Strumenti musicali per bambini: quali scegliere in base all’età

Strumenti musicali per bambini: quali scegliere in base all'età

Gli strumenti musicali per bambini non sono affatto una scelta facile. Partiamo da un presupposto: lo studio di uno strumento musicale non deve essere mai imposto e il vostro bambino va inoltrato alla musica gradualmente. Cosa fare? Se notiamo in nostro figlio una certa inclinazione al ritmo, al canto ad esempio, già dall’età di tre anni possiamo inserirlo in un gruppo di propedeutica musicale. Il bambino apprenderà sotto forma di gioco, circondato da altri bambini della sua età.  

Leggi anche:  

Labirinti per bambini: i più belli e divertenti da stampare

Interpretare i disegni dei bambini: come farlo e cosa rappresentano 

Talento nei bambini: come riconoscerlo e come svilupparlo

Primi strumenti musicali 

Dai 3 ai 5 anni è un consigliabile un approccio di gruppo alla musica. La musica deve essere percepita come un gioco piacevole e naturale da imparare divertendosi. In questa fascia d’età il bambino si può approcciare ai primi strumenti musicaliGli strumenti musicali per bambini piccoli sono semplici come tamburello, tamburi, maracas, sonagli, triangolo. Suonare in gruppo aumenterà l’autostima del bambino e diminuirà la paura di sbagliare. Il bambino può anche imparare canzoni che alternano pause e canto così da capire come funzionare il ritmo musicale. Anche le batterie musicali per bambini sono un ottimo strumento fin dalla primissima infanzia.  

Strumenti musicali per bambini: quali scegliere in base all'età

Come avviene la scelta di uno strumento musicale? 

Dall’età di 5 anni un bambino può iniziare ad imparare a suonare strumenti difficili come contrabasso e fagotto. Lo strumento più accessibile da quell’età (e quello che noi vi consigliamo) è il pianoforte. Nel giro di pochi mesi il bambino sarà in grado di eseguire esercizi facilissimi prima con una mano poi con due. Il feedback ricevuto da questo strumento è molto elevato. Il bambino trova immediato piacere pigiando i tasti bianchi e neri che corrispondono ad un suono. Il pianoforte è un ottimo trampolino di lancio per la scoperta della musica e di altri strumenti musicali. L’unica pecca è il costo. Una nota dolente che può essere risolta ricorrendo alla formula “rent to buy” o ad una pianola per bimbi. Per quanto riguarda gli strumenti musicali bimbi a corda, come la chitarra, dai 6 anni un bimbo può iniziare a suonare una chitarra ¾ adatta ciò alla sua età e fisicità. Il feedback di questo strumento non è immediato. Il bambino potrà provare rabbia, nervosismo, frustrazione e occorreranno tante lezioni affinché sappia usare le sue piccole dita sulle corde. Superato questo ostacolo poi la strada sarà in discesa!  

Non imporre mai uno strumento musicale 

La prima cosa da capire è che non bisogna mai imporre uno strumento musicale a nostro figlio. Lo renderemmo solo infelice. Abbiamo sempre desiderato imparare a suonare il violoncello ma per motivi economici non ci siamo mai riusciti? Perché imporre questo strumento a nostro figlio che magari preferisce la batteria? Il modo migliore per noi mamma è stimolarlo alla curiosità per la musica. Imparare uno strumento è avere un piccolo impegno per un bambino. Non è detto che diventerà un talento musicale, ma si divertirà e aumenterà la sua autostima e curiosità per il mondo esterno. Uno strumento musicale farà del tuo bambino una persona migliore poiché gli dona una sensibilità d’animo diversa.   

 

 

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social. Ci aiuterai a crescere!

Visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *