino apprezzerà anche il semplice materasso a terra, magari accompagnato da una bella coperta, un tappetino colorato e tanti peluche sul letto pronti ad accoglierlo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here