Attività fisica in gravidanza: ecco cosa si può fare

0
184
attività fisica in gravidanza

Sport e gravidanza è un connubio assolutamente possibile. Se siete sempre state delle donne sportive che amano il movimento, la gravidanza non deve essere un deterrente. Ovviamente, è importante riconoscere le attività compatibili con la gestazione e parlarne con il proprio ginecologo. Fare sport in gravidanza non fa male, anzi fa bene e rilassa la futura mamma. L’importante è scegliere un’attività fisica leggera che aiuterà, non solo la futura mamma ad affrontare più serenamente i mesi che la separano dal parto, ma anche il feto, grazie allo sviluppo di endorfine. L’obiettivo principale, ovviamente, è quello di garantire la massima sicurezza per la gestante e per il feto.

Attività fisica in gravidanza: perché fa bene

L’attività fisica può essere praticata in qualsiasi periodo della gravidanza, ad eccezione dei momenti in cui lo stato fisico non lo consente. L’attività motoria è in grado di migliorare la qualità della vita durante la gestazione, l’efficienza del parto e ridurne i rischi. Se la futura mamma è in salute e il ginecologo non evidenzia problematiche, può continuare a svolgere regolarmente attività fisica, sempre mantenendo le dovute accortezze. Tra i benefici riscontrati nello svolgimento di attività fisica:

  • mantenimento del peso corporeo
  • riduzione del rischio di diabete gestazionale
  • aiuta ad attenuare il mal di schiena e la stitichezza
  • riduce il rischio di gestosi
  • aumento del benessere psicofisico in generale

Quali attività fisiche si possono svolgere e quali è meglio evitare

Ovviamente, durante la gravidanza qualsiasi attività fisica deve esser adattata ai cambiamento del corpo. Tra quelle consigliate troviamo:

  • Aerobica: l’attività più consigliata grazie alla mobilità che coinvolge tutti i muscoli del corpo. È un’attività leggera e rilassante che comporta molti benefici a mamma e figlio. Lo Yoga e il Pilates, ad esempio, oltre a essere un’ottima preparazione al parto, alleviano alcuni dei disagi associati alla gravidanza e aiutano a controllare meglio la respirazione.
  • Camminare in gravidanza: anche velocemente è un’attività priva di rischi che aiuta a mantenersi in forma. Ovviamente, sia la camminata che la corsa in gravidanza, sono possibili solo le condizioni fisiche della mamma lo consentono e la gravidanza non presenta problematiche specifiche.
  • Nuoto gravidanza: può essere un’esperienza piacevole e rilassante per la futura mamma. La presenza dell’acqua che accompagna i movimenti, facilita i movimenti e può aiutare se si soffre di dolore alla schiena.
  • Ciclismo: ci sono pareri discordanti a riguardo. C’è che sostiene che fino al 5° mese si possa andare in bicicletta tranquillamente (sempre stando attenti) e chi invece lo sconsiglia vivamente, sia per le sollecitazioni che per il rischio di incorrere in incidenti stradali o cadute.
  • Sforzo in gravidanza e sport di contatto: ovviamente, vanno sempre evitati durante la gravidanza.
  • Tennis, saltare la corda: vanno evitati in quanto mettono sotto pressione il perineo.
  • Sci, l’equitazione o l’arrampicata: fortemente sconsigliati perché il rischio di cadere.
  • Atletica leggera: deve essere interrotta dopo il secondo mese di gravidanza.

In ogni caso, prima di intraprendere o continuare una qualsiasi attività fisica è bene parlarne con il proprio ginecologo che vi indicherà, in base alla gravidanza che state vivendo, ciò che è meglio fare e ciò che bisognerà evitare.

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here