Dragon Trainer la trilogia: perché i bambini amano i draghi

Dragon Trainer la trilogia: perché i bambini amano i draghi

La Dreamworks con questa incredibile trilogia nella quale uomini e draghi vivono in sintonia, ha creato un racconto in grado di arrivare a tutti e non solo ai bambini: un film fantasy d’animazione, che nasconde una metafora sul mondo reale, motivo per il quale anche i genitori amano questo cartone.

Nel villaggio di Berk vive una comunità di vichinghi, cacciano e uccidono i draghi, perché sono bestie che distruggono il villaggio e mangiano le pecore del villaggio. Ogni abitante di Berk sa difendersi dai pericolosi mostri che gettano fuoco su tutto; che poi alcuni di essi non sono solo  sputa fuoco ma qualcuno scaglia aculei velenosi,altri soffiano gas tossico.

Tutti nel villaggio al di là di Hiccup, il protagonista, che essendo un ragazzino fragile, goffo e molto insicuro, cerca di compensare il suo modo d’essere con la sua intelligenza estrema, infatti inventa e costruisce cose e con la sua ironia. L’intento è non sfigurare agli occhi del padre Stoik, che è anche il capo di Berk, valoroso guerriero assassino di draghi.

Tutti i tre i film vertono sui temi della sensibilità verso gli animali: oltre il legame d’amicizia speciale che può nascere tra specie diverse; traspare anche come cambia la vita rapportarci agli animali, dobbiamo rispettarli e concedergli libertà.

Ma nell’accattivante trilogia trovano spazio anche questioni universali: amore e amicizia, morte e abbandono, le responsabilità e la crescita, l’accettazione dei propri limiti, le peculiarità e le proprie debolezze.
Credo che il messaggio più ampio sia comunque che se si è una voce fuori dal coro non occorre cambiare ma è bene restare come si è, perché le differenze di pensiero possono contribuire a cambiare il mondo.

Inoltre, lo sapevate che il film, il primo, è in realtà la versione animata di un libro?
Come addestrare un drago scritto da Cressida Cowell e uscito nel 2003.

Leggi anche:

Gli Aristogatti personaggi e curiosità del celebre film Disney

Il Re Leone: tutti i personaggi e doppiatori italiani

Inside Out: i personaggi e i doppiatori italiani

dragon trainer la trilogia

Dragon Trainer il primo film

Il primo film della trilogia, che nel titolo originale si chiama How to Train Your Dragon è uscito nel 2010.

Nel corso di una battaglia contro i draghi, Hiccup riesce a colpire grazie ad un marchingegno che progettato lui stesso, uno dei draghi il più temibile, misterioso e sfuggente: una “furia buia”,questo è il nome della razza.
L’animale, ferito, precipita nella foresta e Hiccup lo insegue per dargli il colpo di grazia: non potrebbe fare cosa migliore, per guadagnare la fiducia di suo padre e migliorare la sua reputazione in tutto il villaggio.

Il drago colpito è immobilizzato in una rete, Hiccup è spaventato ma riesce ad estrarre il coltello e pensa di ucciderlo. Ci prova ma proprio non ci riesce, uccidere una bestia immobilizzata non rientra nelle sue possibilità.
Invece con il coltello che ha in mano decide di tagliare la rete e libera il drago che non lo attacca ma fugge nella foresta.
Però una parte della coda della furia buia è rimasta danneggiata e non può più volare. Hiccup, un po’ per senso di colpa e un po’ per curiosità, guarderà l’animale da lontano per qualche giorno, osservandolo e studiandolo: fino a rendersi conto che non si tratta di un mostro sanguinario come si pensa.

Una delle scene più belle dell’intera trilogia è forse questa; quando il ragazzo e il drago vincono la diffidenza e rispettando le loro differenze, diventano amici per la vita.
Da questo momento in poi, Hiccap terrà nascosta l’amicizia con Sdentato ( così chiamerà la sua furia buia), ma il segreto durerà poco perché verrà scoperto da una sua amica, coetanea.
Riuscirà il giovane ragazzo a far cambiare idea sui draghi a tutto il villaggio, ma soprattutto a suo padre?

Con incassi da record, il film è stato nominato agli Oscar come miglior film d’animazione nel 2011.

Dragon Trainer 2

Adesso vichinghi e draghi vivono in sintonia nel villaggio di Berk, dove Hiccup – che ormai non è più un ragazzino ma ha circa 20 anni – è sempre insieme a Sdentato, ormai il suo migliore amico.

Il padre Stoick vorrebbe che Hiccup prendesse il suo posto come capo del villaggio ma lui non si sente pronto.
Durante un’ esplorazione nel cuore del film avviene uno scontro dei protagonisti con un gruppo di cacciatori di draghi, qui conosceranno Eret, dapprima nemico poi amico alleato e una nuova battaglia sta per arrivare a Berk.

Hiccup vuole evitare il conflitto e pensa di poter ragionare con lo spietato capo dei cacciatori di draghi, che però non sente ragioni e sferra i Drago Alfa, un ‘enorme drago sputa ghiaccio che riesce a comandare e gestire gli altri draghi.

Ma Hiccup, che nel frattempo ha ritrovato sua mamma, anch’essa protettrice di draghi e con un drago Alfa con se, riuscirà a vincere la battaglia: anche se purtroppo, gli costerà cara.

E’ il primo film animato della Dreamworks a vincere il Golden Globe per il miglior film animato.

Dragon Trainer 3 – Il mondo nascosto

Forse il più bello e commovente della trilogia: una perfetta conclusione emozionante della storia di Hiccup e dei draghi, oltre che una spiegazione più che ragionevole sul perché i draghi non esistono più, anzi non li vediamo più.

Adesso Hiccup è un uomo, vive la sua storia d’amore con Astrid , ed è ormai lui il capo di Berk.
Riesce a realizzare il sogno di far convivere pacificamente uomini e draghi.
Assieme a Sdentato e nel tempo libero, continua a liberare i draghi catturati, insieme ai suoi amici, i ragazzi con i quali è cresciuto.
I cacciatori di draghi però sono stanchi delle continue intrusioni di Hiccup e del suo team, così coinvolgono Grimmel il Grifaio, noto sterminatore di furie buie, che quando scoprirà di averne persa una, Sdentato, attuerà un piano dabolico per prendere il suo bottino.

Le minacce di Grimmel fanno prendere la decisione ad Hiccup e all’ intera comunità di fuggire ad ovest, col desiderio di trovare il mondo nascosto :da piccolo suo padre gli raccontava di questo posto, alla fine del mondo, che non è facilmente visibile e che è ucome un altro pianeta dove vivono tutti i draghi.

Alcuni imprevisti. Sdentato incontra una furia chiara e se ne innamora, questa razza di draghi si lega per la vita e Hiccup lo incoraggia senza immaginare che allontanando Sdentato potrebbe perderlo per sempre. Grimmel userà la furia chiara come esca per attirarli entrambi, catturarli e ucciderli.

Il ragazzo deve imparare a convivere senza il suo drago? Riuscirà a liberarlo e proteggerlo?

Qualche curiosità sui film

  • Hiccup è mancino e non si cambia mai i vestiti
  • La voce di Stoik, il padre di Hiccup è di Gerard Buttler
  • Hiccup nel primo scontro\incontro con Sdentato perde una gamba, ma inizialmente doveva uscirne illeso con solo qualche graffio. Così facendo la trilogia tocca anche i temi della disabilità.
  • Sono nati anche cinque cortometraggi sulla saga:
  1. La leggenda del drago Rubaossa
  2. Il libro dei draghi,
  3. Il dono della Furia Buia,
  4. L’inizio delle corse dei draghi
  5. Dragon Trainer: Rimpatriata : una serie televisiva che su eventi che seguono primo film, Dragons, trasmessa su Cartoon Network, una serie di fumetti, intitolati Dragons: Riders of Berk.

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social. Ci aiuterai a crescere!

Visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *