Clistere in gravidanza si o no: durante il primo trimestre e nel terzo trimestre, quali controindicazioni

0
2845
Clistere in gravidanza si o no: durante il primo trimestre e nel terzo trimestre, quali controindicazioni

Un clistere in gravidanza e non, è una procedura utilizzata per stimolare il movimento intestinale inserendo liquido o gas attraverso il retto.

Un clistere può essere utilizzato anche per somministrare farmaci, per stimolare i movimenti intestinali o per trattare la stitichezza.
Un clistere nelle donne in gravidanza aiuta ad alleviare la stitichezza, che è un problema comune durante la gravidanza. Oppure viene somministrato appena prima del parto per pulire l’intestino e il colon.
Ma dare clisteri alle donne incinte non è più così comune come una volta.
Ci sono molti vantaggi si, nella somministrazione di clisteri, ma anche  molte alternative.

Continua a leggere per conoscere i diversi tipi di clisteri e se sono sicuri o meno per una donna incinta.

Leggi anche:

Pap Test in gravidanza: si può fare? Fa male? Linee Guida, rischi, quando farlo.

Magnesio in gravidanza: a cosa serve, quale prendere, quando e controindicazioni

Cannella in gravidanza: si può assumere? Il parere dell’esperto

lassativi in gravidanza   peretta fai da te   perette fai da te   stipsi gravidanza   perette in gravidanza   peretta in gravidanza   lassativo in gravidanza   enteroclisma in gravidanza      clistere naturale fai da te   clistere mamma   microclisma gravidanza   glicerina in gravidanza   peretta prima del parto   mamma clistere     mini clisteri in gravidanza

Gravidanza clistere: cosa devi sapere

Andare di corpo in gravidanza a volte può essere una sfida vera e propria, e per evitare certi fastidi e dolori, si ricorre a clisteri casalinghi , perette alla camomilla, mini clisteri, perette di glicerina in gravidanza o addirittura un vero e proprio lassativo in gravidanza…
Consultate sempre il vostro medico o ginecologo, spesso sarà lui stesso a dirvi cosa utilizzare e in che modalità.

I clisteri o clistere gravidanza sono sicuri durante la dolce attesa?

La somministrazione di un clistere durante la gravidanza, specialmente nel primo e terzo trimestre di gravidanza, non è sicura sempre come si pensa.
Dare un clistere durante il primo trimestre potrebbe innescare un aborto spontaneo e nel terzo trimestre, potrebbe portare a un travaglio prematuro, perché provoca contrazioni.
La gravidanza è un momento delicato e non certo un momento per sperimentare o provare qualcosa di nuovo.
Quindi, è meglio non consigliare o dare un clistere a una donna incinta senza il parere di un medico specializzato. Tuttavia, se un medico ritiene che sia necessario, può essere somministrato sotto la guida di un professionista.

Benefici di un clistere casalingo per stitichezza  o di una pompetta per stitichezza

Di seguito sono menzionati alcuni dei vantaggi dell’utilizzo di clisteri. Elagire clisteri a una donna incinta può essere utile per lei, tuttavia, i potenziali rischi dei clisteri superano i benefici, quindi meglio evitarli se non somministrati da un dottorei.

  • Aiuta a trattare la stitichezza: i clisteri forniscono sollievo dalla stitichezza . La somministrazione di clisteri può anche curare la stitichezza nelle persone che non rispondono ai lassativi.
  • Può aiutare a rilevare la crescita di cellule cancerose: i clisteri vengono utilizzati prima di una procedura di colonscopia che aiuta a rilevare qualsiasi crescita cancerosa o polipi.
  • Può aiutare nella perdita di peso: la somministrazione di clisteri può aiutare nella perdita di peso e quindi avviare il processo di perdita di peso.
  • Può pulire il colon: il clistere scioglie le feci indurite aiutandole così a passare facilmente. Di conseguenza, elimina i rifiuti accumulati e purifica il colon.
  • Rinfresca la mente: rimuovere tutte le tossine e la vecchia materia dal tuo corpo può rilassarti. Di conseguenza, ti farà sentire più leggero.

Modi alternativi per trattare la stitichezza in gravidanza

Poiché la somministrazione di clisteri durante la gravidanza non è sicura e può influire sulla salute di una donna incinta, si consiglia di provare alcuni rimedi casalinghi per la stitichezza.

Se anche tu soffri di stipsi in gravidanza, ecco alcuni rimedi casalinghi che puoi provare.

  • Mangia yogurt: lo yogurt è ricco di probiotici e quindi può aiutare a sbarazzarsi dei batteri cattivi dal corpo. Il calcio presente scoraggia la crescita delle cellule nel rivestimento del colon.
  • Mangia cibi ricchi di fibre : mangia cibi ricchi di fibre come legumi, verdure e cereali integrali per mantenere sotto controllo la tua salute intestinale. Gli alimenti fibrosi aiutano a spostare facilmente il cibo attraverso il canale alimentare e possono alleviare il problema della stitichezza.
  • Bere acqua: bere 8-10 bicchieri d’ acqua al giorno può aiutare a scovare le tossine dal corpo. Può anche aiutare a ridurre la ritenzione idrica e mantenere il corpo idratato.
  • Esercizio: essere attivi durante la gravidanza può aiutare a favorire il flusso regolare del movimento intestinale. Puoi dedicarti a esercizi leggeri. Puoi camminare per 10-20 minuti o praticare yoga per circa mezz’ora.
  • Prendi i semi di psillio: l’ assunzione di semi di psillio può aiutare a curare la stitichezza. Tuttavia, si consiglia di consultare il proprio medico prima di assumere questi semi poiché questi semi possono reagire contro alcuni medicinali.
  • Prova la digitopressione: puoi anche ricorrere alla digitopressione invece di un clistere o di qualsiasi medicinale.
  • Aromaterapia: rilassare il corpo e la mente può aiutare nel movimento intestinale. Quindi fare un bagno rilassante con olio aromatico potrebbe aiutare.

Hai bisogno di fare un clistere durante il travaglio e il parto?

La somministrazione di un clistere durante il travaglio e il parto non è comune ora in tutti i paesi.
Molti medici ritengono che la somministrazione di un clistere durante il travaglio o il parto possa rendere l’intero processo del travaglio e del parto un’esperienza più facile per una donna incinta, altrimenti potrebbe defecare mentre spinge fuori il bambino.

La somministrazione di un clistere riduce anche le possibilità che la madre e il neonato contraggano qualsiasi infezione. Inoltre, il passaggio delle feci dopo il parto può essere scomodo per una madre a causa dei punti freschi e del corpo dolorante.
Tuttavia, al giorno d’oggi, si dice che tutte queste affermazioni siano mere supposizioni e non hanno basi certe o scientifiche. Quindi, si può dire che somministrare clisteri durante il travaglio e il parto è una questione di scelta piuttosto che una necessità.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here