Buscopan in gravidanza: si può prendere o fa male?

Buscopan in gravidanza: si può prendere o fa male?

Il Buscopan in gravidanza fa male o si può prendere tranquillamente? La gravidanza è un periodo molto speciale per una donna, ma oltre alla gioia per la maternità c’è anche la preoccupazione su quali alimenti e farmaci può assumere e quali no. Oggi parleremo dell’uso del Buscopan in dolce attesa. In caso di qualsiasi dubbio vi consigliamo comunque di contattare il vostro medico curante. C’è da dire che prima di prendere farmaci antidolorifici, potete provare con rimedi naturali. Tra i rimedi delle nonne ci sono i bagni caldi, che alleviano tensioni e dolori insieme a un leggero massaggio con olio di mandorle dolci. Potete anche provare con le tisane a base di camomilla (azione rilassante) o zenzero (azione antispasmica). 

Leggi anche: 

Caffè in gravidanza: normale o decaffeinato? Rischi e pericoli 

Bresaola in gravidanza: si può mangiare oppure meglio evitare? 

Cellulite in gravidanza? Mettila ko con creme, esercizi e rimedi naturali

Buscopan in gravidanza per quanto tempo

Il Buscopan essendo un farmaco da banco senza ricetta siamo abituati a considerarlo non pericoloso e spesso siamo tentati a prenderlo con troppa facilità. Ma il Buscopan a cosa serve? Si tratta di un farmaco a base di scopolamina butilbromuro che è antispastico e miorilassante. Viene assunto generalmente per placare dolori di stomaco ma anche dolori mestruali. Se siete incinte però fate attenzione soprattutto nei primi tre mesi di gestazione. Solitamente viene prescritto dal medico per placare le contrazioni precoci al termine della gravidanza. Non essendo certa la sua sicurezza nei confronti del feto, non bisogna mai assumere questo farmaco senza consultare il medico. Può essere assunto in tre modi:

  • per via orale con Buscopan compresse;
  • per via rettale con le supposte;
  • per via endovenosa (Buscopan fiale).

Per le prime due tipologie non serve la ricetta del medico, per le fiale sì.

buscopan in gravidanza

Buscopan posologia

L’effetto del Buscopan dura 12 ore, per cui se le vostre contrazioni continuano il medico vi prescriverà di prendere 2 compresse al giorno (una ogni 12 ore). Nel caso delle supposte bisogna prenderne 1 tre volte al giorno. Non ci sono effetti collaterali riconosciuti. Durante l’allattamento si può prendere Buscopan? No, è sconsigliato perché i farmaci che appartengono alla categoria degli anticolinergici possono essere responsabili di una riduzione nella produzione di latte da parte della madre.

Buscopan controindicazioni

Viene sconsigliato in caso di:

  • si sia allergiche al principio attivo;
  • si soffra di glaucoma ad angolo acuto;
  • si abbia stenosi pilorica;
  • si abbia colite ulcerosa o di megacolon;
  • si abbia un’esofagite da reflusso;
  • si soffra di miastenia grave.

Il farmaco fa anche interazione con alcuni antidepressivi. Diversi studi hanno dimostrato che abbrevia la durata del travaglio e placa le contrazioni. Per quanto riguarda il Gaviscon invece può essere assunto in gravidanza in caso di bruciore di stomaco e nausea ma anche reflusso, ma non ha effetto se la donna già da prima soffriva di gastrite. Lo spasmex in gravidanza invece come dice il foglietto illustrativo è da assumere solo su indicazione del medico e in casi di estrema necessità.

 

 

 

 

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social. Ci aiuterai a crescere!

Visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *