Quando iniziano a parlare i bambini? E cosa dicono? Ecco cosa dovete sapere

Quando iniziano a parlare i bambini? E cosa dicono! Ecco cosa dovete sapere

Durante i suoi primi 3 anni di vita, il bambino attraversa varie fasi tutte molto importanti per il suo sviluppo, in particolar modo del linguaggio: diventano questi anni, il periodo in cui iniziano a parlare e imparano molto del mondo della comunicazione.

Ma come fanno e quando iniziano a parlare i bambini? E quali sono le prime parole e come le dicono, a che età cominciano?
Questo articolo risponderà a tutte queste domande!

Leggi anche:

Mutismo selettivo infantile: cos’è e come affrontarlo

Il singhiozzo nei bambini: perchè, cause e come curarlo

Attività per bambini da fare all’aperto. Addio tecnologia

quando iniziano a parlare i bambini

Quando i bambini iniziano a parlare

I bambini imparano a parlare sopratutto in questi modi:

  • Osservando,
  • guardando,
  • ascoltando
  • rispondendo alle persone che li circondano.

Non ce ne rendiamo sempre conto ma i bambini sono circondati da mille stimoli e assorbono informazioni in ogni istante.

Durante i primi mesi, il piccolo ascolta la voce della mamma e del papà o delle persone che vivono di più attorno a lui ogni giorno, e cerca di ripetere gli stessi suoni che sente emettere gli adulti.
Quando voi “rispondete” e cercate di attuare una conversazione con lui, non sembrate matti come potrebbe apparire ma,anzi, il bambino si sentirà incoraggiato e stimolato a continuare nei suoi esperimenti, tutti validi esperimenti di comunicazione col mondo che lo circonda.

Ecco perché è molto importante e a mano a mano che cresce, imparerà nuovi suoni, nuove sillabe e parole.

Bambini che non parlano

E i bambini che non parlano? Come posso capire che segue i tempi giusti’
Ci sono delle tappe base di sviluppo del linguaggio, vengono così seguite dalla maggior parte dei bambini e servono per capire se il bambino sta imparando a parlare nei tempi previsti.

Entro i 3 mesi :

  • Sorridere quando vi vede
  • Fare suoni
  • Calmarsi o sorridere quando gli si parla
  • Riconoscere la vostra voce
  • Piangere in modo diverso per esigenze diverse

Entro i sei mesi:

  • Emette suoni gorgoglianti quando gioca solo oppure in compagnia
  • Borbotta ed emette una varietà di suoni
  • Usa la sua voce per esprimere piacere e dispiacere
  • Muove gli occhi nella direzione dei suoni
  • Risponde ai cambiamenti nel tono della vostra voce
  • Riconosce che alcuni giocattoli emettono suoni
  • Presta attenzione alla musica
  • Ripete suoni come “la, la”, “ba , ba” o ” da, da ” (lallazione).
  • Inizia a copiare alcuni dei suoni e dei gesti che fate.

La Lallazione, le sillabe non hanno un significato per il bambino, gli permettono di ascoltarsi e si diverte quando sente che emette dei suoni.
L’ambiente circostante che lo stimola è fondamentale per favorire la varietà delle sillabe che riesce a dire.

A 8-9 mesi:

  • crea sequenze di suoni più lunghi e variati (lallazione variata)

A 9-12 mesi:

  • inizia il passaggio dalla comunicazione non intenzionale alla comunicazione intenzionale.

Il bambino diventa consapevole delle sue capacità di comunicare con gli altri e anche delle conseguenze dei suoi comportamenti sulle persone intorno a lui.

Entro i 12 mesi :

  • Imita i suoni del parlato
  • Pronuncia alcune parole, come “papa”, “mama” e “uh-oh”
  • Comprende semplici istruzioni, ad esempio “Vieni qui”
  • Riconosce le parole che indicano oggetti comuni, come “scarpa”
  • Si gira e guarda nella direzione dei suoni
  • Entro il primo anno età, il bambino è in grado di dire alcune parole semplici.

All’età di 18 mesi.

  • Pronuncia numerose parole.
  • Riconosce i nomi di persone familiari, oggetti e parti del corpo
  • Segue semplici indicazioni accompagnate da gesti

Entro la fine dei 24 mesi:

  • Usa frasi semplici, come “ancora latte”, “basta mamma”
  • Fa domande da una a due parole, come “vai via?”
  • Segue semplici comandi e comprende semplici domande
  • Pronuncia più di 50 parole
  • Parla abbastanza bene per essere compreso

Come aiutare i bambini a parlare

Se pensate che il vostro bambino abbia qualche problema di linguaggio la prima cosa da fare è dirlo al pediatra, che eventualmente potrà inviarvi da uno specialista.

Stimolare bambino a parlare

Come insegnare a parlare ai bambini

  • Prima di tutto parlate con lui\lei, già dal pancione.
  • Dopo la nascita continuate a farlo: parlategli, raccontategli storie, cantate canzoni.
  • Rispondete con parole ai suoni del vostro bambino.
  • Parlate con il vostro bambino per tutta la giornata.
  • Rispondete sempre alle domande del vostro bambino perché per lui ricevere delle risposte è fondamentale.
  • Non fate l’errore di parlare con il linguaggio dei bambini (il cosiddetto “bimbese“), ma usate parole giuste.
  • Leggetegli delle fiabe, ogni giorno a partire dai 6 mesi di età.

Ogni tipo di  interazione stimola il bambino all’apprendimento.
Non dimenticate mai di incoraggiarlo e di trasmettergli fiducia in quello che fa.

 

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social. Ci aiuterai a crescere!

Visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *