giovedì, Maggio 13, 2021
Home bambini Vaccini si o no? Dai No Vax ai motivi per i quali...

Vaccini si o no? Dai No Vax ai motivi per i quali si dovrebbe vaccinare

Vaccini si o no? Quali sono le ragioni di chi è favorevole e di chi è contrario.
Spiegheremo nell’articolo tutto sulle campagne NO-VAX e cosa fare per vaccinare i propri figli, per capire perché vaccinare i bambini, se i vaccini sono pericolosi e quindi chiarire tutto sull’argomento vaccinare si o no ( vaccinarsi o no).

Vaccinare i propri figli è visto per molti come un atto d’amore e di protezione nei confronti di alcune malattie, anche se le informazioni che abbiamo oggi a disposizione e nuovi studi scientifici ed esperienze dirette creano paura e molti dubbi e perplessità, nei confronti dei genitori, non solo a riguardo di una reazione vaccino ma in generale sulle conseguenze che potrebbero arrivare dopo un vaccino, quindi vaccinare o no i bambini?
Qual è la cosa giusta da fare? Il vaccino fa male? Vaccinare o no?
Affidarsi alle disposizioni sanitarie nazionali oppure seguire il proprio istinto?

Non c’è una risposta unica, vera e universale a questa domanda dato che ogni genitore, sulla base di informazioni corrette, sa cosa sia giusto o no per il proprio bambino.

Cerchiamo di far luce sulle vaccinazioni, quali sono quelle obbligatorie, quali accorgimenti seguire prima di vaccinare i propri figli, parliamo di chi è pro e di chi è contro.

Leggi anche:

Sindrome della morte in culla ovvero la SIDS : cos’è e cause

Rotavirus bambini e neonati: sintomi, cure e prevenzione

Primo Vaccino Neonati: quando e perché viene praticato. Quali gli effetti collaterali

vaccini pericolosi vaccinazioni pericolose

Vaccinazioni e Vaccini: cosa sono

Le vaccinazioni sono preparazioni artificiali di virus e batteri, studiati, creati e modificati in laboratorio che, iniettati nell’essere umano, provocano una risposta immunitaria che può proteggere l’uomo dall’attacco del virus.

I vaccini sono quindi uno strumento utile a debellare e prevenire le malattie, per poter convivere in comunità senza il rischio di decimare la popolazione.

I vaccini sono composti da:

  • Microrganismi vivi e innocui.
  • Microrganismi non vivi che creano una risposta nell’organismo.
  • Adiuvanti, conservanti e stabilizzanti, che preservano l’efficacia nonostante sbalzi di temperatura.

Vaccinazioni obbligatorie e raccomandate

Il Decreto vaccini del governo Gentiloni del 2017 ha reso obbligatorie 10 vaccinazioni da 0 a 16 anni, per:

  • proteggere la popolazione dalle malattie,
  • assicurare l’immunità di gregge
  • garantire una copertura per gli individui, che per motivi clinici e sanitari non si possono vaccinare

L’ammissione agli asili nido e alle scuole dell’infanzia è possibile solo se sono stati adempiti gli obblighi vaccinali, secondo un calendario suddiviso per età e categoria.

Vaccinazioni del 1° anno di vita

Nel 1 anno di vita si eseguono i cicli base che avranno un richiamo nel secondo anno di età.
Le vaccinazioni obbligatorie da 0 a 12 mesi sono:

Esavalente (difterite, tetano, poliomielite, pertosse, Haemophilus influenzae di tipo b, epatite B): 3 dosi da effettuare il 3°, 5° e 11° mese di vita.

I vaccini non obbligatori da 0 a 12 mesi – vaccini neonati-  sono:

  • Anti-pneumococco (3°, 5°, 11° mese di vita).
  • Anti-meningococco B (4 dosi, 3°, 5°,6°, 13° mese di vita).
  • Anti-rotavirus (3 dosi a 6 settimane di vita, 24 e 32).

Vaccinazioni del 2° anno di vita

È obbligatoria la vaccinazione:

Quadrivalente: anti-morbillo, rosolia, parotite e varicella; la prima dose il 13° mese e la seconda il 15° mese di vita.

È raccomandato il richiamo dell’anti-meningococco B e l’anti-meningococco C, da effettuare in 2 dosi il 13° e 15° mese di vita.
Dopo il 2° anno, bisogna aspettare fino a 5-6 anni per effettuare i richiami dell’esavalente e della quadrivalente.

Vaccino si o no: Le campagne NO-VAX

Posizioni discordanti riguardo le vaccinazioni ci sono sempre state in Europa, fin dal 1800.
La scelta di non vaccinare i propri figli nasce da una motivazione ideologica oppure religiosa: obbligare un essere umano sembra una violazione dei diritti umani.

In Italia, dopo l’approvazione del Decreto vaccini nel 2017, nasce un movimento dal nome Free Vax o Anti Vax ma meglio conosciuto come No Vax ( no vaccini) per contrastare l’obbligatorietà dei vaccini ( Vaccini si o no effetti collaterali).

Nello stesso anno, 3 medici: Roberto Gava, Dario Miedico e Gabriella Lesmo sono stati radiati dall’ordine per aver espresso libertà di pensiero riguardo i vaccini.

Dunque i vaccini fanno male?

Tra le accuse dei No-Vax troviamo:

  • Reazioni collaterali post-vaccini.
  • Violazione della libertà di scelta.
  • Aumento dei profitti del settore sanitario e delle lobby farmaceutiche.
  • Poca informazione corretta e poca sicurezza prima di procedere alle vaccinazioni.
  • Inutilità di somministrare tanti vaccini in un’unica volta.
  • Inesistenza dell’immunità di gregge, che si ottiene soltanto con più igiene.

Vaccini Pro e Contro

Tra i NO-VAX, c’è Maria Cristina Reciputi, 48 anni, una psicologa di Forlì, comune dell’Emilia Romagna.
La donna è madre di tre bambini di 13, 10, e 8 anni, tutti regolarmente iscritti a scuola ( bambini non vaccinati). Maria Cristina ha deciso di farsi sentire dal Governo, attuando lo sciopero della fame contro l’obbligatorietà dei vaccini. Nonostante un mese di digiuno e una lettera indirizzata al Presidente Mattarella, la legge dei vaccini non è mai stata abrogata.

Prassi per vaccinare i propri figli

L’ASL invia al proprio domicilio una convocazione scritta con la data, il  giorno e l’ora prestabilita, ed è necessario recarsi presso l’ufficio vaccinale di competenza territoriale.

Dopo l’accettazione, il personale sanitario si occuperà dei dati personali del bambino, spiegherà ai genitori quali vaccini somministreranno e quali controindicazioni potrebbero esserci.

Il genitore firma un documento dove si assume le responsabilità di monitoraggio delle reazioni del bambino nelle ore successive e si impegna a contattare il pediatra se necessario.

Prima dell’iniezione, il pediatra presente in sala controlla i bronchi e lo stato generale di salute del bambino.

L’iniezione viene effettuata sulla gamba o su entrambe, in caso di più vaccinazioni.
Dopo l’iniezione, il bambino potrebbe avere una reazione cutanea allergica, è consigliabile aspettare 20 minuti in sala d’attesa.

Il giorno della vaccinazione è considerato un momento di esenzione da tutte le attività del bambino, sarebbe meglio riguardarlo e tenerlo a riposo.

Se il bambino piange ininterrottamente nelle ore successive alla vaccinazione oppure ha febbre superiore a 38,5°, occorre che prenda un antipiretico. Il consiglio è sempre quello di chiamare il pediatra di riferimento sempre e comunque.

 

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social. Ci aiuterai a crescere!

Visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook

RELATED ARTICLES

Acqua frizzante ai bambini: si può dare?

Bere molta acqua è importante a qualsiasi età, ma nel caso di bambini e anziani lo è molto di più. Riferendoci ai bambini, dobbiamo...

Torre Montessoriana: a cosa serve e come si costruisce

Essere genitori è un lavoro che richiede un'attenta supervisione 24 ore su 24. Durante l'arco della giornata, ovviamente, però non si possono accantonare anche...

Giochi Montessori: molto di più che giocattoli in legno

Abbiamo parlato in molti articoli del nostro blog dei metodi educativi montessoriani e di Maria Montessori, la pedagogista italiana che con i suoi studi...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

A che età si può dare il cellulare al proprio figlio?

In un epoca come quella che stiamo vivendo, ormai la tecnologia è entrata a fare parte della quotidianità di ognuno di noi. I figli,...

Vulvodinia: cos’è e come si cura

La vulvodinia è una malattia ginecologica che coinvolge la vulva. I campanelli di allarme sono dolore, bruciore e fastidio che, nei casi più gravi,...

Hennè in gravidanza: si può fare? Quali sono le marche sicure?

Quando si è in dolce attesa, l'euforia è alle stelle e le future mamme ci tengono veramente tanto a mettere in mostra il bel...

Acqua frizzante ai bambini: si può dare?

Bere molta acqua è importante a qualsiasi età, ma nel caso di bambini e anziani lo è molto di più. Riferendoci ai bambini, dobbiamo...

Recent Comments

Stefania Bezzoli on Bocconcini di pollo impanati
deborah lumachi on Come combatto la mia timidezza
Manuela on Perché amo leggere
coolclosets on Perché amo leggere