Fermenti lattici in gravidanza: si possono assumere? Ecco il parere dell’esperto

Fermenti lattici in gravidanza: si possono assumere? Ecco il parere dell'esperto
Si possono usare i fermenti lattici durante la gravidanza?
Ciò che di certo sappiamo è che durante la dolce attesa,le donne cambiano i ritmi fisiologici, il loro organismo è più esposto a contrarre disturbi di varia natura e, d’altra parte, non possiamo subito ricorrere in farmacia o affidarci ai rimedi naturali.
Sappiamo bene che dobbiamo stare molto attente e proteggere quella vita che sta crescendo dentro di noi!
Come rafforzare il nostro sistema immunitario allora? Quali fermenti lattici possiamo prendere e, aiutano davvero?
Scopriamolo insieme con l’aiuto di un parere esperto.
Leggi anche:

Gastroenterite in gravidanza: cause, sintomi e rimedi

Ossiuri in gravidanza: cosa sono e come si prendono

Mamme al tempo del coronavirus: come affrontare la giornata con un neonato

fermenti lattici in gravidanza

Cosa sono i fermenti lattici

I fermenti lattici sono quei microrganismi che vivono naturalmente in molti alimenti, ad esempio lo yogurt, ma anche il latte fermentato, i crauti, i formaggi fermentati, oppure prodotti meno conosciuti e comuni come il miso e il tempeh.
Nei supermercati possiamo anche trovare alimenti arricchiti di fermenti, yogurt o bevande alla soia.
Ma li conosciamo anche sotto forma di integratori.
Ma i fermenti lattici in gravidanza, quando possiamo assumerli?
Il fisico di una donna incinta, il suo organismo, si modifica giorno dopo giorno:  allora anche l’alimentazione dovrà essere modificata. Anche perché molte mamme pancine si ritrovano con alcuni odori e sapori che le infastidiscono molto, di conseguenza è l’appetito che cambia e, in alcuni casi, aumenta anche notevolmente, in altri casi addirittura sparisce.
Si adeguerà allora anche l’intestino, l’apparato gastrointestinale così cambia i suoi ritmi da un momento all’altro.
Un rimedio a tutto questo sono i fermenti lattici e i probiotici in gravidanza.

Fermenti lattici gravidanza e i probiotici

L’ organismo di una donna incinta si modifica ogni giorno che passa: sopratutto nel primo trimestre, l’alimentazione si modifica in modo incredibile, spesso odori e sapori infastidiscono le mamme e anche l’appetito varia, in alcuni casi aumenta e in altri sparisce.

Di contro l’intestino deve adeguarsi ai cambiamenti, l’apparato gastrointestinale deve modificare i suoi ritmi in modo repentino.

Un rimedio a tutto questo sono proprio i fermenti lattici e i probiotici in gravidanza.

Fermenti Lattici in gravidanza quali

Ce ne sono di vari tipi e se vengono assunti con regolarità contribuiscono a:

  • rafforzano il sistema immunitario,
  • aiutano la microflora intestinale
  • depurano l’organismo dalle scorie,
  • migliorano l’assorbimento dei micronutrienti
  • prevengono le infezioni del tratto urinario, come le cistiti
L’OMS sui probiotici nel 2011 ha detto: “Sono organismi vivi che conferiscono uno stato di benessere all’organismo ospite se somministrati in concentrazione adeguata”.
Mentre sul Journal of Allergic and Clinical immunology: viene detto che l’assunzione di probiotici durante la gravidanza e di fermenti lattici in allattamento (e non solo), arrivano direttamente al bambino aiutando a ridurre fino alla metà, il rischio di allergie nei neonati che potrebbero esserne soggetti.
Quindi mamme, assumendo specifici probiotici fin dall’inizio della gravidanza e somministrandoli anche al bambino nell’arco del primo anno di età, potrete ridurre fino al 50% il rischio di far comparire allergie nei vostri neonati.
Raccomandata dunque già in gravidanza, l’ assunzione di probiotici, per il benessere di mamma e bambino.
Addirittura ci sono ceppi di probiotici che interagiscono direttamente sull’ecosistema batterico vaginale e mantengono un livello di pH adeguati: ciò contribuisce a prevenire infiammazioni e infezioni come le vaginosi batteriche, candida, cistiti.
Questi disturbi aumentano il rischio di parto pretermine o complicanze post-partum come l’endometrite.

Fermenti lattici benefici

Tra gli altri benefici nei bambini, determinati dall’uso dei fermenti e dei probiotici, troviamo:
  • abbassamento del rischio di eczema nei bambini
  • riduzione dello sviluppo di malattie atopiche,
  • diminuzione dell’insorgenza di allergie alimentari
L’esperto raccomanda l’assunzione dei fermenti e probiotici durante tutto l’arco della gravidanza e nel post partum, perché:
  • rafforza il sistema immunitario;
  • previene le infezioni urinarie;
  • riequilibria la flora intestinale;
  • previene allergie alimentari;
  • diminuisce le malattie atopiche.

I Fermenti lattici fanno male?

Non ci sono controindicazioni dovute all’assunzione dei fermenti lattici in gravidanza.
Sappiamo che ce ne sono di tanti  tipi -di fermenti lattici e probiotici. in commercio, e non tutti hanno la stessa efficacia:consultare il proprio medico di fiducia rimane sempre la soluzione migliore prima di assumerli o di prendere qualsiasi tipo di integratore.

Fermenti lattici in gravidanza quali prendere?

  • Lactobacillus Casei Shirota: aiuta il sistema immunitario intestinale.Utile in caso di stipsi o diarrea acuta.
  • Lactobacillus rhamnosus GG: contrasta le infezioni da rotavirus che causano gastroenterite e dermatite atopica
  • Lactobacillus Reuterii: ideale contro la dissenteria virale e per le coliche gassose nel neonato
  • Lactobacillus Casei infantis: in caso di stipsi, sopratutto per i bambini.
  • Lactobacillus Acidophilus: produce acido lattico favorendo la digestione
  • Bifidobacterium Bifidum: aiuta la produzione di acido folico e nella sintesi delle vitamine B, ideali in gravidanza specialmente nel primo trimestre.

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social. Ci aiuterai a crescere!

Visita anche il profilo Instagram e la pagina Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *