domenica, Aprile 11, 2021
Home mamme Ossiuri in gravidanza: cosa sono e come si prendono

Ossiuri in gravidanza: cosa sono e come si prendono

Gli ossiuri in gravidanza possono provocare danni al feto e alla futura mamma? Gli ossiuri, e più in generale i vermi intestinali, non sono pericolosi, nemmeno durante la gravidanza. Ma è sempre meglio prestare molta attenzione ai vermi in gravidanza e consultare subito il proprio medico di fiducia o ginecologo. La presenza di questi vermi intestinali non interferisce con lo sviluppo del feto. I vermi non possono essere trasmessi attraverso la placenta né attraverso il sangue.  

Leggi anche: 

Partorire con il coronavirus: le regole che garantiscono sicurezza 

Cosa non mangiare in gravidanza 

Beta Hcg: valori e costo delle analisi in gravidanza

Come si prendono gli ossiuri 

Noti come i “vermi dei bambini”, sono parassiti intestinali di colore bianco/avorio e dalla forma affusolata diffusi soprattutto tra i più piccoli. Secondo diversi studi, dall’ 11 al 20% dei bambini di età compresa tra i 5 e i 10 anni ha gli ossiuri. Si tratta di vermi Nematodi (di forma cilindrica) che si differenziano dai vermi piatti (Platelminti) e dai vermi uncinati (Acantocefali). Sintomo tipico di quest’infezione è il prurito nella zona anale, specie nei bambini. Questi parassiti cilindrici entrano nell’organismo attraverso la bocca sotto forma di uova. L’infestazione è molto contagiosa e spesso avviene in modo accidentale attraverso l’ingerimento delle uova annidate sotto le unghie o tra le fibre degli asciugamani o dei vestiti. Una volta raggiunto l’obiettivo, ossia l’intestino questi parassiti si riproducono e depositano le uova nella zona perianale, causando un fastidioso intenso prurito proprio in quella zona. L’ossiuriasi è altamente contagiosa. Tra l’origini di alcune appendiciti c’è quest’infezione. Gli ossiuri maschi sopravvivono nel colon per circa 7 settimane, le femmine per 5 settimane. Una femmina di ossiuro può contenere dalle 11.000 alle 16.000 uova. Dall’ingerimento delle uova di ossiuri ai primi sintomi passano anche 4 settimane. 

Ossiuri in gravidanza: cosa sono e come si prendono

Ossiuri rimedi naturali 

Durante il contagio da ossiuri è bene seguire una dieta ricca di verdura e frutta cotta. In particolare le sostanze vermifughe, (secondo la tradizione popolare), sono l’aglio, la cipolla, il succo di melagrana e il succo di limone, cannella e chiodi di garofano. È consigliato anche lo yogurt bianco magro con probiotici e fermenti lattici.  

Terapia ossiuri 

Oltre alla carenza di igiene, altri fattori di rischio sono i cibi poco cotti o crudi, specialmente la carne, e le verdure non lavate bene. La cura consiste nel somministrare all’intero nucleo familiare farmaci antiparassitari. Per prevenire l’ossiuriasi è bene seguire queste semplici regole:  

  • Lavarsi bene le mani prima di mangiare o toccare il cibo 
  • Evitare di mangiare carne cruda o poco cotta 
  • Non lasciare cibo fuori dal frigo per oltre 2 ore 
  • Tenere le unghie pulite e corte 
  • Lavare i capi intimi, biancheria ed asciugamani a 60° e separati da altri indumenti 
  • Igienizzare sanitari, tavolo e giocattoli 
  • Per sedare il prurito intenso si possono applicare creme a base di un blando anestetico 
  • Preferite sempre la doccia giornaliera al posto del bagno 
  • Indossare preferibilmente capi intimi in cotone 

Come eliminare gli ossiuri 

Oltre 500 milioni di persone ogni anno hanno l’ossiuriasi. Per evitare l’infezione da ossiuri in gravidanza e le reinfezioni, occorre sempre curare scrupolosamente l’igiene personale. Tra i sintomi oltre al prurito nella zona anale ci sono: disturbi nervosi, prurito vulvare, fili bianchi nelle feci, dolori addominali e disturbi intestinali. L’ossiuriasi terapia prevede l’assunzione di farmaci antiparassitari specifici (es. mebendazolo, pyrantel o albendazolo) per uccidere il verme (non le uova!) 

 

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social. Ci aiuterai a crescere!

Visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook

RELATED ARTICLES

Babywearing: cosa significa portare in fascia i neonati?

Ultimamente è tornato alla ribalta un tema che, non ci crederete, in realtà esiste da secoli: il babywearing. Questa parola inglese non significa altro...

Permessi per gravidanza e maternità e i migliori lavori per le mamme: cosa c’è da sapere

Essere mamme e al contempo lavoratrici può risultare molto difficoltoso. Tra le ore da dedicare al lavoro, i figli da accudire e le faccende...

Tracciati in gravidanza: quando si fanno e perché. Quali i valori, ci sono rischi?

In gergo sono chiamati tracciati in gravidanza, invece il termine tecnico è cardiotocografia. Ma cosa sono? Sono monitoraggi, specificatamente fatti alla fine della gravidanza, per esaminare...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Perché è importante conoscere il fattore Rh in gravidanza

Quando una donna scopre di essere incinta, la prima cosa di cui si accerta è quella di effettuare tutte le analisi a disposizione per...

Quando spunta il primo dentino? Tutto quello che c’è da sapere

L'attesa del primo dentino è sempre un momento importante per tutta la famiglia. Ma, se in alcuni casi lo spuntare dei denti non comporta...

Peperoncino in gravidanza: si può mangiare?

Per le amanti dei cibi piccanti, la domanda più frequente quando si scopre di essere incinta è sicuramente la seguente: si può mangiare piccante...

Abbigliamento in gravidanza: consigli su come vestirsi nei 9 mesi

Con la gravidanza, si sa, il corpo cambia. Oltre alla pancia che cresce, la futura mamma noterà anche un'altra serie di cambiamenti che subirà...

Recent Comments

Stefania Bezzoli on Bocconcini di pollo impanati
deborah lumachi on Come combatto la mia timidezza
Manuela on Perché amo leggere
coolclosets on Perché amo leggere