mercoledì, Maggio 12, 2021
Home bambini Perdita capelli neonato: perché succede? C'è da preoccuparsi?

Perdita capelli neonato: perché succede? C’è da preoccuparsi?

La Perdita capelli neonato è un evento naturale e fisiologico: alcuni nascono già calvi e a volte rimangono così anche fino al primo anno di vita, altri, nati già con folte chiome o con un po’ di peluria, (nota come “laguno”), è destinata ad evolversi nei primi mesi di vita.

Tale peluria che cambia durante i primi mesi prende il nome di “effluvio telogeno” ed è causato dal calo ormonale durante la nascita dei bambini e anche dall’ immaturità dei follicoli piliferi del cuoi capelluto: sono sacchettini che contengono le cellule che andranno a costruire poi i capelli, la  loro completa maturazione avviene durante primo anno di vita, creando poi i capelli definitivi.

Quando i neonati iniziano a perdere i capelli, questi avvengono in corrispondenza di dove appoggiano la testa, per colpa dello sfregamento del cuoio capelluto sulle superfici, come il cuscino, ed è così che si trovano molti capelli sul lenzuolino di culle e carrozzine.

Vietato utilizzare i prodotti anti-caduta, occorre solo usare prodotti specifici neutri per bambini, un normale shampoo durante il bagnetto e null’altro.

Leggi anche:

Taglio capelli bambini maschi: quelli più alla moda

Corredino neonato: come lavarlo nel modo più corretto. Ecco alcuni semplici consigli

Stitichezza neonato: cause e rimedi. Allattamento e stitichezza nel bambino

Perdita capelli neonato

Perdita capelli neonati

Quando il neonato perde capelli durante i primi mesi di vita, questo non deve allarmare: la peluria (“lanugo”) che riveste la testa alla nascita e che si è sviluppata durante la gravidanza è destinata a cadere ed essere sostituita dai capelli veri, intorno all’anno d’età.

I follicoli piliferi devono maturare ancora, dopo che il bambino è nato.
La perdita di capelli  dipende dai follicoli piliferi (i piccoli “sacchetti” che contengono la radice del capello) che impiegano anche un anno per maturare completamente: solo a questo punto si forma la capigliatura definitiva che potrà assumere colore, consistenza e aspetto diversi da quelli osservati nel bambino appena nato, acquisendo le caratteristiche ereditate geneticamente dai due genitori.

  • Dal terzo mese di vita

La temporanea perdita dei capelli non preoccuperà mamma e papà: di solito iniziano a cadere dal terzo mese di vita evidenziando alcune chiazze dove i capelli si sono diradati

Caduta capelli neonato: cuoio capelluto pulito

Ricorrere a trattamenti per cercare di frenare la caduta dei capelli nel tuo bambino neonato, è sbagliatissimo, visto che è un processo del tutto naturale : va quindi evitato il ricorso a lozioni o shampoo anticaduta.

L’ importante è aver cura di mantenere pulito il cuoio capelluto del bimbo, visto che durante i primi mesi di vita le secrezioni sebacee, quindi il grasso, sono abbondanti e tendono a irritare la pelle delicata.

Così è sufficiente lavargli la testa ogni 2-3 giorni solo con l’uso di prodotti specifici per l’infanzia (shampoo neutri e delicati diluiti con l’’acqua), massaggiando con delicatezza (usando i polpastrelli delle dita) il cuoio capelluto e poi sciacquare evitando che residui di shampoo rimangano.

Perdita capelli neonato: quando rivolgersi ad uno specialista?

La valutazione di un esperto occorre quando la zona di calvizia è davvero estesa,  liscia e totalmente calva:allora potrebbe essere alopecia areata che avviene quando il sistema immunitario del bambino attacca i follicoli dei capelli.

Se presenta anche squame biancastre o rossastre: potrebbe trattarsi di un fungo chiamato tigna del capo.

 

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social. Ci aiuterai a crescere!

Visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook

RELATED ARTICLES

Acqua frizzante ai bambini: si può dare?

Bere molta acqua è importante a qualsiasi età, ma nel caso di bambini e anziani lo è molto di più. Riferendoci ai bambini, dobbiamo...

Torre Montessoriana: a cosa serve e come si costruisce

Essere genitori è un lavoro che richiede un'attenta supervisione 24 ore su 24. Durante l'arco della giornata, ovviamente, però non si possono accantonare anche...

Giochi Montessori: molto di più che giocattoli in legno

Abbiamo parlato in molti articoli del nostro blog dei metodi educativi montessoriani e di Maria Montessori, la pedagogista italiana che con i suoi studi...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Hennè in gravidanza: si può fare? Quali sono le marche sicure?

Quando si è in dolce attesa, l'euforia è alle stelle e le future mamme ci tengono veramente tanto a mettere in mostra il bel...

Acqua frizzante ai bambini: si può dare?

Bere molta acqua è importante a qualsiasi età, ma nel caso di bambini e anziani lo è molto di più. Riferendoci ai bambini, dobbiamo...

Torre Montessoriana: a cosa serve e come si costruisce

Essere genitori è un lavoro che richiede un'attenta supervisione 24 ore su 24. Durante l'arco della giornata, ovviamente, però non si possono accantonare anche...

Parto in acqua: come si svolge, benefici e controindicazioni

Sono sempre di più le future mamme che valutano la possibilità di partorire in acqua. L'idea e la sensazione di esser immerse in una...

Recent Comments

Stefania Bezzoli on Bocconcini di pollo impanati
deborah lumachi on Come combatto la mia timidezza
Manuela on Perché amo leggere
coolclosets on Perché amo leggere