3° Settimana di Gravidanza: nausea mattutina, altri sintomi ed ecografia

3° Settimana di Gravidanza: nausea mattutina, altri sintomi ed ecografia

Siamo alla 3 Settimana di Gravidanza: lo spermatozoo ha incontrato l’ovulo all’incirca durante la scorsa settimana e voilà: hai un bambino, che si sta evolvendo dentro di te!

È comunque relativamente presto quando sei incinta di sole 3 settimane, potresti non avere nemmeno idea di essere effettivamente incinta. Il concepimento è avvenuto solo pochi giorni fa e probabilmente non c’è stato ancora il tempo per farti capire che il tuo ciclo mestruale non è ancora arrivato, alla terza settimana di gravidanza.

Leggi anche:

1° Settimana di gravidanza: sintomi e quando eseguire il test

Lattoferrina in gravidanza: come correggere la carenza di ferro

2° Settimana di Gravidanza: cosa aspettarsi?

sintomi gravidanza terza settimana

3 Settimana di Gravidanza Sintomi 

Quando sei incinta di 3 settimane, i sintomi potrebbero non essere ancora comparsi.
Questo perché la maggior parte dei primi sintomi della gravidanza sono causati dagli ormoni della gravidanza e probabilmente non hai ancora un livello molto alto di questi nel tuo corpo. Ma è solo questione di tempo, ci arriverai!

Alcuni segni di una gravidanza in atto, a 3 settimane, o comunque nelle primissime settimane sono:

  • Emorragia da impianto. Se il tuo piccolo embrione “è già arrivato nella sua nuova casa”, potresti notare delle macchie mentre l’ovulo fecondato si insinua nel rivestimento del tuo utero.
  • Nausea. Quando l’ormone della gravidanza hCG inizia a farsi strada attraverso il tuo corpo, potresti notare alcuni sintomi di nausea o anche abbastanza forte da farti vomitare. Se hai questo sintomo a tre settimane, potresti anche essere più avanti di quanto pensi nel conteggio delle settimane. (Oppure potresti anche essere incinta di tre settimane con due gemelli! Questo perché le future mamme di gemelli hanno spesso livelli più alti di ormoni della gravidanza e quindi una nausea peggiore.)
  • Cambiamenti al seno. Il tuo seno può iniziare a farti male e i tuoi capezzoli possono scurirsi mentre il tuo corpo inizia a prepararsi per fare il latte.
  • Mancato ciclo mestruale. Se il tuo ciclo è in genere più breve di 28 giorni, verso la fine di questa settimana potresti renderti conto che non è ancora arrivato e quindi potresti essere incinta. L’unico modo per saperlo con certezza è fare un test di gravidanza.
    La maggior parte di quest test che si possono anche comprare al supermercato, hanno un’accuratezza superiore al 99%. .
  • Test di gravidanza positivo, se non bastasse? In alcuni casi, ad esempio se sei a rischio di aborto spontaneo o gravidanza extrauterina, il tuo medico potrebbe chiederti di venire in studio per un prelievo di sangue. Gli esami del sangue possono rilevare quantità minori di hCG rispetto ai test delle urine, quindi potresti scoprire di essere incinta prima con un esame del sangue di quanto faresti con un test a casa.

Feto 3 settimane: com’è la pancia?

Potresti essere entusiasta di iniziare a notare qualcosa di diverso sul tuo aspetto, ma a 3 settimane di gravidanza la pancia non è evidente.
Anche se potresti sentirti un po’ gonfia, la maggior parte delle donne incinte non inizia a mostrare un segno di pancia fino alla settimana 12 o più tardi, quindi c’è ancora della strada da fare prima di sembrare davvero incinta.

Prima di iniziare a mangiare per due, sappi che i medici raccomandano alla maggior parte delle donne di guadagnare da uno a 2 kg in totale nel primo trimestre, ovvero durante le prime 13 settimane.

In effetti, non dovresti fare nulla di diverso se non provare a seguire una dieta sana e completa e assumere una vitamina prenatale , la vitamina D e l’Acido Follico. I medici non consigliano di aumentare l’apporto calorico giornaliero fino al secondo trimestre.
Una volta raggiunta la settimana 14, ti consigliamo di aggiungere circa 300 calorie al giorno.

Gravidanza 3 settimane: Ecografia

Il tuo ovulo ora fecondato è in viaggio attraverso la tuba di Falloppio, dividendosi e ri-dividendosi in cellule identiche sulla strada verso il tuo utero.

Un’ecografia di 3 settimane potrebbe non rilevare nulla sul tuo bambino. Quell’uovo fecondato piccolissimo è più piccolo di un granello di sale ed è in movimento, ma già dalla settimana 4 il tuo medico potrebbe essere in grado di vedere il tuo rivestimento uterino diventare più spesso, un segno che il piccolo embrione ha raggiunto la sua destinazione e che si anniderà lì per il resto della gravidanza.

Elenco di controllo della gravidanza da fare a tre settimane di gravidanza:

  • Calcola la data presunta del parto partendo dal primo giorno dell’ultimo ciclo
  • Fai un test di gravidanza per i primi risultati
  • Continua a prendere una vitamina D e acido folico ogni giorno

Lo sapevi che la nausea mattutina può essere un buon segno?

Sebbene provare nausea e vomito durante la gravidanza sia certamente spiacevole, potrebbe benissimo essere un segno che le cose stanno procedendo senza intoppi.

Secondo un nuovo studio pubblicato su JAMA Internal Medicine, questi sintomi , comunemente indicati come nausea mattutina , -sebbene possano manifestarsi in qualsiasi momento della giornata – possono essere associati a un ridotto rischio di perdita quindi di aborto.

“La nausea e il vomito possono mettere a dura prova il corpo di una donna, soprattutto visto il periodo emotivo quando si scopre di essere incinta”, l’autrice dello studio Stefanie N. Hinkle, Ph.D., scienziata presso l’Eunice Kennedy Shriver National Institute di Child Health and Human Development, continua: “Ma i nostri risultati sono davvero rassicuranti per le donne che stanno vivendo e soffrono di questi sintomi, visto che il loro rischio di interruzione della gravidanza è notevolmente ridotto.  Quindi la nausea aiuta a dire loro che hanno una gravidanza sana e che questa è una buona cosa. “

Per lo studio, i ricercatori hanno seguito circa 800 donne le cui gravidanze sono state confermate dai test delle urine. Le partecipanti hanno monitorato i loro sintomi di nausea e vomito nei diari e nei questionari. Alla fine dello studio, 188 gravidanze (circa il 24%) si sono concluse con un aborto spontaneo.

Dopo le prime due settimane, quasi il 18% delle donne ha riferito di avere nausea senza vomito e circa il 3% ha riferito di avere nausea con vomito. Questi numeri sono aumentati rispettivamente al 57% e al 27% entro l’ottava settimana di gravidanza .

Quando i ricercatori hanno analizzato i numeri, hanno scoperto che la nausea o una combinazione di nausea e vomito erano associate a una riduzione dal 50 al 75% del rischio di interruzione della gravidanza nelle donne che avevano avuto una o anche due precedenti perdite di gravidanza.

 

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social, ci aiuterai a crescere.

Visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *