Shoah spiegata ai bambini Scuola Primaria: ecco un valido approccio e contributo

0
152
Shoah spiegata ai bambini Scuola Primaria: ecco un valido approccio e contributo

Aiutare gli studenti, i bambini in particolare, a comprendere i fatti essenziali dell’Olocausto, le sue cause e le sue conseguenze, non è facile come si può credere.
La storia della Shoah è complessa e vasta. Sebbene gli studiosi non sono in grado di coprire ogni aspetto della storia dell’Olocausto, cercare di aiutare la comprensione e aiutare gli studenti a navigare attraverso la sequenza degli eventi, è davvero importantissimo.

Non c’è motivo di discutere se dovremmo istruire i giovani sull’olocausto, ma dovremmo invece considerare come farlo in modo appropriato all’età.

Alcuni sostengono che lo studio dell’Olocausto è meglio lasciarlo al curriculum della scuola secondaria di Primo Grado, dove è un elemento obbligatorio all’interno della storia.

Tuttavia, ricerche recenti indicano che anche gli alunni della scuola secondaria non sviluppano un senso sicuro della scala geografica e della cronologia dell’Olocausto.

Se possiamo iniziare a studiare l’argomento a livello delle scuole elementari, si potrebbe sostenere che stiamo fornendo una base preziosa sulla quale costruire a livello secondario, portando quindi a una migliore comprensione.

Molte scuole primarie adottano la possibilità di fare una breve ricerca sulla shoah studiando gli elementi dell’Olocausto, proprio per fornire un contesto e una migliore comprensione per aree importanti come il rispetto e la tolleranza…e visto che veniamo fuori da un anno, il 2020, dove il Movimento Black Mother per la lotta contro le discriminazioni razziali verso la popolazione afroamericana è diventata una pietra miliare storica, siamo ancora più certi nel trattare questi argomenti oggi.

Tuttavia, si può anche sostenere che, dati gli orrori dell’Olocausto, non è appropriato per lo studio nella scuola primaria. Ma si può evitare il pericolo di turbare i più piccoli, presentando una versione appropriata per i bambini della scuola primaria, ma senza semplificare eccessivamente e possibilmente banalizzare l’orrore di quegli eventi.

Sosteniamo cioè di dover gettare le basi per uno studio dell’Olocausto nella scuola primaria, per gli studi successivi nelgi altri ordini scolastici.

Leggi anche:

Voti scuola primaria: sono in arrivo le pagelle

La legalità a scuola spiegata ai bambini

Alimentazione dei bambini: l’olio adatto ai più piccini

shoah ricerca per bambini giornata della memoria per bambini shoah spiegata ai bambini la shoah spiegata ai ragazzi il giorno della memoria spiegato ai bambini shoah scuola primaria tema shoah la shoah spiegata ai bambini immagini shoah per bambini shoah spiegata ai bambini la shoah spiegata ai ragazzi il giorno della memoria spiegato ai bambini shoah scuola primaria tema shoah la shoah spiegata ai bambini immagini shoah per bambini shoah per bambini la shoah raccontata ai bambini shoah ricerca per bambini giornata della memoria per bambini shoah raccontata ai bambini giornata della memoria spiegata ai bambini breve ricerca sulla shoah tema sulla shoah terza media la giornata della memoria shoah per bambini olocausto bambini shoah bambini shoah ricerca scuola media ricerca sull olocausto

27 gennaio giornata della memoria:

Come può un bambino tra i 6 e i 10 anni, oggi, comprendere le emozioni provate dai bambini in quelle disastrose circostanze e, cosa ancora più importante, dovremmo anche volere che siano in grado di coglierle e approfondirle?

In risposta a questi dilemmi, lOlocausto Educational Trust ha recentemente lanciato un pacchetto di materiali gratuiti per sostenere l’insegnamento delle questioni relative all’Olocausto nelle scuole primarie.
Molti insegnanti sono preoccupati per la loro mancanza di conoscenza della materia in questo settore e la fiducia ha affrontato questo problema con abbondanza di materiale di base.

Le risorse si concentrano sulla normalità della vita per le comunità ebraiche in tutta Europa prima della guerra, con immagini di individui che si godono le vacanze in famiglia, festeggiano compleanni e si impegnano in questioni quotidiane come andare a scuola.
Questa è un’area de la shoah raccontata ai bambini , che le scuole primarie spesso non hanno pensato in maniera sufficiente per affrontare quest’importante tematica, limitandosi spesso a chiedere ai piccoli di fare ina ricerca sull olocausto  con distacco e freddezza.
Tale attenzione consente agli studenti non solo di esplorare la ricchezza della cultura ebraica, ma anche di evidenziare i punti in comune con le loro vite nel mondo moderno.

La Giornata della Memoria Shoah per bambini

Attraverso lo studio della cultura ebraica, possiamo incoraggiare una maggiore comprensione di ciò che è andato perduto a causa dell’Olocausto e possiamo aiutare i nostri alunni a evitare di vedere gli ebrei solo come vittime.

Lo schema di lavoro passa poi a guardare verso la vita sotto l’egemonia dei nazisti e la vita con le leggi antiebraiche. Apprezzando il valore delle storie individuali che potete riprendere dal sito sopra indicato, le lezioni saranno incentrate su storie di bambini ebraici, storie vere.

Concentrandosi sulla testimonianza di una ragazza o di un ragazzo, si spera che gli alunni possano iniziare a capire l’impatto che il viaggio oltre oceano ha avuto su quasi 10.000 giovani ebrei. Gli alunni poi passano a guardare le azioni e le motivazioni di coloro che hanno aiutato bambini.

Attraverso l’uso di materiali prodotti dall’Holocaust Educational Trust e da altre organizzazioni, ci si può sentire in grado di esplorare questo argomento controverso con i bambini.

Ricorda, prima di intraprendere il viaggio verso la Giornata della Memoria spiegata ai bambini, pensa attentamente a ciò che vuoi che imparino e che ottengano dall’esperienza.

Anche se non vogliamo chShoah spiegata ai bambini Scuola Primaria: ecco un valido approccio e contributoe i nostri alunni della scuola primaria siano esposti agli orrori dell’Olocausto, si spera che attraverso questo lavoro darete loro la fiducia necessaria per sfidare il pregiudizio e la discriminazione che purtroppo continuano nella società odierna.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here