Acciughe in gravidanza: si o no? Lo abbiamo chiesto all’esperto

Acciughe in gravidanza: si o no? Lo abbiamo chiesto all'esperto
Si possono mangiare le acciughe in gravidanza? Alici si o alici no? Allora qual è il pesce che si può mangiare in gravidanza? Lo scoprirete leggendo questo articolo!
Una cosa che accomuna tutte le mamme “pancine” è la mole di dubbi sull’alimentazione: cosa si può o non si può ingerire in gravidanza .
È molto importante capire bene quali sono i cibi da evitare per le conseguenze fatali che può portare sbagliare in quest’ambito: quando si parla di pesci poi, e quali si possono mangiare in gravidanza, allora i dubbi aumentano.
In questo articolo scopriremo insieme all’esperto, se le acciughe si possono mangiare in periodo di dolce attesa e quali sono allora i pesci quelli vietati in gravidanza.
Leggi anche:
Il pesce è ricco di proteine, per questo sempre consigliato in gravidanza e non. Ma ci si chiede sempre  qual è il pesce migliore da consumare in questo delicato periodo?
L’esperto risponde che sicuramente le future mamme devono mangiare pesci poveri di mercurio.
Da preferire:
  • il pesce azzurro: sarde, acciughe o alici che contengono omega 3;
  • spigola e orata, facilmente digeribili e contenenti pochissime calorie;
  • il pesce bianco come le sogliole, il nasello e il merluzzo hanno meno Omega 3 rispetto al pesce azzurro, ma risultano più magri;
  • la trota, pesce d’acqua dolce, contiene un ottimo apporto di proteine, ferro, sali minerali e omega 3. Ha un basso contenuto di sodio e va bene anche per l’ipertensione in gravidanza.
  • Tonno e salmone ammessi, ma in quantità limitate. Perchè contiene un alto tasso di mercurio vista la loro lunga vita e, rimanendo più tempo in acqua, assumono più mercurio che è un metallo tossico.
Perfette dunque le acciughe in gravidanza: pesci azzurri che non contengono troppo mercurio, anzi si favoriscono per l’apporto di:
  • iodio;
  • Omega3;
  • selenio;
  • fosforo;
  • vitamina B;
  • vitamina E.
Che aiutano durante la fase di crescita del bambino,: l’unica cosa alla quale dovete prestare attenzione è  al batterio delle acciughe, che poi è di tutti i pesci: l’Anisakis, questo comporta infezioni pericolose per la mamma e il piccolo.

Alici in gravidanza: come consumarle

Ecco alcuni metodi per cuocere e mangiare le acciughe in gravidanza:
  • alici bollite;
  • acciughe marinate, in gravidanza, senza doverle cuocere visto che il limone e l’aceto eliminano qualsiasi traccia di batterio;
  • acciughe cotte a vapore;
  • alici marinate cotte
E la pasta d’acciughe? E’ un paté composto dalle alici sott’olio o sottosale, non cotte.
Meglio allora evitare di mangiare pasta di acciughe in gravidanza, come anche mangiare i filetti di alici sott’olio, per lo stesso motivo.
Le acciughe confezionate che troviamo al supermercato,  su di esse dobbiamo sfatare il mito cne non sono sicure perché crude, in quanto per legge nulla si può mettere in vendita a livello di cibi, se non è sicuro.
Vengono infatti sottoposte a controlli specifici, sia per le acciughe sott’olio che sotto sale e sempre e comunque saranno cotte.
Come per ogni pietanza, cibo o alimento, è sempre bene non esagerare mai con le dosi.

Sulle alici allora, cosa una futura mamma deve evitare?

  • alici sotto sale, non vanno bene perché non sono cotte e troppo salate;
  • acciughe fritte,da evitare per chi soffre di diabete gestazionale, sono molto caloriche e fanno ingrassare;
  • acciughe sott’olio, pericolose perché non cotte. E’ la cottura ad eliminare i batteri ed è meglio evitare di prendere infezioni in gravidanza;
  • colatura d’alici, con il loro alto rischio di contrarre la toxoplasmosi.

 

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social. Ci aiuterai a crescere!

Visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *