venerdì, Maggio 14, 2021
Home bambini Sonno del bambino: come aiutare i bambini a dormire tutta la notte

Sonno del bambino: come aiutare i bambini a dormire tutta la notte

Con sommo dispiacere da parte dei genitori, non esiste una formula magica per far dormire un bambino tutta la notte. Fino ai 3 anni, si sa, i risvegli notturni sono fisiologici, quindi, tranne che in alcuni casi in cui si è particolarmente fortunati, sarà difficile trovare un bambino così piccolo che dorme così tante ore di fila. Esistono, però, delle buone abitudini che i genitori possono seguire per tranquillizzare il bambino, riducendo quindi le possibilità di risveglio. Vediamo insieme i metodi più conosciuti (e criticati) per eliminare l’insonnia nei bambini e quali sono i consigli utili da seguire.

Metodo Estivill: perché viene criticato

Quando un genitore è esasperato, vuole provarle tutte. Non dormire per giorni e giorni può essere frustrante per tutta la famiglia. Il tanto discusso metodo Estivill, consiste nell’instaurare una routine nel bambino, prima dell’ora della nanna. Prevede cena, bagnetto, pigiama, storia e poi buonanotte, dopodiché il genitore dovrebbe salutare il bambino e poi uscire subito dalla stanza, lasciando il piccolo da solo. Ovviamente, la reazione del bambino sarà quella di cercare il genitore, chiamandolo e piangendo ma, secondo questo metodo, il genitore non deve cedere alle richieste del bambino. Al massimo può entrare in stanza e rassicurarlo, ma senza prenderlo in braccio. In questo modo il bambino dovrebbe rendersi conto che piangere non serve a nulla e quindi si addormenterà da solo. Un metodo tosto e molto criticato. Ciò che è emerso dagli studi inerenti a questo metodo è che il bambino non aveva risolto l’insonnia, bensì si era rassegnato al fatto che, anche chiedendo attenzione, nessuno sarebbe andato da lui. Il rischio molto alto è quello di provocare un trauma nel bambino, così come quello di sviluppare l’ansia da abbandono.

Farmaci per far dormire i bambini: perché sarebbe meglio evitare

Esistono alcuni farmaci che possono migliorare il sonno dei propri figli, e di conseguenza anche il loro. Per quanto, prima di somministrare qualsiasi tipo di farmaco è assolutamente necessario consultare il proprio pediatra, è importante ricorrere a questi metodi solo in casi eccezionali. Ogni farmaco può avere degli effetti collaterali che ovviamente il medico conosce ed è per questo che un genitore deve informasi bene prima di ricorrere a questa soluzione. Così come è importante rispettare le dosi indicate.

Alcuni suggerimenti utili e naturali per far dormire i bambini

Garantire una buona qualità del sonno al bambino è fondamentale, così come lo è aiutare il proprio bambino ad arrivare alla sera rilassato. Nonostante ogni bambino sia diverso dall’altro, così come lo sono le motivazioni che lo spingono a svegliarsi la notte, di seguito troverete alcune regole standard da attuare in ogni circostanza e che, sicuramente, aiuteranno il sonno del bambino.

  • Far arrivare il bambino all’ora della nanna rilassato e sereno. Evitare, dunque, giochi particolarmente irruenti che possano scatenare il bambino poco prima di andare a letto. Evitare anche tablet o televisore, meglio leggere una favola insieme, accompagnati da una luce soffusa. Questo aiuterà i bambini a dormire.
  • I bambini che dormono senza aiuti (ciuccio, tetta, musica, ecc) sono facilitati, in quanto riusciranno a gestire meglio il proprio risveglio notturno, non avendo sogno di nulla per riaddormentarsi.
  • Creare una routine che va rispettata. Tipo cena, bagno, denti e storia.
  • Se la cena viene servita molto presto, rispetto all’orario della ninna, potrete dare un pò di latte al piccolo, così da farlo dormire con la pancia piena.
  • I bimbi che dormono tra le 20 e le 20.30 dormiranno meglio.
RELATED ARTICLES

Acqua frizzante ai bambini: si può dare?

Bere molta acqua è importante a qualsiasi età, ma nel caso di bambini e anziani lo è molto di più. Riferendoci ai bambini, dobbiamo...

Torre Montessoriana: a cosa serve e come si costruisce

Essere genitori è un lavoro che richiede un'attenta supervisione 24 ore su 24. Durante l'arco della giornata, ovviamente, però non si possono accantonare anche...

Giochi Montessori: molto di più che giocattoli in legno

Abbiamo parlato in molti articoli del nostro blog dei metodi educativi montessoriani e di Maria Montessori, la pedagogista italiana che con i suoi studi...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

A che età si può dare il cellulare al proprio figlio?

In un epoca come quella che stiamo vivendo, ormai la tecnologia è entrata a fare parte della quotidianità di ognuno di noi. I figli,...

Vulvodinia: cos’è e come si cura

La vulvodinia è una malattia ginecologica che coinvolge la vulva. I campanelli di allarme sono dolore, bruciore e fastidio che, nei casi più gravi,...

Hennè in gravidanza: si può fare? Quali sono le marche sicure?

Quando si è in dolce attesa, l'euforia è alle stelle e le future mamme ci tengono veramente tanto a mettere in mostra il bel...

Acqua frizzante ai bambini: si può dare?

Bere molta acqua è importante a qualsiasi età, ma nel caso di bambini e anziani lo è molto di più. Riferendoci ai bambini, dobbiamo...

Recent Comments

Stefania Bezzoli on Bocconcini di pollo impanati
deborah lumachi on Come combatto la mia timidezza
Manuela on Perché amo leggere
coolclosets on Perché amo leggere