venerdì, Maggio 14, 2021
Home bambini Sonagli per neonati fai da te: ecco i più carini da creare

Sonagli per neonati fai da te: ecco i più carini da creare

Oggi scopriamo come realizzare in casa i sonagli per neonati fai da te. Siete curiose? I sonagli hanno lo scopo di favorire lo sviluppo delle capacità sensoriali dei neonati e la loro creatività, iniziandoli anche alla musicalità. Non c’è bisogna di acquistare nulla, perché ci serviremo del riciclo creativo.

Leggi anche: 

Biglietti per la festa della mamma fai da te: ecco i più belli da realizzare 

Costruire una macchina di cartone per bambini: ecco come fare 

Fiocco nascita fai da te: ecco le idee più belle e originali

Sonagli bambini: a cosa servono

Prima di passare alla pratica, cerchiamo di scoprire perché sono il sonaglio per neonati è così importante per lo sviluppo del bambino. Quando li tocca e manipola, il bambino comincia a capire da dove vengono i suoni e come fare per creare quel suono. Col tempo impara che l’intensità del suono dipende dall’energia del movimento che lui fa. Quindi il sonaglio neonati è ottimo per sviluppare la coordinazione delle dita e delle mani. I bambini grazie ai sonagli per culla familiarizzano anche con la musica che secondo il metodo Montessori è fondamentale. L’ideale sarebbe che voi mamme realizzaste diversi sonagli per il vostro bambino alternando forme e colori.

Sonagli per bambini: come realizzarli

Il primo sonaglio che vi proponiamo è quello di stoffa. Basta prendere dei vecchi calzini e metterci all’interno conchiglie al riso, o pasta o sassolini, chiudendo l’estremità con un pezzetto di corda o un filo di lana spesso. Possono essere usati anche come sonagli da appendere, basta procurarsi un supporto per appenderli.

Il secondo sonaglio è quello realizzato con bottiglie o barattoli di plastica riciclati (lavateli bene prima dell’utilizzo). Basta riempirli con legumi o cereali o pastina. Poi basta chiudere la bottiglia o il tappo e il gioco è fatto. Volendo potete anche dipingere i contenitori usando colori atossici. Questi sonagli sono per bambini, non propriamente per neonati.

Il terzo sonaglio è realizzato con flaconcini di shampoo o bagnoschiuma riciclati. Dopo aver svuotati e lavati bene (non metteteli in lavastoviglie) riempiteli con perline di plastica, semi, riso nero, sassolini. Dopo averli riempiti a vostro piacere, chiudeteli bene. Sigillate il tappo con colla a caldo o super attack, per evitare che i bambini li riescano ad aprire in modo accidentale.

Qualsiasi sonaglio realizzate non lasciate mai i bambini giocarvi incustoditi per evitare spiacevoli incidenti.

Sonagli neonati: a quanti mesi darli al bambino

Il bambino per usare il sonaglio deve avere una buona capacità prensile, ma anche una buona coordinazione occhio-mano. L’uso di sonaglio richiede al bebè attività complesse: il piccolo deve osservare il sonaglio, guidare la mano nella sua direzione, afferrarlo, agitarlo per ascoltarne il suono. Per questo motivo bisogna attendere i 4 mesi. A quell’età il bambino ha già completamente sviluppato la vista. Ricordate sempre che secondo Montessori è bene creare più di un sonaglio per consentire al bambino di sperimentare forme, colori e soprattutto suoni differenti (riso, cereali, sale, legumi, pastina, piccoli sassolini, sabbia, a seconda del materiale scelto per riempire ci saranno diversi suoni utili al neonato per il suo sviluppo). 

 

 

 

 

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social. Ci aiuterai a crescere!

Visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook
RELATED ARTICLES

Acqua frizzante ai bambini: si può dare?

Bere molta acqua è importante a qualsiasi età, ma nel caso di bambini e anziani lo è molto di più. Riferendoci ai bambini, dobbiamo...

Torre Montessoriana: a cosa serve e come si costruisce

Essere genitori è un lavoro che richiede un'attenta supervisione 24 ore su 24. Durante l'arco della giornata, ovviamente, però non si possono accantonare anche...

Giochi Montessori: molto di più che giocattoli in legno

Abbiamo parlato in molti articoli del nostro blog dei metodi educativi montessoriani e di Maria Montessori, la pedagogista italiana che con i suoi studi...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

A che età si può dare il cellulare al proprio figlio?

In un epoca come quella che stiamo vivendo, ormai la tecnologia è entrata a fare parte della quotidianità di ognuno di noi. I figli,...

Vulvodinia: cos’è e come si cura

La vulvodinia è una malattia ginecologica che coinvolge la vulva. I campanelli di allarme sono dolore, bruciore e fastidio che, nei casi più gravi,...

Hennè in gravidanza: si può fare? Quali sono le marche sicure?

Quando si è in dolce attesa, l'euforia è alle stelle e le future mamme ci tengono veramente tanto a mettere in mostra il bel...

Acqua frizzante ai bambini: si può dare?

Bere molta acqua è importante a qualsiasi età, ma nel caso di bambini e anziani lo è molto di più. Riferendoci ai bambini, dobbiamo...

Recent Comments

Stefania Bezzoli on Bocconcini di pollo impanati
deborah lumachi on Come combatto la mia timidezza
Manuela on Perché amo leggere
coolclosets on Perché amo leggere